Browsing "Mezzi d’informazione"

Una spinta al consumismo

Istintivamente cerchiamo di sfuggire agli stimoli che generano paura. Producendo la paura possiamo alterare il comportamento della gente. Una volta impauriti, regrediamo, passo dopo passo a comportamenti infantili e animali.

[Ernest Dichter e il suo libro The Handbook of Consumer Motivations.]


tv

Mi sono sempre chiesto cosa spinga la maggior parte delle persone a stare attaccato al televisore e vedere in continuazione film dove muore un loro simile . E più le scene sono realistiche e sofferenti e più lo spettatore non riesce a staccarsi.

Cosa li tiene attaccati e sopratutto PERCHE’ CONTINUANO AD INONDARCI DI VIOLENZA? il cineme e la tv non dovrebbero essere un arte? possiamo definire arte una cosa che decurtata della violenza perde ogni attrattiva?

il piano Kalergi

Dal 2012 si sente sempre pù spesso parlare del piano Kalergi. Molti sapranno ormai di cosa si tratta e le convinzioni che sia una bufala sono tante quante sono quelle del contrario. Quello che sta di fatto è che il piano Kalergi piace all’estrema Destra, ma anche all’estrema Sinistra (per cercare di opporsi al disegno di frantumazione dell’identità nazionale delle élite, beninteso). Sia Forza nuova, che Sel, infatti hanno ospitato in questi ultimi mesi le presentazioni del libro “La verità sul Piano Kalergi” che l’autore Matteo Simonetti, giornalista, scrittore, oltre che docente di storia e filosofia, sta proponendo lungo tutta la Penisola.

Chi non sapesse ancora di cosa si tratta può fare una ricerca su google e trovare versioni e considerazioni a 360 gradi. Chi volesse leggere il libro e farsi autonomamente un’idea puo’ trovarlo nei link in fondo a questo articolo.

In conclusione quello che riporta è: “Ma come mai gli immigrati non scelgono oltre rotte invece di sbarcare in paesi occidentali così culturalmente diversi dai loro ? Perchè non prediligono i paesi Arabi ricchi quali il Kuwait, l’Arabia Saudita, o il Qatar? Non avrebbero problemi di Read more »

Il quinto potere SFASCISTA

Da un po di tempo mi ripeto una domanda cercando di trovare una risposta convincente. La domanda riguarda i mezzi d’informazione ed i loro introiti. Molti non sono minimamente a conoscenza dei ricavi pubblicitari che determina uno spot di 30 secondi e molti sono restii ad accettare che uno spot di 30 secondi puo’ anche superare i 100.000 euro, anche se e’ facilmente verificabile sul sito di Publitalia. Ed ovviamente il prezzo degli spot varia a seconda del programma in onda in quel momento, al quale sono legate determinate previsioni di audience. tv_hipnosis
A questo punto chiunque sarebbe portato a pensare che le TV cercheranno di avere programmi di alta qualita’ che possano attrarre un maggior numero di telespettatori e sopratutto cercare di non sprecare tempo prezioso che potrebbe essere destinato a produrre grandissimi introiti. E qui, per chi sa osservare attentamente la realta’ sorge il dubbio. Infatti questo presupposto nella realta’ trova applicazionema non in maniera cosi dominante. Se osserviamo la realta’ vediamo che la totalita’ dei canali dedica ampissimi spazi ad una pluralita’ di trasmissioni (talk show, inchieste, notiziari, approfondimenti politici…) che hanno un unico punto in comune vale a dire lo sfascismo inteso come la reiterazione di pseudo notizie strumentalizzate unicamente nella direzione del “e’ tutto un magna magna”. Con una ripetizione ossessiva di cose che non funzionano, di scandali, di ingiustizie. Molti di questi programmi sono evidentemente montati ma non e’ questo il punto. Read more »

Outbrain e Taboola i nuovi creatori di opinioni

Da un po di tempo sto facendo considerazioni su un particolare ormai presente su tutti gli organi d’informazione online. Anche se ormai siamo abituati alla pubblicita’ ed alle inserzioni varie che riempiono i siti internet, probabilmente in questo caso non e’ il caso di essere superficiali ed etichettare come pubblicita’ a scopo di lucro questa nuova pratica diffusissima.
Mi riferisco al fatto di inserire al termine di un articolo di un giornale (o simili) di un riquadro dove vengono richiamate delle notizie “forse potrebbe interessarti…” oppure “guarda anche…” che vengono proposte in maniera tale da far pensare che siano notizie dello stesso giornale, con lo scopo di non far abbandonare il sito al lettore e di fornirgli ulteriori notizie sull’argomento trattato. Sembrerebbe insomma una delle tante pubblicita’ che ormai affollano in modalita’ sempre nuove e sempre piu invasive le pagine web di ogni tipo.

Se non etichettiamo a priori la cosa come pubblicita’, ma osserviamo bene e facendo alcune verifiche iniziano ad emergere fatti concreti che lasciano spazio a dubbi sempre piu’ grandi. Innanzitutto si nota come questo riquadro non viene gestito dall’editore del giornale o dal sito web ma viene esplicitamente riportato che e’ “offerto” da una ditta privata. Si potrebbe immaginare che la ditta sia la solita societa’ parallella che si occupa della raccolta pubblicitaria ma non e’ cosi. Non e’ cosi perche’ la ditta e’ la stessa anche su altri giornali. Andando ad analizzare gli organi d’informazione e’ facile rilevare come tutti questi spazi siano gestiti da DUE DITTE in una situazione di duopolio a livello mondiale. Si proprio a livello mondiale, perche’ le stesse ditte sono presenti anche in altri organi d’informazione di altri paesi anche i piu’ sperduti. Queste due ditte, come chiunque potra facilmente verificare si chiamano Taboola e Outbrain.

Mi sembra strano che delle societa’ lontane dall’Italia sappiano quali sono le notizie d’interesse per ogni cittadino italiano ed anche per quelli di tutti Read more »

PRIVATIZZAZIONI: COSI’ CI SIAMO FATTI RUBARE TUTTO !

La storia delle privatizzazioni e dei privatizzatori che hanno svuotato questo Paese di ogni sua ricchezza, trasformandolo da settima potenza economica mondiale a un grande discount per ricchi speculatori senza scrupoli. Il racconto di Valerio Lo Monaco, direttore della Voce del Ribelle.

Buongiorno Claudio e buongiorno a tutti i lettori del tuo blog! Verso la fine di novembre, il Ministro dei Trasporti, Graziano Del Rio, ha rilasciato una dichiarazione. Ha detto che, nel corso del 2016, il 40% delle Ferrovie dello Stato verrà privatizzato.  O meglio: Ferrovie dello Stato verrà quotata in borsa e in borsa saranno messi appunto il 40% delle azioni. Una postilla a questa operazione, epsressa nel classico “bizantinismo” del linguaggio politico, è il fatto che Ferrovie dello Stato si riserva di mantenere il controllo delle infrastrutture, cioè vale a dire della rete ferroviaria, mentre invece la veicolazione dei mezzi su questa rete ferroviaria, perlomeno per il 40%, verrà ulteriormente privatizzata.

Questa è solo l’ultima, in ordine di tempo, di tutta una serie di privatizzazioni che sono state fatte nel corso degli anni. I criteri che vengono veicolati per giustificare le privatizzazioni sono da una parte quello di fare cassa (perché avendo un debito pubblico alle stelle, avremmo bisogno di vendere) e dall’altro lato quello di consentire un migliore utilizzo di opere pubbliche, di beni pubblici, di asset pubblici che invece, se gestiti dallo Stato, verrebbero gestiti male. Ma vediamo, in nome di questi criteri, cosa è stato fatto nel corso degli anni.

Il divorzio tra la Banca d’Italia e il Tesoro

Una prima data storica che va assolutamente scolpita nella testa è quella del 1981/82, perché sancisce il divorzio tra la Banca d’Italia e il Tesoro. All’epoca il Governo era quello di Forlani e di Spadolini, membro del gruppo Bilderberg, e Banca d’Italia era allora diretta da Carlo Azeglio Ciampi. Però l’uomo chiave di questa operazione si chiamava Beniamino Andreatta, che fu colui che sancì il divorzio tra il Tesoro e la Banca d’Italia. In parole povere, fino a quel momento Read more »

Per gente abituata a credere alla pubblicita’, la propaganda subdola e’ irrilevabile e per questo efficacissima

La propaganda, per essere efficace, deve suddividere le persone in base al loro livello culturale e propinare azioni ben specifiche legate al livello culturale delle persone sulle quali vuole far presa. Quindi la propaganda ha diversi target in base al livello culturale a cui e’ diretta, con il risultato che risultera’ piu’ esplicita (e per molti comica) quella diretta a persone con un livello culturale piu basso, per poi raffinarsi e divenire via via piu subdola e raffinata man mano che il target culturale cresce. Per la maggior parte delle persone abituate quotidianamente a credere alla pubblicita, la propaganda subdola e’ totalmente irrilevabile e per questo efficacissima.

E’ difficile, per motivi di orgoglio, accettare che il prodotto del nostro pensiero non sia nostro ma sia stato indotto da altri, ancor piu’ se l’induttore ci tranquillizza dicendo: “non siete cosi stupidi da farvi mettere idee in testa da altri“, ed in questo modo lo spettatore abbassa le difese e, alla fine, permette alle grandi aziende di non gettare al vento i miliardi spesi in pubblicita’ (se cosi non fosse, dovrebbero spiegarci perche’ spendono cifre stratosferiche in spot pubblicitari. Sono forse loro gli stupidi?).

Ma la propaganda non e’ solo commerciale. Il commercio ha imparato che per vendere bene qualsiasi prodotto bisogna creare il terreno. Se la societa’ non va in una certa direzione, certi prodotti non si vendono (es. i prodotti suini ed alcolici nei paesi musulmani; acqua minerale dove vi e’ acqua potabile disponibile), quindi bisogna prima direzionare la societa’ in maniera da poter far attecchire il seme del bisogno. Quando mi chiedo perche’ i produttori americani producano solo film dove si spara e si uccide, mi ricordo subito che la societa’ americana e’ quella con il piu alto numero di persone che possiedono un arma (e non vedono l’ora di usarla).

Nel momento in cui ci si appresta a vedere un film statunitense  (o distributo da catene USA) bisogna essere ben consapevoli che produttori e distributori hanno sempre finanziato profumatamente le campagne presidenziali americane e – di conseguenza – il congresso americano ha nel suo bilancio contributi per migliaia di miliardi destinati a hollywood (che altrimenti sarebbe gia’ fallita) il cui vero scopo e’ quello di portare la novella a stelle e strisce laddove non arriva la tv americana o non si capisce l’inglese (il cinema infatti permette il doppiaggio e la sottotitolatura che la TV non permette agevolmente).

Read more »

Ma quali scuse di Castro?

Nei giorni scorsi si e’ svolta la Cumbre de Las Americas il meeting di tutti i capi di governo di america del nord, sud e caraibi (che fanno parte della CELAC, da non confondere con OSA).
In tutto il mondo i giornali e le tv hanno ripetuto all’unisono la solita falsa canzoncina: “Castro chiede scusa a Obama” hanno riportato tantissimi media anche quelli che sembrano schierarsi contro gli stati uniti.
In realta’ le cose non sono andate affatto cosi’ e Raul Castro nel suo intervento ha riportato per 17 minuti la storia dell’invasione USA di Cuba, dei loro bombardamenti, dei loro sbarchi e dei tentativi di uccidere Fidel e lui stesso, di quante persone sono morte a causa Read more »

Il vero scandalo e’ scandalizzarsi

tratto da comedonchisciotte

Lo scandalo è… il vero scandalo, […]
Non vi hanno detto apertamente che è stata combattuta una guerra – naturalmente non con mezzi militari, ma, soprattutto, con strumenti finanziari, psicologici, teconologici, culturali e mediatici – contro gli altri, la gente comune, gli indifesi, i disarmati, gli umili, i poveri, i meserabili, ecc… Non vi hanno detto apertamente che la famosa Caduta del Muro ha cancellato progressivamente le conquiste sul piano del welfare, della politica sociale, sanitaria, dell’istruzione universalista, ecc… E’ tuttavia, ovvio che la grande vittoria della “superclasse dei supericchi” – e di quei ricchi che vi si riconoscono senza se e senza ma – ha comportata la denigrazione, la demonizzazione e la criminalizzazone dello Stato “dirigista” o, comunque, interventista sul piano economico, finanziario e , quindi, sociale. Lo stato – e quindi ogni partito – di tinte anche solo socialdemocratiche è stato tranquillamente e sbrigativamente bollato come “tirannico” e “antidemocratico, reo di imporre una spesa pubblica eccessiva e troppe tasse deprimendo così la libera iniziativa dell’impresa privata.

Così l'”anarcocapitalismo” alla Nozick ha fatto scuola e tendenza e così Read more »

Le vere armi di distruzione di massa

tratto da: comedonchisciotte.it

“Perché io dico poveri noi? Perché voi, il pubblico, ed altri sessantadue milioni di Americani, ascoltate me in quest’istante. Perché meno del 3% di voialtri legge libri, capito? Perché meno del 15% di voi legge giornali o riviste. Perché l’unica verità che conoscete è quella che ricevete alla tv. Attualmente, c’è da noi un’intera generazione che non ha mai saputo niente che non fosse trasmesso alla tv. La tv è la loro Bibbia, la suprema rivelazione! La tv può creare o distruggere presidenti, papi, primi ministri. La tv è la più spaventosa, maledettissima forza di questo mondo senza Dio. E poveri noi se cadesse nelle mani degli uomini sbagliati. […] Perché questa società è ora nella mani della CCA, la Communication Corporation of America […]. E quando una tra le più grandi corporazioni del mondo controlla la più efficiente macchina per una propaganda fasulla e vuota, in questo mondo senza Dio, io non so quali altre cazzate verranno spacciate per verità, qui!

Quindi ascoltatemi. Ascoltatemi! La televisione non è la verità! La televisione è un maledetto parco di divertimenti, la televisione è un circo, un carnevale, una troupe viaggiante di acrobati, cantastorie, ballerini, cantanti, giocolieri, fenomeni da baraccone, domatori di leoni, giocatori di calcio! Ammazzare la noia è il nostro solo mestiere.

Quindi, se volete la verità andate da Dio, andate dal vostro guru. Andate dentro voi stessi, amici, perché quello è l’unico posto dove troverete mai la verità vera! Sapete, da noi non potrete mai ottenere la verità. Vi diremo tutto quello che volete sentire mentendo senza vergogna: noi vi diremo che… che Nero Wolfe trova sempre l’assassino e che nessuno muore di cancro in casa del dottor Kildare! E per quanto si trovi nei guai il nostro eroe, non temete: guardate l’orologio, alla fine dell’ora l’eroe vince. Vi diremo qualsiasi cazzata vogliate sentire! Noi commerciamo illusioni, niente di tutto questo è vero! Ma voi tutti ve ne state seduti là, giorno dopo giorno, notte dopo notte, di ogni età, razza, fede. Conoscete soltanto noi. Già cominciate a credere alle illusioni che fabbrichiamo qui. Cominciate a credere che la tv è la realtà, e che le vostre vite sono irreali. Voi fate tutto quello che la tv vi dice: vi vestite come in tv, mangiate come in tv, tirate su bambini come in tv, persino pensate come in tv! Questa è pazzia di massa! Siete tutti matti! In nome di Dio, siete voialtri la realtà. Noi, siamo le illusioni. Quindi spegnete i vostri televisori, spegneteli ora. Spegneteli immediatamente! Spegneteli e lasciateli spenti! Spegnete i televisori proprio a metà della frase che sto dicendo adesso, spegneteli subito!”.

“Questa non è più una nazione di individui indipendenti, oramai. È una nazione composta da duecento e oltre milioni di esseri transistorizzati, deodorizzati, più bianchi del bianco, tutti profumati al limone: del tutto inutili come esseri umani, e rimpiazzabili come pezzi di un’auto.”

Monologo tratto dal film “Quinto potere” (1976)di Sidney Lumet

In memoria di Sidney Lumet (e di Orson Welles)

Considerando la grave e disastrosa situazione politica, ambientale, economica, finanziaria e culturale in cui versa il nostro sfortunato pianeta – sfortunato per aver incontrato il destino dell’uomo sul suo cammino – dovrebbe essere scoccata da tempo l’ora del rinnovamento e del cambiamento definitivo e radicale del paradigma dominante. Invece dietro il frastuono, il chiacchiericcio e la frenesia quotidiane si avverte ineludibile e implacabile il silenzioso deserto delle coscienze. Apparentemente da decenni viviamo e conviviamo in una condizione di letargo intellettuale e cognitivo, un sonno che accompagna i nostri passi, le nostre movenze, le nostre azioni e l’assenza di pensieri che siano autenticamente nostri. Nonostante la letteratura scientifica abbia da tempo coniato il termine “postdemocrazia”, mai come in questi anni siamo stati bombardati da sostantivi comodi, accomodanti e consolatori come “democrazia” e “libertà”. Siamo stati abituati sin troppo bene alle astrusità di teorici, politologi e sociologi come Fukuyama che, probabilmente su commissione, hanno trionfalisticamente ed entusiasticamente proclamato la “fine della storia”, con l’avvento di una società che per comodità possiamo etichettare con il termine abusato di “turbo capitalista”. Eppure… Eppure se i nostri posteri acquisteranno un giorno un’autentica consapevolezza degli accadimenti del nostro al mondo, sorrideranno pensando al passato e nei loro libri o saggi di storia descriveranno la nostra era come quanto di più lontano o distante possa essere concepito dalla normale nozione di democrazia e libertà dell’uomo. Forse non avranno remore a dipingere noi – disgraziati antenati – come una sorta di nuova classe di schiavi, che si è crogiolata e beata in una condizione di oppressione inconsapevolmente accettata. In effetti perché una società sia autenticamente democratica e riesca a promuovere e ad assecondare le naturali inclinazioni ed aspirazioni degli individui, occorre che coloro che la compongono siano cittadini, rousseauinamente educati e pensare ed agire secondo ragione e a concepire un interesse per quel bene comune che costituisce la reale essenza della politica genuinamente intesa. In poche parole sono necessarie l’istruzione, la cultura, una maturazione del senso estetico e un certo livello di benessere economico ma, soprattutto, “qualitativo”. Solo così l’uomo si può dotare di quella corazza che protegge dal quella latente fragilità che può sconfinare nella bestialità, nell’indolenza, nell’apatia, nell’indifferenza e nell’insensibilità. Per assurgere a tale e difficile condizione i comuni mortali che hanno a cuore sé stessi e “gli altri” sviluppano “naturali” relazioni sociali nel contesto familiare, a scuola, in ambito lavorativo, ecc… Tuttavia noi sappiamo bene – anche se forse inconsapevolmente – che “qualcosa” si è frapposto fra noi e gli altri, “qualcosa” che si è fatto schermo riflettente e barriera al tempo stesso impedendoci di afferrare la realtà da un lato e di aspirare a una cittadinanza ricca di contenuti dall’altro.

Come è potuto accadere ciò ?

Si tratta di un destino inevitabile, scritto nelle stelle ?

Oppure il prodotto dell’ingegno umano ?

Che la presenza di istituzioni rappresentative, democratiche e informate alla dottrina di separazione dei poteri non costituisse una garanzia veramente solida per i diritti individuali dei cittadini, era già stato intuito da un illustre e importante filosofo e storico francese, illuminista e di estrazione aristocratica, quell’Alexis De Tocqueville, precursore della sociologia moderna e autore del monumentale classico “Democrazia in America” scritto fra il 1832 e il 1840 e frutto di un’attenta e lucida osservazione dell’assetto sociale e istituzionale della giovanissima nazione che avrebbe dominato la scena internazionale dei secoli successivi. A differenza dei suoi contemporanei come Bonald e De Maistre, aristocratici e reazionari detrattori delle dottrine egualitarie, Tocqueville credeva nella possibilità di conciliare le libertà individuali con l’instaurazione di una forma di governo democratica. Figura a quel tempo unica nel panorama intellettuale, egli temeva che i tempi nuovi avrebbero potuto condurre a una nuova forma di tirannia non più fondata sul censo o sul privilegio, ma sul governo della maggioranza senza bilanciamenti o freni di sorta. Rispetto alle tendenze democratiche presenti negli stati europei, Tocqueville aveva ravvisato come negli Stati Uniti d’America fossero largamente diffuse quelle risorse sociali e istituzionali utili a porre un argine al potere della maggioranza, attraverso la proliferazione delle associazioni, il decentramento amministrativo e un forte spirito individualistico. Tuttavia, nonostante i toni ammirati presenti in alcune pagine, egli non potè fare a meno di registrare il conformismo dilagante nella popolazione americana, accompagnato dalla scarsità di spazi dedicati alla discussione. Quasi con spirito profetico e ancora degno di lettura e riflessione, quell’aristocratico francese aveva compreso – attraverso un’accurata descrizione ed analisi dei vizi e dei difetti delle nuove democrazie che si erano affermate nel Vecchio e nel Nuovo Continente – che la tirannia dei tempi moderni si sarebbe manifestato con un volto gradevole e paterno attraverso la promozione del conformismo e del benessere. Il padre “democratico” tende a mantenere i suoi figli in uno stato di perenne infanzia prendendosi cura dei loro bisogni e dei loro desideri. Con Tocqueville viene concettualizzata una schiavitù di tipo nuovo, qualcosa che opprime lo spirito di libertà rendendo gli individui indistinguibili nella massa e, perciò, relegando ai margini la cittadinanza autenticamente consapevole dei propri diritti. Per quanto autorevole, la voce di Tocqueville in quel tempo rimase isolata…

I decenni che, immediatamente, precedettero l’ingresso nel nuovo secolo ricco di promesse, furono complicati e difficili. Se da un lato i paesi europei erano attraversati da fermenti di progresso e di sviluppo che mai furono conosciuti a memoria d’uomo e il pensiero politico e sociologico lasciava largo spazio alle istanze ottimiste e progressiste del marxismo e del positivismo, qualcosa si muoveva da sponde insospettabili. Fondando la psicologia moderna e muovendo da una generale messa in discussione del paradigma “biologico” allora dominante nelle scienze psichiatriche, Sigmund Freud indagò le segrete forze dell’inconscio umano, sottratte alla ragione eppure così presenti nella vita degli individui, mentre il filosofo e filologo tedesco Friedrich Nietzche – che alla società consumista, edonista e del benessere, aveva dedicato le prime parole di fuoco – esaltò la dimensione eroicamente irrazionale degli individui facendone il fulcro di una concezione radicalmente antimoderna, antilluminista e antipositivista della storia. Al di là delle elucubrazioni delle varie ideologie e delle fedi religiose, il Superuomo è colui che dovrebbe realmente abbracciare la vita con tutto il suo peso e il suo dolore.
E’ in questa temperie culturale che nel 1895 lo psicologo e sociologo francese Gustave Le Bon scrisse la “Psicologia delle folle”, un discusso must della letteratura della psicologia sociale. Se per primo Sigmund Freud pose le basi teoriche della psicanalisi applicata agli individui, Le Bon fece altrettanto con le masse, le collettività e sicuramente tenne ben presente la lezione dello psicanalista austriaco. Secondo Le Bon l’identità individuale – e con essa la sua razionalità – si annulla a contatto con la massa che rappresenta un’entità a sé stante, dotata di una sua anima e di un suo inconscio. Grazie all’innegabile forza trasmessa dalla massa, i singoli acquisiscono un senso di onnipotenza e smarriscono qualsiasi cognizione di responsabilità. Essendo le masse le vere e inedite protagoniste della storia moderna e contemporanea, si può ben comprendere come per l’autore francese gli sviluppi della democrazia siamo connotati negativamente. Le masse sono necessariamente irrazionali e barbare, inclini all’emotività e alla violenza, poco e nulla propense a confrontarsi con le argomentazioni ragionate. Le caratteristiche naturali delle masse agevolerebbero la strada alla demagogia, al populismo e a quei leader che ben sanno solleticare le pulsioni delle folle. Infatti vero leader non è colui che espone fatti e argomenti con il supporto della logica e dell’evidenza empirica, ma, al contrario, propala al suo pubblico asserzioni e citazioni autoevidenti e semplici slogan che acquistano forza e credibilità proprio in ragione dell’”autorevolezza” dello stile adottato. Concepito come tentativo di mettere criticamente in guardia circa i pericoli insiti in nella società di massa, paradossalmente “La psicologia delle folle” finisce per imporsi come un utile manuale di manipolazione ad uso e consumo di demagoghi e dittatori. Il pamphlet suscita parimenti le lodi del reazionario e monarchico Maurras e del padre dell’anarcosindacalismo francese Sorel e viene attentamente letto dalle figure più rappresentative dei regimi totalitari degli anni Venti – Quaranta, Lenin, Stalin, Hitler e Mussolini. In particolare quest’ultimo riconoscerà l’influenza esercitata dall’opera di Le Bon nel proprio apprendistato di dittatore fascista e artefice primo dei fondamenti dei fascismi.

Se i semi per far crescere le nuove piante della modernità erano già pronti ai tempi di Gustave Le Bon e di Sigmund Freud, bisognerà attendere ancora qualche tempo perché venga trovata l’acqua necessaria alla bisogna…

Fino a qualche tempo fa il nome di Edward Louis Bernays era poco conosciuto e suscitava l’esclusivo interesse degli studiosi del linguaggio e della comunicazione, eppure questo austro americano di enorme successo morto ultracentenario, rimane l’autentico profeta del tempo postmoderno, l’uomo che ha dato un senso ad espressioni come “manipolazione di massa” e “persuasione occulta”. Nato a Vienna nel 1892 e trasferitosi successivamente negli USA, Bernays era nipote del ben più celebre Sigmund Freud avendo suo padre sposato Anne, la sorella del padre della psicoanalisi. Sicuramente l’opera dello zio influenzò largamente la carriera di Bernays come pubblicitario. Dopo aver lavorato per un certo periodo come giornalista, venne chiamato del Presidente americano Woodrow Wilson insieme a Walter Lippmann per organizzare una campagna propagandistica in grado di convincere la recalcitrante opinione pubblica americana ad entrare in guerra contro la Germania e a fianco dell’Inghilterra durante la Prima Guerra Mondiale. Nell’arco di pochi mesi il duo riuscì ad instillare nella popolazione sentimenti antitedeschi talmente forti da consentire l’entrata in guerra dell’esercito americano agli inizi del 1917. La carriera di Bernays fu costellata da un gran numero di campagne propagandistiche e pubblicitarie di successo da meritare l’attenzione di governi e governanti sia “democratici” che totalitari, di uomini di affari americani e di svariate associazioni e fondazioni. Nel 1929, per incrementare la vendita delle sigarette e l’uso del tabacco, riuscì a far associare il fumo all’idea di emancipazione femminile organizzando un gigantesco corteo di donne fumatrici a New York. Lo strano corteo ebbe un tale riscontro che le vendite della Chesterfield raddoppiarono, mentre la Marlboro riprese la stessa idea con gli uomini. Inoltre il buon Bernays insinuò nelle menti degli americani l’idea che la colazione del primo mattino a base di uova e pancetta fosse legata alla tradizione, mentre in realtà fino agli anni Venti tali alimenti erano assenti dalle tavole delle famiglie americane. Edward Louis Bernays – assieme a Ivy Lee e a Walter Lippmann – creò la nuova figura professionale dello “spin doctor” o esperto delle Public Relations, colui che ha a disposizione le tecniche e le competenze per poter influenzare l’opinione pubblica – termine che verrà coniato proprio da Lippmann -. Lo scopo essenziale di uno “spin doctor” è quello di agevolare la vendita di un’ideologia, di un’opzione governativa, di una campagna civile di opinione, di un qualsivoglia prodotto o merce, influenzando le scelte dei destinatari. Non sorprende eccessivamente che questa professione riesca ad imporsi innanzitutto negli USA ove diviene la pietra di paragone e il modello per le successive generazioni. La particolarità di Bernays rispetto alla maggior parte dei colleghi con i quali condivideva i lauti compensi ricevuti dalle multinazionali e dalle corporations per l’ingegnosità dei meccanismi pubblicitari ideati per incrementare le vendite, stava nella sua pretesa di fondare una vera e propria scienza delle Pubbliche Relazioni, con le proprie regole e i propri rudimenti da trasmettere allievi desiderosi di apprendere. Amico piuttosto intimo del Presidente democratico Franklin Delano Roosevelt, divenne l’oggetto delle lodi del Ministro della Propaganda nazista Joseph Goebbels il quale rivelò ad un giornalista americano come le campagne del Partito Nazionalsocialista tedesco fossero ispirate al testo di Bernays “Crystallizing public opinion” . Al ministro nazista si deve peraltro la massima che “una bugia ripetuta una, dieci, cento, mille volte diventa verità”, sintetizzando così il senso dell’attività degli “spin doctor”. Dal punto di vista filosofico e teorico Bernays si rifaceva senza dubbio al concetto di inconscio elaborato da Freud, ma anche alle idee di Le Bon circa l’anima irrazionale delle folle e alle teorie di Wilfred Trotter. Il risultato delle sue esperienze venne da lui compendiato nel testo “Propaganda” (1928) ancor oggi illuminante, anzi, fin troppo dato che questo saggio datato è stato pubblicato in Italia solo due anni fa. Dalla sostanziale irrazionalità ed emotività delle masse ne consegue – secondo Bernays – il ricorso agli slogan immediati e alle immagini per guadagnarne il consenso. Inoltre Bernays è fra i primi ad avanzare l’idea di un “governo invisibile” che, in questo caso, possiede la capacità di tenere sotto controllo le masse plasmandone la mente ed influenzandone opinioni, comportamenti, atteggiamenti, inclinazioni, gusti, ecc… La società sarebbe nelle mani di coloro che sono in grado di suggestionare le masse a loro piacimento. Molto attivo in un periodo di grande sviluppo dei mezzi di comunicazione di massa (si pensi alla radio e al cinema soprattutto con i primi cinegiornali), Bernays ne intuisce le potenzialità per la professione. Per quel che concerne le convinzioni politiche del capostipite degli “spin doctor” – nonostante asserzioni di adesione alla democrazia – traspaiono piuttosto chiaramente concezioni elitarie e corporative in base alle quali un paese non può essere retto se non da una minoranza di persone competenti che possono indirizzare l’opinione pubblica grazie al lavoro dei professionisti delle Pubbliche Relazioni. E’ la “democrazia” di marca tipicamente americana e anglosassone che si estenderà nel mondo. Quanto alle prime tappe dello sviluppo dei nuovi mass media è lecito chiedersi se, per caso, il loro largo utilizzo avesse contribuito non poco a far precipitare il mondo in quella che rimane ancora oggi e a memoria d’uomo il più catastrofico dei conflitti del pianeta. Olocausto nazista, lager, gulag, fosse comuni, bombardamenti a tappeto sulle capitali europee ed asiatiche, le bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki, ecc… V’è da chiedersi se tutto questo orrore sarebbe stato possibile senza l’irreggimentazione di masse intossicate e avvelenate da martellanti propagande d’odio…

Il periodo che segue, e percorre le umane vicende fino ad oggi non è più storia, ma appartiene alla dimensione pura delle cronaca, ancora da decifrare ed interpretare. Adottando una chiave di lettura marxiana della storia e, quindi, partendo dall’evoluzione della struttura economica, dobbiamo rilevare che le devastazioni prodotte dal secondo conflitto mondiale hanno determinato la necessaria spinta alla ricostruzione con tutte le conseguenze che ne derivarono. L’unica vera potenza vincitrice della guerra, gli USA, che rimpiazzarono la declinante Corona britannica, elargì i finanziamenti necessari alla ricostruzione delle nazioni europee occidentali attraverso il Piano Marshall. L’enorme ammontare di capitali che venne impiegato per far “rinascere” la Vecchia Europa occidentale costituì un potente stimolo allo sviluppo del capitalismo che mutò pelle nell’inedito ed emergente neocapitalismo. L’austerità del capitalismo “puritano” delle origini, descritta e analizzata efficacemente dal sociologo Max Weber, non rispondeva più alle necessità imposte dall’accumulazione del boom economico mondiale. Da un lato una sempre maggiore quota di capitali venne sottratta alle attività genuinamente industriali e produttive per essere destinata alle manovre speculative, alla conquista dei pacchetti azionari, all’occultamento di fondi nei cosiddetti paradisi fiscali, alle logiche delle Borse e dei Cambi, ecc… Dall’altro, sul versante dei lavoratori e dei fruitori dei prodotti finiti, la crescita relativa dei redditi e l’acquisizione di merci utili alla liberazione del tempo da dedicare al lavoro – si pensi agli elettrodomestici – rendevano effettivamente e maggiormente disponibili lo spazio e il tempo per i consumi voluttuari e superflui. La società basata sulla produzione e sul lavoro – con le sue regole anche rigide e apparentemente immutabili – venne necessariamente ridefinita dall’individualismo, dal consumismo e dall’edonismo sempre più imperanti. L’identità degli individui, definita prima dal contesto produttivo, venne sempre più plasmata dalle dinamiche appartenenti al tempo libero e dedicato al consumo.
Dal punto di vista delle conseguenze inerenti le gerarchie sociali l’evoluzione neocapitalista comportò l’egemonia della superpotenza americana grazie al rafforzamento del complesso militare ed industriale e alle possibilità concesse dai cordoni della Borsa attraverso Wall Street e l’affermazione della classe, anzi Superclasse, di mercanti e “commercianti”, venditori i cui nomi sono celati nei pacchetti azionari di controllo delle multinazionali e corporations che – talvolta in competizione, talaltra in regime di accordo oligopolistico – “commercializzano” le risorse strategiche del pianeta.
A mio giudizio tutta la cronaca recente dovrebbe essere letta e interpretata alla luce dell’affermazione mondiale del Mercato come sistema economico e come paradigma culturale ed antropologico: la globalizzazione altro non è se non l’espansione del Mercato – con le sue multinazionali, i suoi venditori, i suoi consumatori, ecc… – all’intero pianeta. Un Impero non più territoriale, ma, anzi, spesso transnazionale e, addirittura, “immateriale”. Ai blasoni e gli stemmi delle casate aristocratiche subentrano i logo delle grandi imprese industriali, commerciali e finanziarie. Conseguentemente anche gli eventi di grande portata economica, politica e militare dovrebbero essere guardati tenendo bene a mente le dinamiche di questa aggressione esercitata su nazioni e popoli. Se la Guerra Fredda non è quel confronto fra Superpotenze (USA e URSS) rappresentato comodamente dai libri di storia, ma la narrazione della sistematica e costante linea di conquista ed espansione dell’Occidente nei confronti del blocco sovietico dell’Europa dell’Est, la decolonizzazione offrì la gigantesca opportunità di avanzare una forma più sottile e penetrante di colonialismo che, pur riconoscendo l’indipendenza dei nuovi paesi emergenti in Asia, in Africa e America Latina, veniva esercitato grazie al controllo dell’economia – vedi i debiti e le politiche di “aggiustamento strutturale” – e delle risorse naturali. Non deve stupire, quindi, che le varie amministrazioni statunitensi si siano concentrate sulla costruzione della più poderosa e capillare macchina bellica e di conseguenza terroristica che mai l’umanità abbia conosciuto e che in ogni continente siano insediate basi militari della NATO. D’altronde, dagli anni successivi al Secondo Conflitto Mondiale ad oggi, azioni militari, paramilitari psicologiche, propagandistiche e realmente terroristiche non sono state attuate solo nei confronti dell’URSS, ma soprattutto, contro quegli stati del cosiddetto Terzo o Quarto Mondo che hanno rifiutato di sottostare alle logiche del Mercato adottando ora politiche di stampo socialista, ora di matrice nazionalista…

Se il mondo tende ad assomigliare sempre più ad un Mercato ove ogni oggetto, pensiero, idea, ecc… viene sistematicamente commercializzata e dove ogni rapporto si configura come relazione fra venditore e consumatore, la pubblicità non può che costituire la linfa vitale del sistema. Perché un prodotto venga venduto e fruito è necessario renderlo desiderabile e attraente agli occhi e al palato del consumatore e, perciò occorre mettere in campo strategie di marketing in grado di conquistare la mente e il cuore dei clienti. Mai come in questo ultimo mezzo secolo si è assistito a un tale sviluppo della pubblicità e dei mezzi a cui essa fa ricorso. Si affermano le professioni dei pubblicitari, dei creativi, dei designer, ecc… lautamente pagate grazie agli utili di impresa. La pubblicità diventa onnipresente e invadente perché tale è il Mercato sempre più globalizzato. Si pensi, a titolo di esempio, alle elezioni “democratiche” della postmodernità: una mercato dei voti contesi da partiti e movimenti politici con il sempre più frequente ricorso a quelle strategie tipiche del marketing pubblicitario. Non contano le argomentazioni, ma la veste esteriore con cui un messaggio viene lanciato.
Naturalmente l’utilizzo di tecniche pubblicitarie sempre più efficaci e penetranti è reso possibile dallo sviluppo ulteriore dei mass media e, in primis, della televisione che, oltre ad offrire un’inedita forma di intrattenimento per le famiglie, si impone subito come veicolo impressionante di messaggi pubblicitari. Nel chiuso delle mura domestiche penetrano immagini rassicuranti, distensive e accattivanti sull’ultimo modello di automobile o sulla nuova bibita gassata. La rapida diffusione e popolarità del mezzo televisivo impone una più generale riflessione sul rapporto fra i nuovi mezzi di comunicazione di massa, l’inedita “cultura dell’immagine” e la sempre più estesa società dello spettacolo…

Fu l’intellettuale situazionista francese Guy Debord a coniare il termine “società dello spettacolo” per rendere l’idea di un sistema sociale e culturale – quello neocapitalista, appunto – pervaso dalla imperante dimensione della rappresentazione e dell’immateriale. Se è ancora impresa ardua stabilire senza con certezza se fin dagli anni Sessanta – quelli di maggior diffusione delle idee e dei concetti elaborati dal movimento situazionista e dalla Nuova Sinistra – il panorama delle società occidentali era dominato dalla onnipresenza dei meccanismi spettacolari e della rappresentazione, nondimeno bisognerà riconoscere che la tendenza all’espansione dell’industria dello spettacolo, dell’intrattenimento e del divertimento inizia all’incirca in quel periodo. Tale fenomeno si verifica per una serie di fattori fra loro interconnessi in una certa misura. Già abbiamo accennato al fatto che l’iniziale spinta alla crescita del neocapitalismo – fin dall’immediato Dopoguerra – determini un più generale aumento dei redditi e all’espansione del tempo libero o liberato dal lavoro nelle società occidentali. Conseguentemente gli individui finiscono per dedicare una quota assai maggiore del loro tempo e delle loro risorse al divertimento, allo svago, al gioco e, quindi, alla visione degli spettacoli sotto diverse forme – teatrali, cinematografiche, televisive, musicali, ecc… – In secondo luogo la dimensione “spettacolare” della società odierna viene accentuato dallo sviluppo senza precedenti dei mass media. Dalla radio e dal cinema all’innovazione rivoluzionaria rappresentata dalla televisione… Fino all’industria dell’home video (videoregistratori, lettori DVD e PC) degli anni Ottanta e alla più recente ondata multimediale con Internet, il digitale terrestre e la televisione “pay per view” e i nuovi prodotti “tascabili” (cellulari, iPod, MP3, ecc…). L’industria culturale (o sottoculturale) e dello spettacolo veicolata dai nuovi media finisce per assolvere innanzitutto tre funzioni rilevanti. Conquistando fette sempre maggiori di mercato, essa si impone come fonte impareggiabile di profitto ed investimento. Se una massa enorme di capitali viene impiegata nell’informazione, nei media e nello spettacolo, significa che il ritorno economico è assai più ampio. In secondo luogo, attraverso i media si inviano messaggi pubblicitari utili per lanciare altri tipi di prodotti che il pubblico sarà ben disponibile ad acquistare. Infine, come più volte rilevato dal linguista Chomsky, gli spettacoli e i divertimenti assortiti distolgono il pubblico dall’impegno civile e dall’attenzione verso le problematiche che dovrebbero interessare la cittadinanza. Questo aspetto è assai gradito a chi detiene potere e ricchezze e può essere riassunto nella massima latina “Panem et circenses”, ovvero come gestire le masse, la loro volubilità e la tendenza al malcontento. In fondo è un altro bel modo per addormentare le coscienze…

Dal punto di vista strettamente sociale o sociologico, l’affermazione dell’industria dello spettacolo e del suo enorme mercato comporta alcuni importanti cambiamenti nella gerarchia sociale. La crescita esponenziale degli introiti del settore conduce ad una concentrazione delle imprese e delle società ormai divenute gigantesche multinazionali editoriali – massmediatiche – spettacolari. I celebri esempi della News Corporations di Murdoch e i suoi innumerevoli addentellati nel giornalismo, nella televisione e nel cinema o il nostrano impero Mediaset di Berlusconi e famiglia (canali televisivi anche all’estero, distribuzione e produzione cinematografica, calcio, ecc…) non esauriscono l’interessante panorama che, per essere indagato e sceverato esaustivamente – richiederebbe molto tempo e spazio. Basti ricordare come il controllo di una multinazionale dello spettacolo è capace di donare un’influenza pari a quella esercitata dai colossi dell’industria energetica e petrolifera.
Inoltre i profitti generati dal settore conferiscono, poi, un rinnovato prestigio a quella che mi preme definire come la classe dei “professionisti dell’intrattenimento”, nonché a un aumento notevole dei relativi compensi. Intellettuali o esperti a gettone, i conduttori di talk show, professionisti del sensazionalismo giornalistico, scrittori di best seller letterari, presentatori televisivi o radiofonici, anchorman, cantanti rock, pop o folk, registi o attori televisivi o cinematografici, calciatori, piloti o altri divi dello sport, comici, il concorrente di quiz o reality, l’ospite televisivo, soubrette, veline, pornostar, ecc… Adottando l’accezione più ampia della categoria, ognuna delle figure summenzionate indossa le vesti del “professionista dell’intrattenimento”, essendo remunerato per divertire e sollazzare il “suo” pubblico. In tempi antichi ma non troppo remoti saltimbanchi, giocolieri, acrobati, ecc… – ovvero i corrispettivi degli odierni “professionisti dell’intrattenimento” – venivano relegati quasi ai margini della scala sociale al pari dei vagabondi e degli zingari. Un salto notevole e degno di nota, non v’è dubbio…

Per quanto riguarda il terzo anello dei rapporti “massmediatici”, quello più debole del pubblico, occorrerebbe mettere a fuoco categorie e concetti di ordine antropologico, culturale e, naturalmente, psicologico piuttosto che di tipo sociologico o economico. In Italia – fra la fine degli anni Sessanta e gli inizi degli anni Settanta – è stato il poeta e regista Pasolini il primo ad imbastire un discorso articolato e complesso sulla trasformazione antropologica del popolo italiano provocata dall’affermazione dell’edonismo consumista soprattutto attraverso la televisione e i linguaggi pubblicitari. Tuttavia, ancor oggi, si attende uno studio accurato e scientifico ma critico sulla mutazione degli individui nella società dello spettacolo. A mio parere, per comprendere meglio la portata epocale del fenomeno, non si può prescindere dalla generale trasformazione dei modelli di comunicazione e del linguaggio. La storia dell’umanità è, per la sua gran parte, contrassegnata da sistemi e codici linguistici che fanno riferimento all’oralità e, successivamente, alla scrittura. Per quanto l’immaginazione e il ricorso alle immagini abbia sempre caratterizzato la vita quotidiana degli individui, invece, non è mai stata messa a punto una colonizzazione dell’immaginario come quella recentemente esperita. L’uomo attingeva alle sue risorse interiori e mentali per ideare e mettere a punto il suo bagaglio di fantasia e visioni. Ciò lascia ampio spazio alla creatività individuale e, in ultima istanza, alla libertà. Si pensi, ad esempio, alla poesia, alle immagini poetiche o alle fiabe antiche che permettono agli infanti di esercitare a buon diritto l’immaginazione per riempire i dettagli delle storie. L’evoluzione massmediatica di quest’ultimo secolo, invece, ha imposto una “cultura dell’immagine” e, quindi, la conseguente occupazione degli spazi mentali riservati alla creatività e all’immaginazione individuale. Dal cinema e dalla televisione fino alla recente rivoluzione dell’home video e della multimedialità, la “cultura dell’immagine” ha concorso a deprimere le umane capacità e possibilità. Non solo l’immagine artificiosa e imposta dall’esterno scaccia ed esclude quella che scaturisce spontaneamente e naturalmente dall’individuo dissolvendo le sue risorse creative, ma agisce anche sulla razionalità. L’immagine non richiede di essere elaborata, analizzata e interpretata come accade per la comunicazione scritta, ma al contrario deve essere assorbita e assimilata senza alcuna mediazione. La potenza delle immagini fa leva sulla parte irrazionale ed istintuale degli individui, come già avevano rilevato a loro tempo Le Bon e Bernays. Oggi il problema non è, però, dettato dalla presenza di immagini artificiali e artificiose, ma dalla loro invasività e dalla loro moltiplicazione. Ovunque nello spazio del mondo postmoderno si popola di immagini e messaggi pubblicitari – dalla cartellonistica ai grandi schermi allestiti nelle piazze passando per la presenza di apparecchi televisivi negli esercizi commerciali – che si impongono necessariamente alla vista degli astanti. Probabilmente non è più tanto corretto parlare di persuasione occulta e messaggi subliminali, perché ormai le immagini hanno talmente occupato le nostre vite da far coincidere l’esistenza con i messaggi fatti passare attraverso i vari mass media. Semplicemente le immagini non hanno solo colonizzato e occupato le nostre menti, ma lo spazio reale e fisico in cui svolgiamo le nostre attività quotidiane. E’ quel trionfo del “virtuale” illustrato a suo modo nel film “Matrix”.

L’ultima frontiera dello sviluppo dei mass media e della diffusione della “cultura delle immagini” prende il nome di interattività, ovvero del coinvolgimento diretto del pubblico negli spettacoli offerti dai prodotti massmediatici. Le ultime innovazioni in fatto di multimedialità – telefonini, webcam, la nuova generazione di videogames, i social network, ecc… – prevedono l’interazione diretta dei fruitori. A ciò si aggiunga la novità televisiva dell’ultimo decennio rappresentata dai reality show con la partecipazione di quelle persone comuni che, un tempo, facevano parte esclusivamente del pubblico. Tali novità hanno indotto molti a credere finalmente in una sorta di “democrazia virtuale” ove il cittadino comune può finalmente esprimere e manifestare i suoi pensieri, le sue opinioni, le sue emozioni e i suoi sentimenti, nonché dare sfogo alla sua creatività. L’uomo comune può esibire il suo corpo, può improvvisarsi regista, attore e cantante, può diventare inaspettatamente un opinion maker amato e seguito, ecc… Tale “democrazia virtuale”, però, altro non è se non illusione, perché lo spazio fisico e mentale è già stato occupato dalle immagini scaturite dai mass media e, quindi, da coloro che detengono la proprietà e il controllo del mercato editoriale – informatico – informativo – massmediatico – spettacolare. Altri fissano le regole del giuoco a cui dobbiamo giocare… Forse, come affermava il vecchio Howard Beale ne “Quinto potere”, non può esserci salvezza se non spegnendo i nostri apparecchi… E ritornare così a coltivare un’esperienza diretta con le cose che ci circondano e che popolano il mondo… Occorre abbattere il muro di “Matrix”…

Occorre ribadirlo con forza… L’impero mercantile e quel paradigma ideologico neoliberista imposto dalle grandi concentrazioni finanziarie, bancarie, industriali e commerciali, ovvero dalla classe dei nuovi mercanti, è fallito miseramente se si guardano alle aspettative e alle promesse di pace e prosperità e non solo perché tre anni fa, a partire dagli USA, è scoppiata la bolla del mercato immobiliare con effetti devastanti sul mondo intero. La crisi è certo più generale, morale, sociale, politica e culturale… Guardiamo ai puri e semplici fatti… Poche famiglie, anzi poche persone della cosiddetta Superclasse, hanno concentrato nelle loro mani un immenso patrimonio e il controllo di risorse inimmaginabili, mentre nel mondo aumentano fame e miseria che, ormai, hanno cessato di essere un miraggio anche per le più abbienti popolazioni occidentali… La criminalità organizzata e transnazionale, presente nei mercati illeciti come in quelli ufficiali, continua ad espandersi lucrando sulla pelle di un sempre maggior numero di persone e corrompendo interi stati e nazioni… Nonostante le promesse esibite dopo la famosa caduta del Muro il mondo non è un posto più sicuro e i conflitti civili – sapientemente alimentati da mani esterne – proliferano con modalità che si richiamano sempre più a un terrorismo ora supportato dalle tecnologie belliche e ora rudimentale… I cambiamenti climatici e i disastri ambientali provocati da uno sviluppo senza freni e attuato senza pensare alle conseguenze sull’uomo e sul suo ambiente sono sempre più evidenti e fanno legittimamente pensare a scenari sempre più apocalittici… Grandi masse di gente si spostano da continente a continente spinte dalla sofferenza per cercare quello che non troveranno mai… Le metropoli somigliano sempre più a immense prigioni ove gli abitanti vagano senza meta, in una condizione perennemente precaria e senza via d’uscita… Che fine hanno fatto le aspirazioni anche a quella piccola felicità quotidiana ? E’ sin troppo facile dedurre che occorre sbarazzarsi prima di tutto di quel paradigma neoliberista, neocapitalista e postmoderno fondato sul Mercato e rimpiazzarlo con uno a misura d’uomo per poter finalmente sperare in un mondo migliore. Ma per permettersi questo lusso occorrerebbe ribellarsi, perché coloro che hanno costruito le loro fortune su questo oceano di ingiustizia, iniquità e sofferenza non accetteranno mai il cambiamento prospettato. Privatizzazioni, deregulation, competitività, ecc… Il mantra viene ripetuto da decenni…

Ribellarsi è giusto…

Ma per ribellarsi è necessaria una minima educazione alla democrazia e alla libertà…

Ciò non è possibile finchè il muro eretto da Matrix sarà solido e finchè si ergerà imponente sulle nostre teste e sui nostri corpi…

Chi potrà mai abbattere quel muro ?

Impresa titanica…

———————

Bibliografia essenziale per approfondire gli argomenti relativi alla manipolazione, ai mass media e alla società dello spettacolo

– Alexis de Tocqueville “La democrazia in America” Rizzoli, Milano, 1992
– Gustave Le Bon “La psicologia delle folle” TEA, 2007
– Edward Louis Bernays “Propaganda” Fausto Lupetti, 2008
– Theodore W. Adorno e Max Horkheimer “Dialettica dell’illuminismo” Piccola Biblioteca Einaudi, 2010
– Guy Debord “La società dello spettacolo” Baldini & Castoldi, Milano, 1997
– Pier Paolo Pasolini “Scritti corsari” Garzanti libri, 2001
– Marshall Mcluhan “Gli strumenti del comunicare” Il Saggiatore, 2008
– Jean Baudrillard “La trasparenza del male – saggio sui fenomeni estremi” SugarCo, 1991
– Noam Chomsky e Edward S. Herman “La fabbrica del consenso” Marco Tropea Editore, 1998
– Noam Chomsky “Il potere dei media” Vallecchi Editore , 1994

Feb 12, 2010 - Mezzi d'informazione    1 Comment

Italia: repubblica mediatica fondata sul telefonino

L’Italia e’ una democrazia mediatica basata sul telefonino.

cosi dovrebbe recitare l’art.1 della nostra costituzione per rendere il giusto onore al ruolo che ormai l’apparecchio elettronico esercita nel nostro paese dove e’ diventato uno strumento essenziale per la magistratura ed una specie di macchina della verita’ dove tutto cio che in esso viene detto, NON PUO ESSERE FALSO. Bisogna stare veramente attenti quando si parla al telefono perche’ raccontare una balla potrebbe avere effetti disastrosi. Se durante intercettazioni si registra una qualsiasi “bravata” detta magari per farsi grande questa – per il semplice fatto che e’ stata intercettata diventa auteomaticamente verita’ assoluta senza bisogno di ulteriori verifiche ed addirittura senza bisogno di confermare la dichiarazione stessa davanti ai giudici come avviene per le dichiarazioni scritte, pentimenti o quant’altro. se parlando al telefono con qualcuno ci si vantasse di aver percorso l’Autostrada A1 a oltre 250 kmh di media, l’intercettatore immediatamente arresterebbe il pronunciatore della frase per aver oltrepassato il limite di velocita’. E se al telefono si parla di qualcun’altro del tipo: ” mi ha detto tizio di aver fatto Roma Firenze a 250 kmh” be questa intercettazione sarebbe piu che sufficiente per far arrestare il tizio e sequestrare la sua auto.

Questo grazie alla democrazia mediatica che oggi vige in Italia.

In questi giorni il re della destabilizzazione, instupiditore di masse e principe dell’informazione stolta scrive

“…. Nell’ordinanza si ribadisce che nel “centro benessere Salaria sport village, riconducibile alla stessa famiglia Anemone”, Bertolaso usufruì “non solo di ‘massaggi’, ma anche di vere e proprie prestazioni sessuali”, come proverebbero diverse conversazioni intercettate.”

Quindi le prove delle prestazioni non provengono da filmati, fotografie, pedimenti e nemmeno da dichiarazioni di chi le ha eseguite o da qualcuno che lavora nel centro benessere e possa aver indicato che il tale giorno il tale cliente era “servito” dalla tale persona che come ben si sa esegue prestazioni particolari (ed anche questo non sarebbe sufficiente). NIENTE DI TUTTO CIO. il giornale ufficializza che e’ sufficiente l’intercettazione (senza nemmeno riportare tra chi e’ avvenuta la conversazione e cosa hanno detto) per provare che cio’ sia avvenuto.

Indipendentemente dalla Protezione civile e quello che ci sta girando intorno: state attenti quando parlate al telefonino.