Browsing "Direzionamento di massa"

Soros e Gentiloni

Un interessantissimo articolo su Rinascita dell’incontro tra il braccio finanziario della CIA ed il sostituto primo ministro italiano. Per una miglior comprensione si suggerisce l’articolo del Wall street Journal che riporta la lettera firmata da Soros con la quale dichiara di investire 500 milioni nei profughi e rifugiati in europa .

Soros & Gentiloni, il Predatore e l’Arlecchino

E’ evidente lo sconcerto e la reticenza che – dalle inchieste giudiziarie sulle ONG, le “benefiche” Organizzazioni Non Governative dedite al trasferimento di masse di schiavi africani e del Terzo Mondo in Italia e sulle triangolazioni dei profitti sul business della cosiddetta “accoglienza”, tra lo Stato, con il CARA di Crotone, la ‘Ndrangheta e la pia cattolica “Misericordia” – in materia di immigrazione clandestina e pratiche negriere, dal trasporto all’accoglienza, vengono osservate da tutti i media italiani.
Salvo qualche timida e forzata informazione sui vergognosi casi ormai emersi e giunti a conoscenza anche delle menti più ottenebrate dalla propaganda “umanitaria” – comunque subito annacquata da una controffensiva variegata (una roboante campagna di pubblicità gratuita e anche a pagamento, a reti televisive e stampa unificate, in favore delle “benemerite” ONG “che salvano vite umane” una immediata visita a Roma del “mecenate e filantropo” per antonomasia, quel Georges Soros tanto caro ai predatori italioti della sovranità nazionale, da Andreatta-Prodi a D’Alema e giù giù fino a Gentiloni) – tutto l’apparato “dirittoumanista”, diretto dal papa Francesco, si è eretto a gran voce a favore delle povere vittime delle inchieste. Che, si badi bene, non sono i paria, i “poveri immigrati da accogliere”, ma chi li organizza, li trasporta e sfrutta: i negrieri, insomma.
Riassumiamo.

Chi è George Soros

Chi è George Soros?

Finite nel nulla le precedenti denuncie sul traffico globale di nuovi schiavi (inutile ricordare ad esempio quanto più volte ricordato da queste stesso giornale cartaceo sulle vergognose triangolazioni della Caritas fin dai tempi della crisi dei barconi dall’Albania, traffico di armi per i terroristi del Kosovo incluso, con tanto di sequestro di un carico Caritas finito negli archivi di qualche Procura politicamente corretta), il bubbone delle ONG è finalmente scoppiato grazie al giovane blogger Luca Donadel, che aveva pubblicato su Youtube i tracciati del vergognoso servizio-taxi che preleva i migranti a poche miglia delle coste libiche appena i barconi da lì salpano, e li porta nella “penisola dell’accoglienza”. E ovviamente merito di quelle Procure della Repubblica che hanno avuto il merito di mettersi contro i poteri forti che sostengono l’invasione programmata dell’Italia. Read more »

il piano Kalergi

Dal 2012 si sente sempre pù spesso parlare del piano Kalergi. Molti sapranno ormai di cosa si tratta e le convinzioni che sia una bufala sono tante quante sono quelle del contrario. Quello che sta di fatto è che il piano Kalergi piace all’estrema Destra, ma anche all’estrema Sinistra (per cercare di opporsi al disegno di frantumazione dell’identità nazionale delle élite, beninteso). Sia Forza nuova, che Sel, infatti hanno ospitato in questi ultimi mesi le presentazioni del libro “La verità sul Piano Kalergi” che l’autore Matteo Simonetti, giornalista, scrittore, oltre che docente di storia e filosofia, sta proponendo lungo tutta la Penisola.

Chi non sapesse ancora di cosa si tratta può fare una ricerca su google e trovare versioni e considerazioni a 360 gradi. Chi volesse leggere il libro e farsi autonomamente un’idea puo’ trovarlo nei link in fondo a questo articolo.

In conclusione quello che riporta è: “Ma come mai gli immigrati non scelgono oltre rotte invece di sbarcare in paesi occidentali così culturalmente diversi dai loro ? Perchè non prediligono i paesi Arabi ricchi quali il Kuwait, l’Arabia Saudita, o il Qatar? Non avrebbero problemi di Read more »

Il quinto potere SFASCISTA

Da un po di tempo mi ripeto una domanda cercando di trovare una risposta convincente. La domanda riguarda i mezzi d’informazione ed i loro introiti. Molti non sono minimamente a conoscenza dei ricavi pubblicitari che determina uno spot di 30 secondi e molti sono restii ad accettare che uno spot di 30 secondi puo’ anche superare i 100.000 euro, anche se e’ facilmente verificabile sul sito di Publitalia. Ed ovviamente il prezzo degli spot varia a seconda del programma in onda in quel momento, al quale sono legate determinate previsioni di audience. tv_hipnosis
A questo punto chiunque sarebbe portato a pensare che le TV cercheranno di avere programmi di alta qualita’ che possano attrarre un maggior numero di telespettatori e sopratutto cercare di non sprecare tempo prezioso che potrebbe essere destinato a produrre grandissimi introiti. E qui, per chi sa osservare attentamente la realta’ sorge il dubbio. Infatti questo presupposto nella realta’ trova applicazionema non in maniera cosi dominante. Se osserviamo la realta’ vediamo che la totalita’ dei canali dedica ampissimi spazi ad una pluralita’ di trasmissioni (talk show, inchieste, notiziari, approfondimenti politici…) che hanno un unico punto in comune vale a dire lo sfascismo inteso come la reiterazione di pseudo notizie strumentalizzate unicamente nella direzione del “e’ tutto un magna magna”. Con una ripetizione ossessiva di cose che non funzionano, di scandali, di ingiustizie. Molti di questi programmi sono evidentemente montati ma non e’ questo il punto. Read more »

Anche nel calcio l’inglesismo trionfa grazie ad AGEVOLAZIONI uniche che ne permettono una crescita “drogata”

Il dominio politico-sociale attuato nel mondo da parte degli anglo-americani e’ basato sulla promulgazione di regolamenti sovranazionali che valgono per gli altri ma non per questi due paesi. Molto spesso la gente non si rende conto delle disparita’ di trattamento o del mancato rispetto delle regole da parte di questi paesi, in quanto gran parte della gente comune non e’ in grado di costruire un pensiero negativo orientato verso questi paesi la cui propaganda fa credere a molti che siano il massimo per quello che riguarda: democrazia, liberta’, scienza, musica, film, arte… IL CALCIO NON E’ ESENTE DA QUESTA LOBOTOMIZZAZIONE GENERALIZZATA e lo dimostra il fatto che la Gran Bretagna ha ben 4 nazionali.

L’Inghilterra, la Scozia, il Galles e l’Ulster (Irlanda del nord) sono le uniche “regioni” ad avere riconosciuta una propria federazione calcistica e di conseguenza un canpionato di calcio ed una squadra nazionale ANCHE SE NON RAPPRESENTANO UNA NAZIONE e non e’ una banale divisione burocratica perche’ ciò influenza le partecipazioni alle Coppe.

Per fare un’esempio, sarebbe come se in Italia vi fosse il campionato e la nazionale del settentrione, quelli del centro, quelli del meridione e quelli delle isole: UN’ASSURDITA’ TOTALE. Tale assurdita’ pero’ E’ CUSTODITA GELOSAMENTE DAI BRITANNICI in quanto aumenta a dismisura gli introiti che La Gran Bretagna riceve nel suo complesso da UEFA e FIFA che ammontano a CENTINAIA DI MILIONI DI EURO per i diritti Read more »

Outbrain e Taboola i nuovi creatori di opinioni

Da un po di tempo sto facendo considerazioni su un particolare ormai presente su tutti gli organi d’informazione online. Anche se ormai siamo abituati alla pubblicita’ ed alle inserzioni varie che riempiono i siti internet, probabilmente in questo caso non e’ il caso di essere superficiali ed etichettare come pubblicita’ a scopo di lucro questa nuova pratica diffusissima.
Mi riferisco al fatto di inserire al termine di un articolo di un giornale (o simili) di un riquadro dove vengono richiamate delle notizie “forse potrebbe interessarti…” oppure “guarda anche…” che vengono proposte in maniera tale da far pensare che siano notizie dello stesso giornale, con lo scopo di non far abbandonare il sito al lettore e di fornirgli ulteriori notizie sull’argomento trattato. Sembrerebbe insomma una delle tante pubblicita’ che ormai affollano in modalita’ sempre nuove e sempre piu invasive le pagine web di ogni tipo.

Se non etichettiamo a priori la cosa come pubblicita’, ma osserviamo bene e facendo alcune verifiche iniziano ad emergere fatti concreti che lasciano spazio a dubbi sempre piu’ grandi. Innanzitutto si nota come questo riquadro non viene gestito dall’editore del giornale o dal sito web ma viene esplicitamente riportato che e’ “offerto” da una ditta privata. Si potrebbe immaginare che la ditta sia la solita societa’ parallella che si occupa della raccolta pubblicitaria ma non e’ cosi. Non e’ cosi perche’ la ditta e’ la stessa anche su altri giornali. Andando ad analizzare gli organi d’informazione e’ facile rilevare come tutti questi spazi siano gestiti da DUE DITTE in una situazione di duopolio a livello mondiale. Si proprio a livello mondiale, perche’ le stesse ditte sono presenti anche in altri organi d’informazione di altri paesi anche i piu’ sperduti. Queste due ditte, come chiunque potra facilmente verificare si chiamano Taboola e Outbrain.

Mi sembra strano che delle societa’ lontane dall’Italia sappiano quali sono le notizie d’interesse per ogni cittadino italiano ed anche per quelli di tutti Read more »

Per gente abituata a credere alla pubblicita’, la propaganda subdola e’ irrilevabile e per questo efficacissima

La propaganda, per essere efficace, deve suddividere le persone in base al loro livello culturale e propinare azioni ben specifiche legate al livello culturale delle persone sulle quali vuole far presa. Quindi la propaganda ha diversi target in base al livello culturale a cui e’ diretta, con il risultato che risultera’ piu’ esplicita (e per molti comica) quella diretta a persone con un livello culturale piu basso, per poi raffinarsi e divenire via via piu subdola e raffinata man mano che il target culturale cresce. Per la maggior parte delle persone abituate quotidianamente a credere alla pubblicita, la propaganda subdola e’ totalmente irrilevabile e per questo efficacissima.

E’ difficile, per motivi di orgoglio, accettare che il prodotto del nostro pensiero non sia nostro ma sia stato indotto da altri, ancor piu’ se l’induttore ci tranquillizza dicendo: “non siete cosi stupidi da farvi mettere idee in testa da altri“, ed in questo modo lo spettatore abbassa le difese e, alla fine, permette alle grandi aziende di non gettare al vento i miliardi spesi in pubblicita’ (se cosi non fosse, dovrebbero spiegarci perche’ spendono cifre stratosferiche in spot pubblicitari. Sono forse loro gli stupidi?).

Ma la propaganda non e’ solo commerciale. Il commercio ha imparato che per vendere bene qualsiasi prodotto bisogna creare il terreno. Se la societa’ non va in una certa direzione, certi prodotti non si vendono (es. i prodotti suini ed alcolici nei paesi musulmani; acqua minerale dove vi e’ acqua potabile disponibile), quindi bisogna prima direzionare la societa’ in maniera da poter far attecchire il seme del bisogno. Quando mi chiedo perche’ i produttori americani producano solo film dove si spara e si uccide, mi ricordo subito che la societa’ americana e’ quella con il piu alto numero di persone che possiedono un arma (e non vedono l’ora di usarla).

Nel momento in cui ci si appresta a vedere un film statunitense  (o distributo da catene USA) bisogna essere ben consapevoli che produttori e distributori hanno sempre finanziato profumatamente le campagne presidenziali americane e – di conseguenza – il congresso americano ha nel suo bilancio contributi per migliaia di miliardi destinati a hollywood (che altrimenti sarebbe gia’ fallita) il cui vero scopo e’ quello di portare la novella a stelle e strisce laddove non arriva la tv americana o non si capisce l’inglese (il cinema infatti permette il doppiaggio e la sottotitolatura che la TV non permette agevolmente).

Read more »

Ma quali scuse di Castro?

Nei giorni scorsi si e’ svolta la Cumbre de Las Americas il meeting di tutti i capi di governo di america del nord, sud e caraibi (che fanno parte della CELAC, da non confondere con OSA).
In tutto il mondo i giornali e le tv hanno ripetuto all’unisono la solita falsa canzoncina: “Castro chiede scusa a Obama” hanno riportato tantissimi media anche quelli che sembrano schierarsi contro gli stati uniti.
In realta’ le cose non sono andate affatto cosi’ e Raul Castro nel suo intervento ha riportato per 17 minuti la storia dell’invasione USA di Cuba, dei loro bombardamenti, dei loro sbarchi e dei tentativi di uccidere Fidel e lui stesso, di quante persone sono morte a causa Read more »

Il vero scandalo e’ scandalizzarsi

tratto da comedonchisciotte

Lo scandalo è… il vero scandalo, […]
Non vi hanno detto apertamente che è stata combattuta una guerra – naturalmente non con mezzi militari, ma, soprattutto, con strumenti finanziari, psicologici, teconologici, culturali e mediatici – contro gli altri, la gente comune, gli indifesi, i disarmati, gli umili, i poveri, i meserabili, ecc… Non vi hanno detto apertamente che la famosa Caduta del Muro ha cancellato progressivamente le conquiste sul piano del welfare, della politica sociale, sanitaria, dell’istruzione universalista, ecc… E’ tuttavia, ovvio che la grande vittoria della “superclasse dei supericchi” – e di quei ricchi che vi si riconoscono senza se e senza ma – ha comportata la denigrazione, la demonizzazione e la criminalizzazone dello Stato “dirigista” o, comunque, interventista sul piano economico, finanziario e , quindi, sociale. Lo stato – e quindi ogni partito – di tinte anche solo socialdemocratiche è stato tranquillamente e sbrigativamente bollato come “tirannico” e “antidemocratico, reo di imporre una spesa pubblica eccessiva e troppe tasse deprimendo così la libera iniziativa dell’impresa privata.

Così l'”anarcocapitalismo” alla Nozick ha fatto scuola e tendenza e così Read more »

Goldman, JP Morgan e i miliardari finanziano il matrimonio gay

tratto da: COBRAF.COM

Goldman Sachs e JP Morgan oggi lodano la decisione della Corte Suprema USA (1), che ha cancellato la legge, approvata tramite referendum popolare in California, che dichiarava il matrimonio un unione tra uomo e donna. Queste banche emettono comunicati su tutte le questioni politiche importanti ? No, affatto, in genere anzi stanno attente a non schierarsi…

I fondi hedge più importanti di New York hanno finanziato direttamente le campagne per far cancellare questa legge sul matrimonio e hanno finanziato con milioni i politici che si dichiarassero pro-gay. A New York in pratica il matrimonio e adozioni gay sono passati grazie ai milioni di dollari pompati da tre trader di mega hedge funds (Paul Singer, Dan Loeb e Cliff Asness) (2), i quali hanno letteralmente comprato i politici che ancora avevano dubbi.

Inoltre diversi miliardari da Jeff Bezos di Amazon a Bill Gates hanno donato Read more »

Minimo comune denominatore : E’ tutto un magna magna.

Anni 90

E’ tutto un magna magna + l’imprenditore privato fatto da solo = Berlusconi

Anni 2000

E’ tutto un magna magna + Roma ladrona = Bossi

2013

E’ tutto un magna magna + Gente nuova al governo = Grillo.

 

Minimo comune denominatore : E’ tutto un magna magna.

 

E’ incredibile come, dopo che la prima repubblica era finita al grido di “E’ tutto un magna magna”, per oltre 20 anni chiunque abbia cavalcato lo stesso cavallo sia pur brandendo spade diverse abbia avuto il consenso di grandi fette della popolazione e sia arrivato al governo.

Questa e’ la democrazia.

Servono altre dimostrazioni per dire che la democrazia e’ dannosa e bisogna avviarsi sulla strada di nuovi metodi di governo? La de-ideologizzazione di massa è stata sbandierata come un avanzamento della civiltà fin dagli anni ottanta, in contemporanea con la leggenda del villaggio globale prossimo venturo, a sostegno dell’affermazione dell’ideologia di legittimazione neocapitalista (mercato e liberaldemocrazia)

Non sarebbe forse ora di rendersi conto che e’ proprio il liberismo assoluto – economico e sociale – che permette ai piu’ potenti di fare quello che vogliono grazie all’investitura democratica?

Forse sarebbe ora di inizia a considerare nuovi sistemi di governo partendo magari dall’esaminare come possano essere applicati metodi gia’ sperimentati e che si rivelano funzionali da MILLENNI tanto e’ vero che chi li adotta e’ ancora li nonostante rivoluzioni copernichiane e francesi. Ad esempio il metodo di governo Read more »

Pagine:12»