distruggere le civiltà

tratto da: “www.stampalibera.com

[…] Il diabolico gioco della globalizzazione e’ quello di distruggere le civiltà attraverso un forte processo di integrazione razziale. La società americana ne è l’esempio più sconfortante. Una forzata integrazione razziale ha portato all’isolamento culturale e sociale dell’individuo non più rappresentato da una coesa e identitaria società antica di appartenenza, ma da una società apparentemente multirazziale in realtà governata da una razza “superiore” la razza detentrice del potere economico e di conseguenza politico.

Può sembrare un discorso generico e logico, in realtà e una considerazione dalla quale non si può prescindere. Oggi ogni popolo che si è fatto permeare dalla globalizzazione, è caduto preda di un potere finanziario globalista che lo ha letteralmente soggiogato ed indotto a comportamenti controproducenti per la sua stessa vita. All’uopo sono stati creati per lui dei nemici inesistenti, come gli islamici e i cattolici. E’ bastato ad esempio ai dominanti organizzare un bell’attentato, in seguito al quale, invocando pieni e più forti poteri, ridurre la basilari libertà dell’individuo.

“Mogli e buoi dei paesi tuoi” è un proverbio che dovrebbe essere riconsiderato nella grande saggezza che contiene. Infatti, dopo aver analizzato tanti casi, ho scoperto che se in una coppia non vi è un forte legame di appartenenza ad un modello sociale, culturale, comportamentale, ben condiviso, i casi di separazione aumentano enormemente.

La dissoluzione della prima cellula sociale, la famiglia, è dunque l’obiettivo dei dominanti. In quest’ottica si comprende la ostentazione dell’omosessualità e della vita da singoli, promuovendo edonismo, libertarismo sessuale esasperato ed esigenza di appagamento di vizi mascherati da diritti.

Con l’isolamento dell’uomo il Potere può portare alla dissoluzione le fondamenta della società, le comunità e le famiglie. L’uomo isolato al pari degli altri animali sociali diventa estremamente vulnerabile. Vulnerabile significa facilmente governabile al limite della schiavizzazione.

L’ipocrisia imperante dei politici servi che lottano contro l’autodeterminazione dell’uomo e dei popoli, adducendo motivi di necessaria integrazione, favoriscono la dissoluzione delle società brandendo l’arma o il bastone della globalizzazione, fatto percepire in questo caso come carota.

Non saranno servite a niente a questo punto le ricchezze di conoscenza, storia, civiltà millenaria tramandata da generazioni fra le le popolazioni e la loro mirabile, incredibile evoluzione. La loro storia ad un certo punto sarà cancellata da uomini senza scrupoli. Costoro hanno fatto del dogma del diritto autoconcessosi tautologicamente in un delirio di onnipotenza, l’argomento per giustificare una presunta superiorità razziale. La nazione dominante ha adottato questa logica di superiorità razziale.

Popoli invasori si sono accreditati di essere superiori ad altri, di essere più intelligenti, tecnologici, capaci, colti. Non sapevano i poverini che questa guerra di aggressione ai danni dei diversi, dei poveri, avrebbe comportato per loro il caro prezzo di una malattia terribile che si chiama egoismo e che è alla base di ogni fenomeno di dissesto sociale oggi in atto. E’ una malattia che non risparmia nessuno, nemmeno quanti l’hanno generata, i dominanti.

Alcune di queste famiglie di potenti invocano la loro presunta discendenza dalla razza eletta per giustificare, previa opportuna interpretazione di antichi testi sacri a sostegno ed alibi, la loro aggressività nei confronti degli altri popoli del mondo.

Quanto sopra descritto, questa logica di vita globalizzata, vale non solo per l’uomo ma anche per la natura. La commistione di specie vegetali provenienti da ogni parte del mondo ha prodotto un autentico sconvolgimento planetario producendo disasti ambientali con alterazioni delle biocenosi, la scomparsa di specie animali e vegetali, un autentico dissesto biologico. L’introduzione di specie esotiche anche se appartenenti allo stesso genere, ha portato ad una drammatica riduzione della ricchezza faunistica e floristica nell’intero pianeta. Potrebbe bastare questo esempio per indurci a pensare che siamo in una cattiva strada.

E’ evidente il parallelo con la specie umana.

[…] Da sempre la società si è difesa in gruppi etnici al fine di garantirsi coesione sociale, mutuo sostegno, condivisione di una cultura locale che si evidenzia nella ripetitività di riti; gesti e tradizioni che garantiscono un sereno svolgimento di ogni attività della vita quotidiana.

Oggi lottare contro la globalizzazione imperante è, e deve, essere lo sforzo di ogni uomo che voglia fregiarsi di questo nome. La nostra società si difende solo così dall’estinzione. Rifiutare lo scontro è oggi imperativo. Proteggersi e non invadere lasciando ai cretini la teoria dell’esportazione della sicurezza preventiva e della democrazia.

In Veneto, regione metafora della globalizzazione selvaggia, distrutta dal globalismo terminale avanzato, stiamo assistendo alla distruzione definitiva del tessuto sociale, alla sopraffazione dell’uomo sull’uomo. Subiamo la colonizzazione anglosassone e cerchiamo di colonizzare integrandoli gli extracomunitari che resistono come possono fra mille umiliazioni per conservare la loro cultura millenaria.

Presi fra colonizzatori e colonizzati i veneti si dimenticano di esistere come comunità e si perdono dietro i miraggi del dio denaro. In una tale dissestata situazione sociale, carica di tensioni, la natalità dal ’95 ad oggi ha conosciuto un calo del 20%. Oggi su 1000 abitanti nascono solo 4 bambini. Se prendiamo un paese di 2500 abitanti avremo nella prima classe scolastica 10 bambini, di cui circa 5 saranno di nazionalità, lingua, abitudini, cultura, diverse dalla nostra. Immaginate un paesotto con una classe scolastica di 5-6 bimbi parlanti la stessa lingua, tre per sesso. Essi dovranno andare in un paese vicino per formare una classe scolastica e saranno già pronti per sentirsi isolati a casa loro.

Senza nemmeno la quantità minima di individui per trovare un amico, questi bambini soli saranno preda dei mostri globali che entreranno nelle loro case con l’ipod, il videogioco, la TV, internet. Mentre i loro genitori con occhiali fumè ingombranti, suv nere dai finestrini bruniti, con il cellulare all’orecchio, andranno ad affrontare la loro partita globale con competitori lontani di altre civiltà, famiglie e culture; anch’essi spronati a loro volta dalla fame e dal desiderio di rivalsa.

A battaglia vinta il condottiero del suv si accorgerà che avrà perso la possibilità di insegnare a vivere al figlio e da questo ne perderà il rispetto. Preso nella sua ossessiva guerra, avrà vinto la battaglia del lavoro nel libero mercato globale ma sarà rimasto senza truppa. Non vi sarà futuro.

Spiegherà poi al ragazzo che ogni padre lavora per il figlio. Questi non comprenderà il motivo per cui se lui ha bisogno d’affetto il padre gli vuole dare denaro, come spesso avviene. Debole il ragazzo si rivolgerà ad amici diversi, di altre civiltà che non condividono i suoi valori e che come lui soffrono. Non riuscirà a raggiungere una condivisione di valori su cui costruire la sua cellula famigliare, il primo mattone che sostiene una civiltà. Non nasceranno bambini in queste condizioni. Le feste, le tradizioni, il ritrovo, il divertimento collettivo nelle svariate comunità locali hanno sempre costituito il collante, l’aggregante delle società.

Il finto pietismo dei politici che invocano integrazioni per motivi presunti umanistici dovrebbero comprendere che l’unico modo per far del bene agli individui è quello di conservare la loro integrità culturale, sociale, di comunità. La distruzione delle comunità è e resta il delitto più grande di una società che invoca la priorità economica a danno della dignità umana.

Ecco quindi come la globalizzazione sia da ritenersi la prima causa di devastazione sociale. Devastazione che diviene in seguito economica, per poi arrivare all’annientamento culturale dell’individuo; annientamento che si concretizza nella predazione non già dei beni, come potrebbe fare un esercito invasore, ma del tesoro suo più prezioso, quello che lo rende irresistibilmente interessante per uno o una compagna di vita e cioè: la sua sovrana autenticità di persona, il suo orgoglio di appartenenza, la sua autonomia di pensiero, la sua divinità di essere vivente libero e indipendente. […]

continua

distruggere le civiltàultima modifica: 2011-11-11T09:46:31+00:00da fab_kl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.

*