Nascita dell’Ucraina
Una pecora più s'informa e più diventa nera

Anche negli anni sessanta, come anche oggi, gli Stati Uniti erano impegnati in una guerra, quella volta nel Vietnam, ma non c’è davvero da sorprendersi: si tratta di una nazione molto aggressiva che è stata quasi sempre in guerra nei suoi duecento anni di storia. Anche allora la narrativa sosteneva che gli americani stavano generosamente difendendo la libertà e la democrazia in un paese molto lontano dalle loro coste, dall’aggressione considerata ingiustificata da parte della Russia (demoninata dittatura, come oggi).  Anche in quel caso il peso maggiore della guerra era sostenuto dall’armata indigena, completamente sovvenzionata, addestrata e diretta dagli americani, che combatteva contro l’esercito di liberazione nazionale vietnamita, supportato logisticamente dai sovietici. Anche allora i due eserciti vietnamiti parlavano la stessa lingua. Anche stavolta la narrativa sostiene che gli Stati Uniti sono impegnati a difendere la libertà e la democrazia di uno stato sovrano situato a migliaia di chilometri dalle loro coste aggredito senza motivo da una feroce dittatura. Durante tutto il periodo della guerra in Vietnam, nessuno degli alleati europei, che allora godevano di ben altra autonomia e di ben altro dibattito interno rispetto ad oggi, si sognò mai di inviare armi o finanziamenti al governo fantoccio del sud, poiché avrebbe significato anzitutto impegnarsi in una guerra non difensiva, cosa che tutte le costituzioni europee sostanzialmente proibivano, ed inoltre subire gli strali di un’opposizione interna organizzata e combattiva. Avrebbe significato mettere in pericolo la crescente prosperità europea, i popoli di allora non l’avrebbero permesso. In quel tempo, nel parlamento […]

tanto va lo schiavo all’urna che si sente cittadino
EPH0VqoWAAADBF_

  chiedo: Perche spingere coloro che non si sono mai occupati di politica, che la trovano noiosa, che non gli piace, che non sanno cosa sia e come si vota…… Perché mandare a votare la gente che non sa come funziona la legge elettorale o come funziona il parlamento. È veramente utile – e a chi – spingere un gran numero di persone politicamente ignoranti, che metteranno la loro croce secondo criteri impensabili (mi piace come si veste….ha vinto la Champions league…). Gran parte della rovina della democrazia è questa. Se fosse una cosa buona far votare tutti i componenti di una società, le grandi multinazionali spingerebbero i soci ad andare a votare anche se proprietari di una sola azione. Perché in Italia tutti spingono per andare a votare genericamente? Fa bella figura apparire democratici al punto di essere correre il rischio che si voti per gli altri e fa vedere sicurezza che non si andrà a votare contro chi dice di andare a votare. Raschiare il fondo del barile e portare a votare chi non vorrebbe votare, come si sta facendo in questa votazione, che conseguenze può avere? L’elettore più pericoloso è quello che si occupa saltuariamente di politica, quello che non ha memoria, quello che si lascia attrarre dagli slogan, quello che ascolta tutti i giorni lo stesso telegiornale …… quello che voterà secondo come gli gira quel giorno (ed in questo le donne sono molto volubili) . Siamo sicuri che la democrazia sia la cosa migliore? Dopo […]

Manomettere i contatori
contatore_contatori_luce_di_e-distribuzione_enel_1

MANOMETTERE I #CONTATORI È GIUSTO A breve c’è da aspettarsi che aumenteranno esageratamente i #furti di energia elettrica attraverso le manomissioni dei contatori. È facilmente prevedibile. Strano non se ne parli in campagna elettorale… La nuova #giustizia #proletaria sarà quella di rubare energia alle multinazionali per poter tirare avanti e si potrà fare nel NOME DELL’UCRAINA in maniera da sentirsi ancor più nel giusto nel caso non fosse sufficiente per la nostra coscienza la scusa del furto per bisogno. Fare come gli inglesi e NON pagare le bollette, mette nella condizione di farsi tagliare l’utenza. Modificare il contatore, invece, ha il vantaggio di essere difficile da scoprire e, se scoperto e denunciato, sarebbe difficile dimostrare quanto si sia rubato (e se si è rubato). ANDRÀ COSI. C’È DA #SCOMMETTERE. Ci sarà chi ruba la corrente collegandosi al contatore del vicino antipatico e ci saranno i condomini che si alla c’erano al vicino l’ampio sulla strada rubando al comune. ci saranno quelli che manometteranno il contatore e quelli che semplicemente lo bipasseranno per non fare conteggiare il consumo. E SARANNO I PROPRIETARI DELLE AZIONI DI ENEL E ENI A RIMETTERCI. A PROPOSITO, CHI SONO? Se rubare una mela quando si ha fame, non è punibile, come potrà essere punibile chi ruba il gas o la corrente per scaldarsi o fare da mangiare? Chi potrà essere processato per il furto – tutto da dimostrare – di energia se saranno tutti a farlo? Quanto durerà l’erogazione del gas e dell’elettricità se iniziasse a […]

Privatizzazioni FOLLI

Agli inizi degli anni Novanta Romano Prodi, presidente dell’IRI, inizia lo smantellamento di un Ente che contava 500.000 dipendenti. IRI gestiva Alitalia, Autostrade, Finmeccanica, Fincantieri e Aeroporti di Roma,….. che saranno regalati agli amici con la scusa di fare cassa per ripianare il debito pubblico. L’IRI, ormai svuotato di ogni suo ramo, verrà messo in liquidazione il 28 giugno 2000. Era evidente che se allo Stato si tolgonole attività produttive non potra avere soldi se non dalle tasse. Dopo è la volta del settore bancario come il Credito Italiano, dell’IMI e della Banca Commerciale Italiana (Comit), tutto tra il 1993 e il 1994. L’idea di Prodi era quella di “smantellare il Paese pezzo per pezzo” (così disse il 17 gennaio 1998 in un celebre discorso in provincia di Lecce). E infatti ci è riuscito. Nel1996 vi sarà la privatizzazione dei servizi pubblici locali grazie alla costituzione di società per azioni in cui i Comuni possono partecipare solo con quote minoritarie. Nel 1999 Massimo D’Alema prosegue il disegno staticida di Prodi approvando un disegno di legge che privatizza definitivamente i servizi pubblici locali. Tutte le aziende municipalizzate che erogano in regime di monopolio acqua, gas, elettricità, trasporti urbani, rifiuti urbani vengono trasformate in imprese private. Poi è la volta della liberalizzazione della telefonia fissa (febbraio 1998) e dell’energia elettrica, fino alla privatizzazione dell’ENEL (1999). NEL 2000 SI LIBERALIZZA IL COMMERCIO DEL GAS Gradualmente si continuerà mettendo in liquidazione tutto cio che era stato costruito con le tasse degli italiani in decenni […]

Felice decrescita
TYP-455275-4734168-democrazia

Per l’Italia quanto meno, sarà un anno di decrescita, da tutti temuta per questo, ma finalmente oggetto di attenzioni da parte di chi immagina un altro mondo possibile, più sobrio, più uguale, con un futuro per tutti. La crisi è evidente anche intorno a noi, tra quegli esperimenti di democrazia partecipata. Dopo il parlamento unanime ad applaudire il governo, è stato ancora una volta dimostrato che iparlamenti a maggioranza bulgara decidono per le guerre, esattamente come era accaduto con mussolini. Edanche questa volta è arrivata la guerra. Ed anche questa volta la colpa viene attribuita agli altri. Ed anche questa volta sarà inizialmente una guerra di tipo leggero (come contro abissinia e libia) ma poi arriverà piu forte a sconquassare tutto e la battaglia del grano – oggi del condizionatore – porterà alla fame gli italianai. Alla fine quando l’europa sarà ben indebolita arriveranno gli americani a prendersi tutto il rimasto e governare per decenni. In IRAQ è successa la stessa cosa: anni di sfiancamento contro il cattivo Iran in una guerra voluta solo dagli stati uniti ed alla fine della guerra la tempesta del golfo che ha invaso un paese reo di aver invaso il kuwait (con il bene placido degli USA mai rivelato). La crisi europea porterà scontri sociali e leggi ferree che saranno la scusa per l’invasione americana dovuta al mancato rispetto dei diritti.

La VERA RIVOLUZIONE ECONOMICA
capitalism

Per rivoluzione si intende il rovesciamento totale dell’ordine costituito e delle culture ad esso legate. Non è certo una rivoluzione quando lo Stato crea ad arte un problema e ne propone la soluzione adottando i provvedimenti che altrimenti nessuno avrebbe accettato. È quanto sta accadendo con la regressione demografica e con le pensioni queste ultime utilizzate come arma di ricatto visto che – secondo gli arcobalenati – la denatalità non permetterà di pagarle se non attiriamo manodopera estera (ovviamente di bassa qualità e da formare) Se non ci limitiamo a degluttire  numeri ed i concetti che ci vengono proposti, ci rendiamo facilmente conto che stiamo facendo la cosa meno saggia solo perché ben influenzata dai pregiudizi economici inculcati nelle menti occidentali (da chi vuole depredare il nostro e gli altri paesi). È veramente poco saggio infatti lasciarsi abbagliare ossessionata mente dal concetto di crescita al punto di non capire che se la popolazione diminuisce è del tutto controproducente creare nuovi posti di lavoro. È un comportamento simile a quello di chi vede la propria famiglia diminuire ma compra case con sempre più camere da letto, sperando che qualcuno venga. In altre parole il grande capitale per aumentare i propri profitti oltre il limite massimo, come il giocatore di Monopoli che dalle case vuole mettere gli alberghi, si è travestito da benefattore e predica che migliorerà la vita dei poveri e dei profughi facendoli venire a lavorare da noi così poi, fra 20 o 30 anni, anche gli altri ne saranno […]

Stesso delitto stessa pena
stesso reato stessa pena

Le leggi sono ormai orientate non per la difesa dei diritti dei più poveri ma in base al sesso o all’orientamneto sessuale Questo è stato un elemento chiave per la cancellazione del proletariato e la scomparsa della lotta di classe https://ec.europa.eu/info/policies/justice-and-fundamental-rights/gender-equality/gender-equality-strategy_it combattere la violenza contro le donne  significa suddividere la violenza in due gruppi: quella contro gli uomini e quella contro le donne. Spingendo a combattere solo quella contro le donne, nasce la deduzione che quella contro gli uomini non sia altrettanto importante da combattere Chi crede che non sia vero cvi sia una strategia dietro il tentativo di accalappiarsi i facili consensi delle donne, solitamente non interessate alla politica , ma sensibilissime a lasciarsi attrarre da offerte speciali e altri pifferai magici, possono leggere le strategie che saranno adottate nie prossimi anni https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?uri=CELEX:52020DC0152#footnote10 chi li legge con senso critico e senza farsi abbagliare da specchietti e frasi fatte, capira bene dove si vuole andarea a parare. se poi pensiamo che i politici siano tutti sinceri ….vabbe https://ec.europa.eu/info/policies/justice-and-fundamental-rights/gender-equality_en https://www.europarl.europa.eu/committees/it/human-rights-and-democracy-in-the-world-/product-details/20211111CAN64121 the FEMM opinion rapporteur Hilde Vautmans (Renew) focuses on seven key areas: Gender based violence; Women’s participation in political life; Women in armed conflict; Human trafficking and forced labour; Children’s rights, especially education; Women and girls in migration; and LGBTIQ equality. 106 amendments were tabled, 22 compromise amendments were elaborated.

Ministero della propaganda (o del gender)

Come chiamerebbero oggi il “Ministero della propaganda” potentissimo nella germania Hitleriana e ripropostaoi in italia dal Ministero della Cultura Popolare adibito alla Propaganda Fascista? La cancellazione di scrittori o compositori russi rientrerebbe nell’attività di questo ministero ma oggi se ne occupano altri chi sono? In Italia il bibitaro Di Maio, all’interno del ministero da lui gestito, ha creato dal nulla la DIREZIONE GENERALE DEMOCRAZIA PUBBLICA E CULTURALE Hai più maliziosi non sarà passato inosservato che le belle parole emotivamente cariche , nel contesto non significano niente ed evidentemente sono li per coprire qualcosa. Con la solita tecnica del camuffamento si possoo osservare le competenze dei vari uffici Ufficio I – Relazioni con i mezzi di comunicazione Ufficio II – Relazioni con il pubblico Ufficio III – Promozione culturale e Istituti italiani di cultura Ufficio IV – Promozione della lingua e dell’editoria italiane, internazionalizzazione delle università, borse di studio Ufficio V – Sistema della formazione italiana nel mondo Ufficio VI – Cooperazione culturale in ambito multilaterale, missioni archeologiche Unità per il coordinamento della comunicazione Unità di Analisi, Programmazione, statistica e documentazione storica Unità per la promozione dell’Italia nelle organizzazioni internazionali dalla quale emergono sovrapposizioni di competenze e disgregamenti di organismi un tempo funzionali ma che spezzettati potranno dare ben altri risultati. Ma il massimo dell’oltraggio al pubblico credulone sta nel discorso di presentazione della DGDP da parte dell’Ambasciatore Terracciano dal quale emerge che questa DG sarà il soft power dell’italia nel mondo. come se noi andassimo a diffondere nel mondo la […]

La pubblicità nel dopoguerra

Nel dopoguerra l’atteggiamento antipubblicitario diventa unanime; si consolidano molti degli stereotipi ostili alla pubblicità, come la denuncia ai persuasori occulti. Il giornalista Vance Packard nel 1958 svela l’attacco all’inconscio dei pubblicitari, che porta a conoscenza del pubblico una serie di tecniche che avrebbero permesso ai comunicatori di manipolare l’inconscio delle masse. Ne I giganti di Le Clezio i protagonisti (i giganti, appunto) sono proprio i persuasori occulti, tecnici pubblicitari e manager delle grandi aziende che riducono i consumatori in uno stato di narcosi e sonnambulismo. In un altro romanzo, Le cose di Georges Perec, i protagonisti invece sono una coppia di tecnici pubblicitari specialisti in ricerche motivazionali; ma non sono “giganti”, ma semplici “pedoni”, consumisti frustrati alla ricerca di un appagamento inarrivabile. In Italia negli anni del miracolo economico troviamo posizioni simili: Luciano Bianciardi nel romanzo La vita agra descrive la frenesia consumistica della Milano degli anni ’60, profetizzando quello che sarà di lì a poco lo scenario italiano. Gli stessi temi riappaiono in Marcovaldo, uno dei libri italiani più popolari del dopoguerra, di Italo Calvino: la pubblicità e i riti del consumo sono al centro di molti dei tragicomici equivoci delle novelle. Ne Il bosco sull’autostrada Marcovaldo e i figli, alla ricerca di legna da ardere, scambiano i cartelloni pubblicitari per un bosco di strani alberi (e Marcovaldo viene scambiato egli stesso per un componente della pubblicità…); in Luna e Gnac i figli di Marcovaldo abbattono con una fionda l’insegna luminosa che impedisce la vista del cielo notturno. Negli […]

Stupida democrazia

la democrazia è il trionfo degli stupidi che voteranno sempre i loro simili anche perché non possiedono la capacità di riconoscere chi ne sa più di loro.

Come funziona la democrazia oggi

Fase 1 : creare un serbatoio di voti potenziali Per creare un serbatoio di voti potenziali bisogna individuare un bisogno latente dei cittadini che faccia leva sui bisogni primari indipendentemente dalla realtà dello stesso.  Il femminicidio è il tipico esempio ma anche il ddl zan. Una volta individuato il bisogno indotto bisogna creare interesse attraverso la ripetizione ossessiva di parole create ad hoc, inneggiando a parole chiave del consenso come “diritti umani” “eguaglianza” “parità” “donna” che saranno ripetute in ogni occasione possibile in maniera da far associare immediatamente ad esse il termine femminicidio (o ddlzan). Una volta creato il terreno giusto si passa alla trasformazione dell’interesse in consensi utilizzando in maniera adeguata l’informazione, i film, la musica, le scuole ……… Si raggiungerà così il massimo del consenso che avrà però una validità temporale limitata. Fase 2 : presentare una legge (non importa sia approvata) A quel punto il pacchetto di voti è pronto e sarà consegnato al deputato o al partito che presenteranno la legge in parlamento indipendentemente se sarà approvata o meno. Anche se non approvata, infatti, le persone avranno ormai il bisogno e potrebbe essere addirittura maggiormente produttivo continuare a “attirare” queste persone attraverso l’illusione di “continuare la battaglia” invece che creare una legge che dia dei risultati negativi e faccia evaporare l’elettorato ormai soddisfatto. Così funziona la democrazia oggi La democrazia segue i principi del marketing , per questo è @democraziaconsumistica I partiti fanno PUBBLICITA’ non propaganda

Bounty Killer
bountykiller

Bounty killer Nelle menti degli italiani sembra stia radicandosi sempre più profondamente il concetto tipicamente americano del BOUNTY KILLER, una specie di BOIA che si guadagna da vivere catturando o ammazzando  ricercati ( o presunti tali)  per intascarsi la taglia. La differenza tra bounty killer e boia sta nel fatto che il boia non si preoccupa di andare a cercare le vittime ma si limita ad eseguire sentenze dei giudici nei confronti dei colpevoli. Il bounty killer va in giro per il mondo e ammazza coloro che hanno una taglia del tipo “vivo o morto” anche se nessuno si preoccupa mai di verificare che effettivamente vi sia una taglia sulle vittime o siano state uccise a discrezione del bounty. In Italia una simile filosofia di pendiero ha sempre avuto poco successo al punto che la parola BOIA è un’offesa spesso utilizzata per bestemmiare. Il pensiero degli italiani è storicamente distaccato dalle armi e dalla pena di morte (in molti sono addirittura dalla parte dei lupi). Da poco tempo, invece, grazie alla propaganda tambureggiante e senza alcuna alternativa, un evento che è stato poco seguito ma che per la gravità dei fatti in cui è sfociato dovrebbe alimentare la nostra capacità diplomatica di intervenire per far cessare i conflitti, ha invece attivato gli interruttori di odio estremo nei confronti di chi è “cattivo” arrivando a giustificarne l’uccisione. E se proprio non riusciamo a fare ua guerra con le armi, il massimo del nostro impegno si riversa in una GUERRA COMMERCIALE che […]

Fermiamo l’attrazione di investimenti esteri

#Inquinare, consumare #energia che non abbiamo e materie prime da importare, importare #manodopera che non abbiamo, pagare #infrastrutture e pagare #sanità, #scuola, #casa, #giustizia, ecc ad operai venuti dall’estero che rimanderanno i loro guadagni all’estero. Continuare a creare posti di lavoro, i cui profitti vanno nelle tasche estere è come creare gli #SCHIAVI LEGALIZZATI. Le persone, negli ultimi decenni, sono state convinte a cercare di lavorare sempre più. Allo stesso modo, governi e popoli sono stati convinti a creare sempre più posti di lavoro. Ciò è avvenuto trascurando la realtà che l’Italia non possiede materie prime, né energia, né manodopera. Oggi, le #fabbriche hanno il 70% di personale straniero. Chiediamoci: Non aiuteremmo di più queste persone mettendo le fabbriche nei loro paesi e portando in Italia i profitti netti. A chi dice che ciò sarebbe dannoso per l’economia e tutto crollerebbe bisogna ricordare come vivono nazioni quali: San Marino, Montecarlo, Vaticano, Lussemburgo, Liechtenstein, Andorra, ma anche Svizzera, Olanda, ….. Per un cambiamento radicale che porti l’Italia a dominare il mondo grazie al suo ingengo e alle sue capacità, Dobbiamo attrarre società finanziarie e non manifatturiere. BISOGNA CAMBIARE IL CONCETTO DI ECONOMIA CHE GLI #USA CI HANNO CONVINTO AD ADOTTARE. Attrazione Investimenti Esteri

Maschi da reprimere
BASTA MASCHILISMO

Negli ultimi tempi il #maschio non è certo aumentato di virilità o maschilismo, anzi: i maschi oggi non sono minimamente paragonabili a quelli degli anni 80 o anche prima. Eppure la #paranoia femminile è aumentata. Non c’era bisogno di corsi di rieducazione dei maschi ed il mercato non lo chiedeva. https://www.ilmessaggero.it/persone/metoo_corsi_per_uomini_virilita_stage_cosa_sono_come_funzionano_news_oggi-6691915.html Chiediamoci: Chi decide di avviare questi corsi che costano un bel po’ di soldi? Perché non li fanno in carcere? Quale è lo scopo di organizzarli non per chi è recluso per reati legati alla sessualità bensì destinandoli a #bambini e persone normali? Destinare questi corsi in maniera generalizzata diffonde subdolamente il concetto che “potresti essere criminale e non lo sai”. Nel singolo si induce il senso di colpa di essere maschio e nella società si diffonde un pensiero che porta gradualmente all’eliminazione della differenza tra criminali e maschi che sfocia nell’ideale già abbastanza diffuso che tutti i maschi sono criminali. Non c’è dubbio, il messaggio che passa è: I MASCHI SONO TUTTI CRIMINALI (tranne i gay ovviamente) verrebbe da chiedersi ai maschi che fanno il corso sarà rilasciato un #greenpass (magari rosa) e se otterranno sconti di pena nel caso compiano reati sessuali. Ma perche non destinare tali corsi a chi è già in carcere? Semplice, perché quelli non sono il target delle associazioni sorosiane arcobalenate in quanto non più facenti parte della società. Questi corsi sono destinati a giovani e giovanissimi che hanno già il seme del senso di colpa e vogliono PULIRSI profondamente estirpando quello che […]

lavorare aiuta poco a pensare

il pensiero ha bisogno di tempo per svilupparsi. pensare non è istantaneo e la prima cosa che viene in mentre non sempre è la migliore. Bisogna quindi avere tempo libero da dedicare a pensare. E’ per questo che lavorare poco aiuta a pensare a condizione di non impiegare il tempo libero ad altre attività che impediscono il pensiero. http://ow.ly/rMNW50J2CVR

Chi Paga?
piu democrazia

Prima di #Draghi, Mario #Monti. Prima.di #Monti, Romano #Prodi. Tutti sono arrivati al governo in Italia dopo aver ricoperto alti incarichi nell #UE. Tutti sono arrivati al governo, non per aver vinto le elezioni ma per altri motivi che potrebbero essere definite scuse. Tutti hanno avuto come scopo quello di vendere i pezzi migliori dell’Italia con la scusa di diminuire il debito pubblico ed al tempo stesso facevano altri debiti (come il PNRR). Le armi in Ucraina CHI LE PAGA? Sarebbe doveroso fornire gli importi delle armi inviate per mantenere una guerra CHE CI DANNEGGIA ECONOMICAMENTE. il primo esempio nella storia di adesione ad una guerra senza avere interessi, anzi: dovremo soffrire forneriane lacrime e sangue anche questa volta. Grazie #draghicrazia

Sinistra sorosiana
arcobaleno dura poco

Vedere la sinistra con posizioni totalmente coincidenti con quelle di soros (e di draghi) è veramente demoralizzante. Quella stessa gente crede che solo per il fatto di essere fuggiti da prigioni libiche , siano brave persone . Quella stessa gente che invece di gridare USA CRIMINAL si inginocchia per trasformare un criminale in eroe grazie al colore della sua pelle, come se la colpa fosse nostra e non della polizia americana. Quella stessa gente che grida al #ddlzan e vuole i bambini liberi di diventare donne Quella stessa gente grida assassino a chi spara ad un ladro che gli entra in casa. Quella stessa gente che rivendica il diritto delle donne di provocare sempre più gli istinti maschili e condanna quegli uomini i cui istinti non sappiano resistere alle provocazioni Quella stessa gente che crede che l’acido ialuronico li faccia tornare bambini https://www.tpi.it/politica/lettera-interna-di-british-american-tobacco-abbiamo-finanziato-open-20211125844547/ Putin caccia Soros e le sue Ong: arrestato il direttore di Open Russia (FOTO)

Nel nome della democrazia
TYP-455275-4734168-democrazia

Chi è capace di guardare lontano, vede che abbiamo messso in moto meccanismi che non potranno fermarsi e porteranno proprio a questa conclusione. D’altra parte la risposta dei nostri governi occidentali è stata tipicamente emotiva e senza ragionare su quello che avrebbe determinato. Per la prima volta siamo in guerra non perchè attaccati o per interessi economici ma NEL NOME DELLA DEMOCRAZIA. ed in tal nome siamo disposti a distruggere la nostra economia

Razzismo giustificato

Siamo ormai al #RAZZISMO GIUSTIFICATO. E’ razzismo quando si persegue indiscriminatamente qualcuno solo per appartenere ad un’etnia o un paese. Forse, invece di scrivere “NO AL RAZZISMO” O #NOTORACISM dovrebbero scrivere “IL RAZZISMO È UN’ARMA DI GUERRA”. Eppure nessuno sembra ricordarlo, ed a coloro cui si ricorda questo concetto, si nota subito un atteggiamento difensivo nel quale cerca di arrampicarsi sugli specchi dicendo che il razzismo riguarda il colore della pelle e quindi il fisico. Mah. Secondo tale interpretazione quindi non sarebbe razzismo quello nei confronti dei meridionali italiani mentre lo sarebbe quello di chi ritiene che i capelli biondi risultino sgraditi o si ritengono le persone basse non uguale alle altre come nel caso di #Brunetta. Sempre più razzisti NO TO RACISM non è un nostro problema

La cittadinanza questa sconosciuta

C’è una forte differenza tra CITTADINANZA e RESIDENZA (e addirittura domicilio) che la maggior parte delle persone ed i media che le informano, sembrano non conoscere La cittadinanza NON si acquista pagando le tasse e nemmeno nascendo in un determinato territorio, ed è giusto così. Solo i paesi senzsa storia (USA, Australia, Canada….) con bisogno di incrementare la loro popolazione adottano criteri diversi dal resto del mondo riguardo la concessione della cittadinanza. In Europa nessuno Stato adotta lo ius soli (cittadinanza trasmessa in base al luogo dove si nasce)  e solo quattro Stati membri, cioè Francia, Lussemburgo, Olanda e Spagna, hanno recentemente adottato quello che si chiama ‘doppio ius soli’, cioè un figlio nato nel territorio dello Stato acquisisce la cittadinanza del Paese di nascita se anche uno dei due genitori è nato anche nel territorio di quello Stato. Spagna Francia e Olanda lo hanno fatto per le colonie mentre il lussemburgo per motivi fiscali. La cittadinanza non significa solo “passaporto” ma significa che lo #Stato dovra garantire assistenza sanitaria, istruzione, lavoro, casa, giustizia, difesa ecc….. oltre a permettere di accedere a cariche molto delicate quali quelle della magistratura, della politica, dell’esercito ….. (pensiamo oggi ad un generale dell’esercito ucraino figlio di russi ma nato in ucraina) …. Nascere in un territorio non significa automaticamente diventare destinatario dei privilegi forniti dallo Stato che organizza quel territorio. Questo perchè quei privilegi sono stati originati dall’operato di altri che in passato hanno combattuto guerre, pagato tasse e lavorato duro. Per questo ciò […]

Governo ATLANTISTA e opposizione PURE

Governo #ATLANTISTA e #opposizione PURE: Che bella la #democratura di #Soros

Eclissi di costituzione

Un libretto corsaro per smontare la propaganda del potere. Accolto dai principali media e dalla stragrande maggioranza della classe politica come l’uomo della Provvidenza, Mario Draghi è l’espressione più autorevole, in Italia, del pensiero unico che ha condotto il mondo sull’orlo del baratro ambientale, sociale e politico. In poco più di un anno ha disegnato il paese a sua immagine e somiglianza. Ma come può risanarlo il direttore generale del Tesoro che ha svenduto l’industria pubblica; il governatore di Bankitalia che non ha fatto nulla per vigilare su Monte dei Paschi e sulle banche venete; il presidente della Bce che ha avuto un ruolo determinante nella gestione della crisi greca? Dal governo della pandemia alla riforma della giustizia e a quella fiscale, dalla gestione del Pnrr fino all’irresponsabile posizione sulla guerra di Putin, il racconto estremamente preciso e ostinatamente contrario di Tomaso Montanari mostra in tutta la sua spiazzante crudezza un sistema di potere che per tutelare gli interessi di una piccola e potente élite sta facendo piazza pulita dei principi della Costituzione.

Difendere le donne
I bravi genitori non preparano il cammino per i loro figli

PERCHE’ GLI UOMINI SI SENTONO IN DOVERE DI DIFENDERE LE DONNE visto che queste non esitano a considerare i maschi “cattivi” a prescindere??

Recensori

Che gran categoria sono i creatori di RECENSIONI!! uno degli ultimi livelli del consumatore è quello di arrivare a considerarsi consumatore esperto e pensare di direzionare gli altri consumatori: il recensore! Non importa che sono i recensori stessi a pagare per poter giudicare e dare un voto a colui che stanno pagando. Sono addirittura convinti che la loro recensione può portare o non portare altri consumatori a fare la stessa scelta. Ce ne sono una quantità mostruosa che girano per bar e ristoranti per poi dare il loro voto e sentirsi giudici supremi.

Democratura Sorosiana
Soros

DEMOCRATURA SOROSIANA E CONSUMISMO: Cancri sociali spiegati ai ragazzi t.me/democraziaconsumista Sinistra sorosiana

Consumismo e lavoro
consumismo

….poi inizio il consumismo che rendeva necessario andare a lavorare sempre.di più grazie allinsoddisfazione della gente che doveva crescere in continuazione. Portata al massimo, l’insoddisfazione travolse anche quesgli ideali che avevano creato il benessere e la tranquillità mettendo a decidere persone che rappresentavano la gran quantità di stupidi presente nel paese che si aggiunsero ai ladri votati dalla gran quantità di ladri nel paese. Gli stupidi non sapevano cosa fare e saltavano da una parte all’altra con il solo scopo di demolire ma senza alcuna idea di come costruire si fecero consigliare non da gente esperta (quindi vecchia)a dai nuovi visionari del mondo che con il loro piffero suonavano canzoni di lucignolo che parlavano di un paese dei balocchi dove è sempre festa. Il pifferaio era stato istruito dai ladri ben più esperti, furbi e lungimiranti e così Pinocchio e Lucignolo si ritrovarono trasformati in somari a lavorare più di prima. Conclusione: la democrazia è il trionfo degli stupidi che voteranno sempre i loro simili anche perché non possiedono la capacità di riconoscere chi ne sa più di loro. Una società migliora con la democrazia solo se piu della metà sono brave persone: oggi la vedo difficile…..

Creare la vita

NON è #progresso quello che ha convinto le donne a limitare al massimo il dono esclusivo che la natura ha dato loro: creare la vita!! Non è progresso, non è #emancipazione: è #consumismo!! Parallelamente a questo concetto di emancipazione le #gattare di una volta si sono moltiplicate all’inverosimile e diffuse senza piu limitarsi solo ai gatti e contagiando anche gli uomini. Nasce così un nuovo settore commerciale dai guadagni non indifferenti….guarda caso.

Contro i nostri interessi

Andare sempre contro gli interessi dell’Italia sembra essere un ottimo metodo per attrarre consensi derivanti dai creduloni che ritengono che sia attendibile e altruista (e non stupido) colui che propone azioni che vanno in direzione contraria agli interessi propri e del gruppo a cui appartiene. Sono i cosiddetti PALADINI, mercenari non pagati in monete ma in consensi. I più diffusi oggi sono gli uomini paladini delle donne (che dovrebbero anche spiegare perchè una donna dovrebbe essere difesa a prescindere , a meno che non sia considerata come un essere sottosviluppato incapace di difendersi e farsi valere). La politica abbonda di pseudo paladini ed uno dei più peridocolosi è Franceschini che utilizza la stupidità per essere portato in trionfo dagli stupidi. Grazie a gente come #Franceschini – e alla sua demente propaganda: la cultura deve essere per tutti – stiamo distruggendo il settore dei musei e dei monumenti, un settore che potrebbe far vivere l’Italia di #rendita se solo facessimo pagare il giusto ai turisti stranieri. Nessun paese permette di visitare edifici di #2000 anni fa e ciò dovrebbe essere pagato più di ogni altra cosa al mondo, forse anche di un giro nello #spazio. Ma noi no…. Noi sempre pronti a svalutare tutto ciò che abbiamo ed affidarci a ciò che ci raccontano dal West. Nella rincorsa alla crescita dei numeri ci preoccupiamo di attirare turisti mordi e fuggi che vengono a farsi selfie senza sapere esattamente dove sono e dove stanno incidendo le loro iniziali . D’altra parte lo […]

Interessi del Governo
consumo meno

Ma il #governo italiano NON DOVREBBE FARE GLI INTERESSI DELL’ITALIA? Invece la #draghicrazia sta facendo gli interessi dell’Ucraina e sta facendo di tutto per fare danni a #Putin ed ai russi in generale. E ciò avviene anche se costa caro all’intera industria italiana ed anche ai consumatori finali. Era forse nel piano di governo? Si è mai verificata una cosa simile nella #storia italiana e mondiale? Quando è stato che un paese ha messo a rischio la propria attività economica solo per poter dire che uno dei due belligeranti è cattivo? Bisogna essere veramente stupidi per sbilanciarsi in questo modo inutilmente visibile. Nelle guerre gli stati si aiutano di nascosto ED È ANCHE PIÙ EFFICACE. Siamo guidati da stupidi quaqquaraqqua…..e mi sa tanto che Putin lo sa benissimo e lo sanno ancora meglio gli altri paesi che stanno guardando alla finestra

Pena di morte per i russi

La #draghicrazia prevede la pena di #morte per gli uomini che entrano nel territorio di uno stato sovrano imbracciando le armi. Se invece entrano senza armi, devono essere assistiti e mantenuti dallo stato stesso, anche se per entrare non rispettano un fermo di polizia e distruggono mezzi militari. Ed eccoci a fare la battaglia del condizionatore cento anni, dopo la battaglia del grano

Il lavoro va contro l’istinto
Voglio la stessa droga che faceva fischiare e cantare i sette nani andando al lavoro

La Festa dei Lavoratori è un inganno ideologico, dovremmo rivendicare il diritto all’ozio. La Treccani così definisce ozio: «in genere, astensione dall’attività, dalle occupazioni utili, per un periodo più o meno lungo o anche abitualmente, per indole pigra o indolente». Definizione tutta moderna, pregna di utilitarismo materialista. Ma non è stato sempre così… «I Greci nell’epoca del loro splendore non avevano che disprezzo per il lavoro, solo agli schiavi era permesso di lavorare: l’uomo libero conosceva esclusivamente gli esercizi ginnici e i giochi dello spirito. Era questa l’epoca in cui si viveva e si respirava in mezzo a un popolo di Aristoteli, di Fidia, di Aristofani […]. I filosofi dell’antichità insegnavano il disprezzo per il lavoro, degradazione dell’uomo libero; i poeti cantavano l’ozio, dono degli dèi» (Virgilio, Bucoliche). Cenni storici Greci e Romani Presso gli antichi greci vi era dunque un’accezione positiva dell’ozio, inteso come il tempo che aristocratici e filosofi dedicavano alle attività più alte dello spirito. Nella «polis fondata secondo natura» – la Repubblica di Platone – il corpo sociale è diviso in tre gruppi funzionali, dei quali solo il più basso è destinato al lavoro: la «piccolissima stirpe» degli archontes, detentori della sophia, cui spetta il governo della città; coloro che detengono la «funzione guerriera» perché la loro qualità è il coraggio; i lavoratori, la cui «temperanza» determina l’accettazione della propria condizione di governati come legittima e funzionale all’interesse collettivo. È bene ricordare che le tre parti della città, in Platone, non assumono il carattere di caste […]

LEGALIZZARE LE ARMI DA DIFESA

LEGALIZZARE LE ARMI DA DIFESA Chi invia armi all’Ucraina sa di essere FAVOREVOLE ALLA PENA DI #MORTE? Se chi entra in un altro paese merita di essere ammazzato, perche chi entra in casa mia per rubare non deve subire lo stesso trattamento? Facendo le dovute proporzioni un esercito che entra in uno stato equivale ad un uomo che entra in una casa sfondando porte o finestre e sradicando inferriate e sistemi di allarme. “Le armi inviate sono solo per difesa” dicono alcuni. Se ritengono che le armi possono essere solo difensive, ANCH’IO VOGLIO AVERE IN CASA ARMI DIFENSIVE. Bisognerebbe introdurre quindi una proposta di legge affinché le armi del tipo inviato in Ucraina siano LEGALIZZATE per uso da difesa. La #draghicrazia con il suo comportamento ha subdolamente sdoganato modi di pensiero diametralmente opposti a quelli che in italia erano ben condivisi come cancellazione della pena di #morte. A vedere bene anche il concetto di eutanasia, non viene applicato per l’Ucraina e si preferisce un accanimento militare che, scientificamente, non ha probabilità di vincere. Ma si sa: i miracoli possono sempre avvenire!! Ed allora perché staccare la spina ai malati terminali? Forse perche loro stessi lo vogliono. Ma allora in Ucraina si doveva lasciare liberi di emigrare anche i maschi che non intendessero combattere, invece nessuno ha potuto scegliere visto che la pena di morte è in vigore per chi si sottrae all’accanimento militare La #draghicrazia ha inoltre smontato il concetto di #diplomazia rendendolo del tutto privo di significato; secondo loro […]

Democrazia Baggata

Una società migliora con la democrazia solo se piu della metà sono brave persone: in questa epoca la vedo difficile…..

Putin al Governo
Sinistra-Unita-1

#PUTIN AL #GOVERNO I media ci forniscono una visione della #guerra e una visione del mondo e della vita, limitata al commercio con la paranoia strisciante di non poter lucrare ricchezza e potere. Una mente ampia dovrebbe avere una visione del mondo maggiormente realistica di quella fornita dai media di un solo stato che si scandalizza se viene data voce al ministro degli esteri russo. Usando la fantasia si potrebbe i considerare come le diverse posizioni mondiali siamo riconducibili a società dove la linea di pensiero è stata annacquata verso un ribaltamento sociale che vede crescere velocemente intoccabili caste di arcobalenati siano essi LGBT o immigrati. Non è certo casuale che i paesi arcobalenati abbiamo avuto reazioni tali da permettere alla guerra di perpetrarsi mentre il resto del mondo non sembra aver avuto reazioni isteriche e poco ponderate limitandosi come storicamente sempre avvenuto, a reazioni che permette ono di tenere il piede in due scarpe come ogni buon diplomatico dovrebbe fare. Non è casuale che il mondo non sia disposto a seguire nella fornitura di armi e nelle sanzioni i necons sorosiani che pensano di poter gestire il commercio attraverso la finanza e quando non ci riescono scatenano guerre senza alcun ritegno. Il timore che il commercio dell’energia sfuggisse di mano alla finanza è il motivo che ha portato a questa guerra. Il timore che siano i paesi produttori di gas e petrolio possano dettare le agende politiche al mondo è lo spauracchio: cosa succederebbe in Italia se – per […]

Le capriole a 5 stelle

#DiStefano e #Azov: #Ucraina a #5stelle. Le capriole dei 5 st. vorrebbero che oggi #petrocelli cambiasse idea o si dimettesse dalla commissione #esteri, dimenticando che una commissione parlamentare NON DEVE seguire i dettati del governo. Il parlamento è lì per approvare il governo non per prendere ordini da esso. Quando il parlamento viene minacciato se non sostiene le linee di governo, è il governo che si deve dimettere NON il parlamento. Altrimenti è #dittatura. #draghicrazia #democratura

Cultura millenaria

MILLENARIA….la nostra cultura millenaria…… Quanto, di questa #cultura odierna proviene dalla nostra cultura di 10, 100 o 1000 anni fa e quanto invece è un ribaltamento in chiave consumistica della nostra vera cultura originale?