E’ democratico avere la doppia cittadinanza?

Da un po’ di tempo si parla spesso della cittadinanza e quasi sempre questa viene definita come se fosse una specie di tessera di un club e molti la vorrebbero rilasciata per il semplice fatto di pagare le tasse in Italia o per essere capaci di parlare l’italiano. In realtà la cittadinanza è una cosa ben più profonda e che fornisce – ad esempio – la possibilità di diventare giudice o poliziotto o addirittura Presidente della Repubblica. Quante donne sarebbero felici di veder processare da giudici musulmani i loro molestatori? Quanti sarebbero contenti di rilevare una rigidità esasperata nei controlli alcoolemici se questa venisse applicata da poliziotti dai lineamenti pakistani?Doppia+cittadinanza

Ma c’è un’altra cosa che ha un’importanza estrema e meriterebbe forse di essere recepita nella vita sociale: In Italia e in altri paesi uno dei maggiori diritti legati alla cittadinanza è il diritto di voto. Attualmente chi ha doppia cittadinanza ha diritto di votare nei due paesi dei quali è cittadino e, nel caso siano entrambi europei, può addirittura esprimere due voti per la composizione del parlamento europeo.

Dovremmo forse iniziare a chiederci quanto sia corretto votare per più parlamenti o per più presidenti di uno Stato!

Quali conseguenze potrebbero scaturire a breve o lungo termine?

Una conseguenza dell’aumentare smisurato delle persone che avranno doppia cittadinanza, è quella di aspettarsi che coloro che in un paese votano per un partito, voteranno nell’altro paese per il partito ad esso collegato. Questo con il tempo porterà alla creazione di schieramenti sovranazionali e gli effetti sono inimmaginabili.

Senza farsi prendere da fobie o pregiudizi sarebbe forse utile domandarsi se non sia più corretto votare per un solo paese e sopratutto votare una sola volta per quel parlamento europeo che oggi vede alcuni votare due volte o anche piu in base al numero di cittadinanze possedute. E questa non è affatto un’esagerazione, visto che è possibile che chi ha doppia cittadinanza perche nato da cittadini di diversa nazionalità, si sposi con un cittadino terzo (o addirittura con un altro doppio cittadino): i figli potrebbero aver diritto a QUATTRO CITTADINANZE diverse. Questo permetterà loro di votare 4 volte per il parlamento europeo con un rispetto della democrazia tutto da valutare.

Nel 2016, Renzi e il candidato PSD romeno Ponta si sono incontrati durante la campagna presidenziale di Romania. Questo nella speranza di travasare i voti per il PD che i romeni in Italia hanno espresso, verso il corrispondente romeno PSD e viceversa.

Sembrerebbe proprio che, dopo l’epoca della colonizzazione economica, arriverà la colonizzazione politica dei paesi meno numerosi o a maggioranza emigrati.

Fin dove potrà estendersi questo fenomeno non è prevedibile e le variabili che potrà avere tale contingenza sono numerosissime.

Forse bisognerebbe adottare un regolamento simile a quello delle nazionali di calcio che limita ad una le squadre nazionali dove si può giocare.

LA VERA INTEGRAZIONE DEMOCRATICA

E’ democratico avere la doppia cittadinanza?ultima modifica: 2018-12-05T15:14:12+01:00da fab_kl
Reposta per primo quest’articolo

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.