Browsing "Senza categoria"
Apr 9, 2018 - Senza categoria    No Comments

Diritti animali e diritti dei lavoratori

I diritti degli animali, ormai assimilabili a quelli delle persone, sono il punto di arrivo di una mentalità che ha esasperato il concetto di uguaglianza giungendo ad una conclusione che non fa la differenza tra chi apporta un faticoso contributo allo Stato – direttamente o sotto forma di imposte – e chi gode dei benefici di questo contributo senza portare alcun contributo, come nel caso degli animali domestici.

In una società organizzata, i diritti dovrebbero spettare in cambio di doveri nei confronti della società stessa. Garantendo agli animali gli stessi diritti delle persone si mette sullo stesso piano chi contribuisce allo stato e chi beneficia dei frutti del lavoro altrui.

Apr 9, 2018 - Senza categoria    No Comments

La nuova borghesia

Il reddito di cittadinanza è l’ennesimo atto dispregiativo e dequalificante nei confronti dei lavoratori. Quando i diritti dei disoccupati prevalgono sui diritti dei lavoratori, questi ultimi si ritrovano a lavorare e pagare le tasse per fornire un reddito a chi non lavora o non ha mai lavorato, che diventa così LA NUOVA BORGHESIA vale a dire quella classe sociale che non ha mai contribuito attivamente alla vita sociale dello stato. La borghesia, infatti, in virtù dei suoi possedimenti, ottiene gli stessi beni e servizi per i quali i lavoratori devono lavorare per poterne usufruire (spesso solo in parte). La nuova borghesia che si intende creare con il reddito di cittadinanza, PRETENDE che i lavoratori non solo si facciano carico del mantenimento di coloro che possiedono beni (che, se non altro vengono erosi dalle imposte e dai consumi dei proprietari stessi), ma si facciano anche carico della soddisfazione dei bisogni delle persone che non contribuiscono in alcun modo allo Stato e che spesso, fin dalla nascita  hanno già usufruito di servizi sanitari, scolastici… per i quali sarebbe giusto avvenisse un rimborso attraverso un apporto alla vita dello Stato, quello Stato la cui politica ha permesso tutto ciò.

 

Mar 9, 2018 - Senza categoria    No Comments

Attraverso l’accumulo di ricchezze, impensabili nel quadro della vecchia  lotta di classe e con gli strumenti tecnologici di cui mantiene il monopolio, viene assicurata una concentrazione di potere senza precedenti nella storia della vita su questo pianeta.

Feb 17, 2018 - Senza categoria    No Comments

Il pastore cerca sempre di convincere il gregge che l’interesse delle pecore ed il proprio siano gli stessi. (Stendhal)
Dic 22, 2017 - Senza categoria    No Comments

le droghe di distruzione di massa

Viviamo in un mondo con fortissimi ed incentivati abusi di alcool, caffè, tabacco….

negli anni 50/50 grande propaganda per il tabacco: medici, attori, personaggi famosi ….
tutti facevano a gara per farsi vedere mentre fumavano, ovviamente ben ricompensati dalle società produttrici di tabacchi e che detenevano partecipazioni incrociate con distributori di film hollywoodiani e organi di stampa (basta ricordare come venivano mostrai i pacchetti durante i film)

oltre questo sono state attuate altre strategie per drogare tutta la popolazione mondiale anche se può sembrare impossibile. Pensiamo al caffe, all’alcool, ed anche al cioccolato…… Sono tutte sostanze che danno assuefazione e che hanno un forte impatto sul sistema nervoso centrale e sul nostro cervello, in alcuni casi limite questo impatto è irreversibile.

In Italia particolarmente l’uso del caffè è qualcosa di cui dover essere orgogliosi e spesso – sopratutto tra i giovani – ci si vanta di quanti caffè si prendono nel corso della giornata e di quanto non facciano alcun effetto ….. come se ci si ritenesse implicitamente efficienti per il semplice fatto di prendere molti caffè. Eppure è riconosciuto e dimostrato che il caffè è dannoso per lo stomaco, per il fegato, per la pressione, per il sistema nervoso…..

Ma quello più abnorme è certamente un altro dove tutti fanno a gara per dire che fa bene ……. lo SPORT (e sopratutto le palestre)…… (il seguito a breve)
Lezione imparata

Halloween: perchè i bambini non dovrebbero festeggiarlo

Da una decina d’anni circa, sta prendendo sempre maggiore enfasi festeggiare halloween anche in Italia  nonostante molti non sappiano nemmeno cosa sia e come si scrive.

Ad un primo superficiale giudizio, il fatto di festeggiare sembrerebbe bello a prescindere. Qualsiasi cosa si festeggi, come potrebbe essere brutto festeggiare? Questa deduzione ci porta però a non considerare che le feste sono delle metafore di avvenimenti o di sentimenti da ricordare e trasmettere nel tempo anche alle nuove generazioni. Cosi i compleanni e il Natale ci ricordano la nascita, la Pasqua ci racconta della resurrezione, la sfilata del 2 giugno ci ricorda il potere dello stato, San Valentino ci spiega l’innamoramento e la vita di coppia, Capodanno lo scorrere del tempo, e così via. Ogni festa ha dietro un motivo ben preciso per essere festeggiata e la sua ripetizione fin dalla notte dei tempi serviva per tramandare tradizioni e credenze nelle società che non avevano i mezzi di diffusione di massa.

Riguardo halloween, se proviamo a mettere da parte la superficialità e ci facciamo alcune domande  potrebbero sorgere molti dubbi sia riguardo cosa si festeggia con esattezza, sia le origini di questa festa che ci ritroviamo senza perchè a festeggiare coinvolgendo anche i bambini piccoli in maniera da lasciar loro una nitida traccia mnemonica.

Halloween non è una tradizione italiana???
Prova a sostituire dolcetto con “dammi i soldi” e scherzetto con “ti brucio il negozio”.

Per analizzare in maniera approfondita gli aspetti di questa festa è necessario approcciarsi con una visione pedagogica, visto che la festa si direziona maggiormente verso i bambini che attueranno l’ormai conosciuto :  “dolcetto scherzetto“.

Bisognerebbe quindi individuare quali siano la funzione educativa e quale l’aspetto psico-pedagogico.

Nel percorso educativo di un bambino, i genitori e le altre figure influenti, si propongono di trasferire ai figli tutte quelle loro conoscenze utili sia ad accrescere le loro capacità, sia Read more »

Ott 5, 2017 - Senza categoria    No Comments

Educare i figli

Non educate i vostri figli ad essere ricchi. Educateli ad essere felici. Cosi quando cresceranno sapranno riconoscere il valore delle cose e non il prezzo.
(Ratan Tata – imprenditore indiano)

Lug 13, 2017 - Senza categoria    No Comments

Il fascino del ribelle attrae sopratutto i giovani e i giovanilisti

Non c’è bisogno di ricordare gioventu’ bruciata per avere un’idea di come si intenda affermare il proprio essere se stessi “andando contro”. Un atteggiamento tipico dei giovani d’oggi e stimolato sicuramente dalle nuove pedagogie tutte tese a esaltare il carattere, l’individualità e porre il bambino/sole al centro dell’universo.

Andare contro è spesso a prescindere e ancor più spesso senza sapere il perchè di qualcosa e questo è tipicamente giovanile ma ancor più preoccupante è l’atteggiamento di coloro che – pur di sentirsi giovani, se non altro mentalmente – sposano posizioni o teorie infondate solo perchè portate avanti da giovani senza esperienza che vorrebbero insegnare il lavoro pur non avendo mai lavorato.

Il giovanilismo – questo fenomeno che fa desiderare di rimaenre giovani – era fino a pochi decenni fa tipicamente femminile. Grazie alla propaganda è diventato anche dell’uomo ed oggi assistiamo cosi al trionfo dell’inesperienza  a discapito dell’esperienza. Quali potranno essere i risultati?

Come bloccare l’evoluzione di una società

Mar 4, 2016 - Senza categoria    2 Comments

Prostituzione procreativa o utero in affitto o maternita’ surrogata… che dir si voglia

Relativamente al fenomeno della maternita’ surrogata e provando ad immaginare cosa potrebbe succedere nel giro di una trentina d’anni (30 anni fa non c’era nemmeno la posta elettronica e c’erano ancora le B.R. e Andreotti), mi viene da pensare di fare un bel film dal titolo Le famiglie.

La prima cosa che mi viene da pensare – forse lo scenario piu probabile – e’ che i costi per le maternita’ diminuiranno incredibilmente come accaduto per le colf (un tempo esclusiva borghese) e sposteranno verso l’utero in affitto anche tutte coloro non voglio rovinarsi la linea o hanno altro da fare…… poi potrebbero esserci dei personaggi tipo berlusca o altri forti possidenti che – visti i prezzi in ribasso – deciderebbero di “investire” in 1000 o forse 100.000 FIGLI da far nascere quasi contemporaneamente per assecondare le manie di grandezza ed assicurarsi un gran serbatoio di voti. Le Famiglie mafiose non sarebbero da meno e – dato che il numero significa potere – anche loro investirebbero molti dei loro capitali sporchi (non investibili altrimenti) riciclandoli in un esercito di maternita’ surrogate. I finanzieri non sarebbero interessati a cio’ per non suddividere troppo il patrimonio ed i poveri non hanno possibilita’ economiche che permettano di crescere ai ritmi di politici e di mafiosi.

Nel corso di 50 anni la classe politica (e quella mafiosa) saranno fortemente influenzate da famiglie numerosissime, mentre scompariranno le classi piu basse Read more »

Feb 16, 2015 - Senza categoria    No Comments

AUMENTO DELLE PENE PER I REATI IN AUMENTO

Aggiornamento annuale di sanzioni penali e amministrative in base all’aumento o al decremento delle violazioni.

La commissione “Giustizia” della Camera dei Deputati dovra’ valutare ed esprimersi su una proposta di legge inviata da un privato cittadino che richiede l’emanazione di una norma  mediante la quale sia introdotta la revisione a scadenze temporali fisse (annuali/biennali) delle sanzioni amministrative e penali affinche’ le pene da applicare (nell’anno successivo),  siano ricalcolate in aumento o in decremento in base all’aumento o al decremento del numero dei rispettivi reati denunciati nel corso del periodo precedente.
In parole povere, le pene previste per ogni articolo del codice penale saranno aggiornate ed aumentate per i reati statisticamente in aumento (esempio: se nel 2014 i furti sono aumentati del 10%, dal 2015 la pena per il furto sara’ aumentata del 10%) e diminuite per i reati diminuiti.

Petizione a Supporto della mozione presentata http://bit.ly/codicepenale

Tale provvedimento normativo – che avrebbe applicazione in un ambito che va dal codice della strada Read more »

Set 4, 2014 - Senza categoria    No Comments

Schizofrenismo politico

lo schizofrenismo politico italiano figlio della frenesia di cambiare, non importa come. Oggi e’ di moda essere superimpegnati secondo una filosofia “del fare” i cui risultati sono ben visibili nello schizofrenismo politico attuale.

E se fosse colpa del caffe’?

l’Italia ha il piu alto tasso di consumo procapite di caffe’ al mondo.  sottovalutiamo molto che il caffe’ e’ una droga e che in Italia si beve un caffe’ cosi forte come in nessuna altra parte al mondo…Non e’ escludibile che l’uso di questa droga che stimola i centri nervosi e l’iperattivita’ aggiunto al fatto che l’uso massiccio di caffe’ avviene gia’ da generazioni (addirittura durante la gravidanza) ha modificato le nostre strutture nervose e cerebrali.

 

 

Apr 17, 2014 - Senza categoria    No Comments

Stipendi dei parlamentari e destabilizzazione

A tutti sara’ capitato di ricevere una messaggio di facebook o una email di quelle che si scandalizzano degli stipendi dei deputati e delle loro agevolazioni. Da anni, a ritmi ben precisi, ritornano a circolare ed anche se non sono le stesse riportano sempre numeri e spese per attirare l’attenzione e finiscono con l’incitazione a far girare la mail inoltrandola a quante piu’ persone possibile.

Evitando di usare attenzione soltanto al contenuto ho iniziato a fare delle considerazioni banali che pero’ evidentemente non vengono effettuate spesso. Ho iniziato con il chiedermi: “Chi ha iniziato la catena di S.Antonio di queste email?” dato che la mail colpisce il lettore per il suo intrinseco senso di giustizia, la prima risposta che viene in mente e’ che il mittente sia un giustiziere che vuol fare qualcosa per cambiare quella che viene percepita come un ingiustizia da lettore.

E chi sarebbe questo giustiziere e sopratutto perche’ non si firma? Nel tentativo di una difesa strenua mi sento di pensare che non si firma per non ricevere ripercussioni da questa sua azione; pero’ chiede subdolamente di girare la mail e quindi intrinsecamente ognuno firmera’ la sua adesione al contenuto: strano!

Andando per deduzioni, il giustiziere autore della Read more »

Ott 18, 2013 - Senza categoria    1 Comment

Pedagogia mammoide e infantilismo sociale

Potremo intitolare cosi’ quel libro che racchiudesse tutte le dottrine pedagogiche degli ultimi 20 anni. Tutte queste nuove forme di educazione dei bambini hanno in comune il fatto di affondare le proprie radici nel mammonismo tipico italiano. Sono infatti teorie basate su concetti qualunquistici solo per far colpo nelle platee. E si sono diffuse proprio grazie a questo  “farsi grandi” e assumendo il ruolo del “paladino dei bambini” (che provoca simpatia a prescindere) parlando di come il bambino deve essere libero di fare tutto quello che vuole, non deve essere punito, non deve fare cose che possano essere “pesanti” , deve pensare solo al gioco….. insomma tutte dottrine che portano ad allontanare la crescita per aumentare l’infantilismo sociale che, un domani sara’ piu’ facilmente manipolabile e direzionabile verso cio’ che vuole.

La diffusione di queste nuove pedagogie, gia’ introdotte nel sistema scolastico da oltre 10 anni, avviene grazie all’utilizzo del femminismo e dei concetti femministi, cosi come quelli anarchici e a favore dei giovani che nei giovani stessi troveranno terreno fertile.

Ed i risultati dell’applicazione di tali metodologie si vedono ai giorni nostri….

Set 6, 2012 - Senza categoria    1 Comment

E questo è un gioco da banditi, amici miei, che si chiama democrazia!

(tratto da conflittiestrategie.it)

Scritto da: Gianni Petrosillo (05/09/2012)

Che cosa c’è di più ingannevole, menzognero, simulatorio, illusorio di un regime democratico? Soltanto i portatori insani di democrazia i quali, credendo a quel che loro stessi hanno somatizzato, divorano la verità, gli eventi, gli altri individui e le cose con una mano sul cuore e l’altra sulla fondina.  

La democrazia è un superpotere che rende invulnerabili dalle critiche, basta essere democratici per diventare politicamente corretti, moralmente superiori, umanitariamente migliori, legalitariamente incensurabili, abili e arruolati al governo delle anime belle con l’umanitarismo in bocca e gli uomini sotto i piedi. Essa è l’arma segreta dei buoni che vincono sempre perché sono immancabilmente dalla parte giusta avendo tracciato, secondo le loro variabili esigenze, la riga, o, meglio, la curva (per far rientrare nel club, all’occorrenza, anche quei paesi non perfettamente libertari ma che ti danno volentieri una mano e il metano, oppure il petrolio e il mercenario), che separa il bene dal male. Se non fossero democratici, quindi necessariamente buoni, verrebbe da pensare che potrebbero essere persino loro i veri cattivi.

Ma La democrazia non è un’aspirazione sociale, non è un ideale egualitario, non è una tensione collettiva verso il buon governo, la democrazia non è una utopia, la democrazia è viva e la puoi toccare restandone incenerito, è la libertà che ti arriva in faccia fischiettando come un proiettile all’uranio impoverito, è la bomba intelligente che ti fa la rampogna punendoti sul posto, è il verbo della prepotenza incarnito nella post-modernità, è il dente avvelenato della globalizzazione capitalistica di matrice americanista, è la tavola sacra che ti rompe la testa se non accetti la regola del suo gioco, è la missione umanitaria che ti sfonda la casa e ti ammazza bonariamente la famiglia per un principio superiore ed un danno collaterale minore (si fa per dire), è la giustizia integrata dalla menzogna che non ti dà il tempo di spiegare la tua ragione.

La democrazia è un drone di Dio, o, piuttosto, di un Signore con la pelle scura e la Casa Bianca o con la pelle bianca e la coscienza nera, dipende insomma dalle annate; è un sogno americano che ti s’infila nell’ano, è una religione con rito elettorale che stabilisce il livello di rincoglionimento generale. Anche Lenin si sbagliava, la democrazia non è, come egli sosteneva,  il miglior involucro della dittatura, la democrazia è l’involucro di sé stessa essendo peggio di qualsiasi dittatura, sia fuori che dentro.

Ad ogni modo, la quintessenza della democrazia sta nella fabbricazione di prove false su massacri mai avvenuti, su persecuzioni inesistenti, su genocidi mai verificatisi come incipit per il conflitto al fine di togliersi dai piedi Presidenti scomodi e governi irriducibili.  La tribù dei democratici si esalta e danza intorno all’immaginaria fossa comune, al massacro etnico inventato, ai maltrattamenti provocati dai suoi medesimi scherani, prima d’iniziare il bombardamento a tappeto e realizzare il regime change agognato.

E’ successo troppe volte ma il trucco funziona sempre e, così, con le solite lacrime di coccodrillo sul volto e lanciando l’urlo di battaglia dello scimpanzé ammaestrato, il vero democratico parte alla guerra liberatoria contro il despota assatanato, depravato, pazzo, sanguinario, hitleriano. Da Timisoara a Belgrado, da Tripoli a Damasco la storia si ripete due, tre quattro volte come tragedia, come farsa, come buffonata e come abitudine inveterata. Poi ogni tanto, quando ormai il danno è fatto e la memoria della gente cancellata, viene fuori che era tutto fabbricato per le ragioni di qualche Stato. Ieri Il Giornale titolava: “Il massacro di Timisoara mai avvenuto che provocò la caduta di Ceausescu (http://www.ilgiornale.it/news/interni/massacro-timisoara-mai-avvenuto-che-provoc-caduta-ceausescu-834433.html)” ma ne avevamo già parlato noi qualche anno fa (http://www.eurasia-rivista.org/1989-il-falso-carnaio-di-timisoara/5022/).

Uguale smentita sulla pulizia etnica perpetrata da Milosevic contro i Kosovari, casus belli della guerra alla Serbia nel 1999, arrivò addirittura dall’OCSE, appena qualche settimana dopo i “bombardamenti umanitari” di D’Alema (l’uomo divenuto Premier grazie ad un intrigo degli Usa, complice l’ex Presidente della Repubblica Francesco Cossiga ed i soliti ambasciatori americani a Roma, sempre molti attivi. Cossiga dichiarò, senza mai essere smentito o citato in tribunale dal leader del PDS-DS-PD, che lui ebbe un ruolo determinante nel portare D’Alema a Palazzo Chigi: “….eravamo nel pieno della guerra nel Kosovo e io, in un incontro riservato a casa del senatore valentino Martelli, avevo incontrato una qualificata e preoccupata delegazione diplomatica. C’erano l’ambasciatore britannico Jonh Weston, il suo collega americano all’ONU Bill Richardson e il ministro consigliere e vicecapomissione dell’ambasciata degli Stati Uniti a Roma James Cunnigham. Mi chiesero dell’Italia, di come si sarebbe comportata sul fronte di guerra. La questione era assai delicata, perché si sarebbe reso necessario bombardare le postazioni serbe di Slobodan Milosevic e gli italiani difficilmente potevano tirarsi indietro. Chi, se non un comunista, avrebbe potuto portare un Paese in guerra tacitando la prevedibile opposizione dei pacifisti e delle organizzazioni sindacali? Chi, seppure con difficoltà, avrebbe potuto vincere le resistenze più che prevedibili di un’opinione pubblica profondamente contraria all’uso delle armi? Pensai: solo D’Alema può farlo, è l’uomo politico che la storia chiedeva all’Italia in quel momento così difficile. Per raggiungere l’obiettivo fondai addirittura un partito, l’UDR, con Clemente Mastella. E il 28 ottobre del 1998 nacque il governo D’Alema).

Capito come si diventa dirittocivilisti ad oltranza e falsificatori ad abundantiam? E dire che ancora oggi il mitico baffetto nazionale, nonostante Cossiga abbia svelato la macchinazione internazionale dietro alla sua nomina a Premier, continua a ripetere di aver contribuito alla distruzione della sovranità serba per amore del prossimo e per evitare massacri più efferati. E le fosse comuni in Libia a causa delle quali si accelerò  l’intervento della “Comunità di recupero democratico internazionale” contro Gheddafi? Un vecchio cimitero sulla spiaggia. Ed in Siria? Credete che stia accadendo qualcosa di diverso? “E questo è un gioco da banditi, amici miei, che si chiama democrazia! (E. L. Masters, Nuova antologia di Spoon River)”

Pagine:12»