La VERA RIVOLUZIONE ECONOMICA
capitalism

Per rivoluzione si intende il rovesciamento totale dell’ordine costituito e delle culture ad esso legate. Non è certo una rivoluzione quando lo Stato crea ad arte un problema e ne propone la soluzione adottando i provvedimenti che altrimenti nessuno avrebbe accettato. È quanto sta accadendo con la regressione demografica e con le pensioni queste ultime utilizzate come arma di ricatto visto che – secondo gli arcobalenati – la denatalità non permetterà di pagarle se non attiriamo manodopera estera (ovviamente di bassa qualità e da formare) Se non ci limitiamo a degluttire  numeri ed i concetti che ci vengono proposti, ci rendiamo facilmente conto che stiamo facendo la cosa meno saggia solo perché ben influenzata dai pregiudizi economici inculcati nelle menti occidentali (da chi vuole depredare il nostro e gli altri paesi). È veramente poco saggio infatti lasciarsi abbagliare ossessionata mente dal concetto di crescita al punto di non capire che se la popolazione diminuisce è del tutto controproducente creare nuovi posti di lavoro. È un comportamento simile a quello di chi vede la propria famiglia diminuire ma compra case con sempre più camere da letto, sperando che qualcuno venga. In altre parole il grande capitale per aumentare i propri profitti oltre il limite massimo, come il giocatore di Monopoli che dalle case vuole mettere gli alberghi, si è travestito da benefattore e predica che migliorerà la vita dei poveri e dei profughi facendoli venire a lavorare da noi così poi, fra 20 o 30 anni, anche gli altri ne saranno […]

Stesso delitto stessa pena
stesso reato stessa pena

Le leggi sono ormai orientate non per la difesa dei diritti dei più poveri ma in base al sesso o all’orientamneto sessuale Questo è stato un elemento chiave per la cancellazione del proletariato e la scomparsa della lotta di classe https://ec.europa.eu/info/policies/justice-and-fundamental-rights/gender-equality/gender-equality-strategy_it combattere la violenza contro le donne  significa suddividere la violenza in due gruppi: quella contro gli uomini e quella contro le donne. Spingendo a combattere solo quella contro le donne, nasce la deduzione che quella contro gli uomini non sia altrettanto importante da combattere Chi crede che non sia vero cvi sia una strategia dietro il tentativo di accalappiarsi i facili consensi delle donne, solitamente non interessate alla politica , ma sensibilissime a lasciarsi attrarre da offerte speciali e altri pifferai magici, possono leggere le strategie che saranno adottate nie prossimi anni https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?uri=CELEX:52020DC0152#footnote10 chi li legge con senso critico e senza farsi abbagliare da specchietti e frasi fatte, capira bene dove si vuole andarea a parare. se poi pensiamo che i politici siano tutti sinceri ….vabbe https://ec.europa.eu/info/policies/justice-and-fundamental-rights/gender-equality_en https://www.europarl.europa.eu/committees/it/human-rights-and-democracy-in-the-world-/product-details/20211111CAN64121 the FEMM opinion rapporteur Hilde Vautmans (Renew) focuses on seven key areas: Gender based violence; Women’s participation in political life; Women in armed conflict; Human trafficking and forced labour; Children’s rights, especially education; Women and girls in migration; and LGBTIQ equality. 106 amendments were tabled, 22 compromise amendments were elaborated.

Bounty Killer
bountykiller

Bounty killer Nelle menti degli italiani sembra stia radicandosi sempre più profondamente il concetto tipicamente americano del BOUNTY KILLER, una specie di BOIA che si guadagna da vivere catturando o ammazzando  ricercati ( o presunti tali)  per intascarsi la taglia. La differenza tra bounty killer e boia sta nel fatto che il boia non si preoccupa di andare a cercare le vittime ma si limita ad eseguire sentenze dei giudici nei confronti dei colpevoli. Il bounty killer va in giro per il mondo e ammazza coloro che hanno una taglia del tipo “vivo o morto” anche se nessuno si preoccupa mai di verificare che effettivamente vi sia una taglia sulle vittime o siano state uccise a discrezione del bounty. In Italia una simile filosofia di pendiero ha sempre avuto poco successo al punto che la parola BOIA è un’offesa spesso utilizzata per bestemmiare. Il pensiero degli italiani è storicamente distaccato dalle armi e dalla pena di morte (in molti sono addirittura dalla parte dei lupi). Da poco tempo, invece, grazie alla propaganda tambureggiante e senza alcuna alternativa, un evento che è stato poco seguito ma che per la gravità dei fatti in cui è sfociato dovrebbe alimentare la nostra capacità diplomatica di intervenire per far cessare i conflitti, ha invece attivato gli interruttori di odio estremo nei confronti di chi è “cattivo” arrivando a giustificarne l’uccisione. E se proprio non riusciamo a fare ua guerra con le armi, il massimo del nostro impegno si riversa in una GUERRA COMMERCIALE che […]

Fermiamo l’attrazione di investimenti esteri

#Inquinare, consumare #energia che non abbiamo e materie prime da importare, importare #manodopera che non abbiamo, pagare #infrastrutture e pagare #sanità, #scuola, #casa, #giustizia, ecc ad operai venuti dall’estero che rimanderanno i loro guadagni all’estero. Continuare a creare posti di lavoro, i cui profitti vanno nelle tasche estere è come creare gli #SCHIAVI LEGALIZZATI. Le persone, negli ultimi decenni, sono state convinte a cercare di lavorare sempre più. Allo stesso modo, governi e popoli sono stati convinti a creare sempre più posti di lavoro. Ciò è avvenuto trascurando la realtà che l’Italia non possiede materie prime, né energia, né manodopera. Oggi, le #fabbriche hanno il 70% di personale straniero. Chiediamoci: Non aiuteremmo di più queste persone mettendo le fabbriche nei loro paesi e portando in Italia i profitti netti. A chi dice che ciò sarebbe dannoso per l’economia e tutto crollerebbe bisogna ricordare come vivono nazioni quali: San Marino, Montecarlo, Vaticano, Lussemburgo, Liechtenstein, Andorra, ma anche Svizzera, Olanda, ….. Per un cambiamento radicale che porti l’Italia a dominare il mondo grazie al suo ingengo e alle sue capacità, Dobbiamo attrarre società finanziarie e non manifatturiere. BISOGNA CAMBIARE IL CONCETTO DI ECONOMIA CHE GLI #USA CI HANNO CONVINTO AD ADOTTARE. Attrazione Investimenti Esteri

Sinistra sorosiana
arcobaleno dura poco

Vedere la sinistra con posizioni totalmente coincidenti con quelle di soros (e di draghi) è veramente demoralizzante. Quella stessa gente crede che solo per il fatto di essere fuggiti da prigioni libiche , siano brave persone . Quella stessa gente che invece di gridare USA CRIMINAL si inginocchia per trasformare un criminale in eroe grazie al colore della sua pelle, come se la colpa fosse nostra e non della polizia americana. Quella stessa gente che grida al #ddlzan e vuole i bambini liberi di diventare donne Quella stessa gente grida assassino a chi spara ad un ladro che gli entra in casa. Quella stessa gente che rivendica il diritto delle donne di provocare sempre più gli istinti maschili e condanna quegli uomini i cui istinti non sappiano resistere alle provocazioni Quella stessa gente che crede che l’acido ialuronico li faccia tornare bambini https://www.tpi.it/politica/lettera-interna-di-british-american-tobacco-abbiamo-finanziato-open-20211125844547/ Putin caccia Soros e le sue Ong: arrestato il direttore di Open Russia (FOTO)

Razzismo giustificato

Siamo ormai al #RAZZISMO GIUSTIFICATO. E’ razzismo quando si persegue indiscriminatamente qualcuno solo per appartenere ad un’etnia o un paese. Forse, invece di scrivere “NO AL RAZZISMO” O #NOTORACISM dovrebbero scrivere “IL RAZZISMO È UN’ARMA DI GUERRA”. Eppure nessuno sembra ricordarlo, ed a coloro cui si ricorda questo concetto, si nota subito un atteggiamento difensivo nel quale cerca di arrampicarsi sugli specchi dicendo che il razzismo riguarda il colore della pelle e quindi il fisico. Mah. Secondo tale interpretazione quindi non sarebbe razzismo quello nei confronti dei meridionali italiani mentre lo sarebbe quello di chi ritiene che i capelli biondi risultino sgraditi o si ritengono le persone basse non uguale alle altre come nel caso di #Brunetta. Sempre più razzisti NO TO RACISM non è un nostro problema

La cittadinanza questa sconosciuta

C’è una forte differenza tra CITTADINANZA e RESIDENZA (e addirittura domicilio) che la maggior parte delle persone ed i media che le informano, sembrano non conoscere La cittadinanza NON si acquista pagando le tasse e nemmeno nascendo in un determinato territorio, ed è giusto così. Solo i paesi senzsa storia (USA, Australia, Canada….) con bisogno di incrementare la loro popolazione adottano criteri diversi dal resto del mondo riguardo la concessione della cittadinanza. In Europa nessuno Stato adotta lo ius soli (cittadinanza trasmessa in base al luogo dove si nasce)  e solo quattro Stati membri, cioè Francia, Lussemburgo, Olanda e Spagna, hanno recentemente adottato quello che si chiama ‘doppio ius soli’, cioè un figlio nato nel territorio dello Stato acquisisce la cittadinanza del Paese di nascita se anche uno dei due genitori è nato anche nel territorio di quello Stato. Spagna Francia e Olanda lo hanno fatto per le colonie mentre il lussemburgo per motivi fiscali. La cittadinanza non significa solo “passaporto” ma significa che lo #Stato dovra garantire assistenza sanitaria, istruzione, lavoro, casa, giustizia, difesa ecc….. oltre a permettere di accedere a cariche molto delicate quali quelle della magistratura, della politica, dell’esercito ….. (pensiamo oggi ad un generale dell’esercito ucraino figlio di russi ma nato in ucraina) …. Nascere in un territorio non significa automaticamente diventare destinatario dei privilegi forniti dallo Stato che organizza quel territorio. Questo perchè quei privilegi sono stati originati dall’operato di altri che in passato hanno combattuto guerre, pagato tasse e lavorato duro. Per questo ciò […]

Eclissi di costituzione

Un libretto corsaro per smontare la propaganda del potere. Accolto dai principali media e dalla stragrande maggioranza della classe politica come l’uomo della Provvidenza, Mario Draghi è l’espressione più autorevole, in Italia, del pensiero unico che ha condotto il mondo sull’orlo del baratro ambientale, sociale e politico. In poco più di un anno ha disegnato il paese a sua immagine e somiglianza. Ma come può risanarlo il direttore generale del Tesoro che ha svenduto l’industria pubblica; il governatore di Bankitalia che non ha fatto nulla per vigilare su Monte dei Paschi e sulle banche venete; il presidente della Bce che ha avuto un ruolo determinante nella gestione della crisi greca? Dal governo della pandemia alla riforma della giustizia e a quella fiscale, dalla gestione del Pnrr fino all’irresponsabile posizione sulla guerra di Putin, il racconto estremamente preciso e ostinatamente contrario di Tomaso Montanari mostra in tutta la sua spiazzante crudezza un sistema di potere che per tutelare gli interessi di una piccola e potente élite sta facendo piazza pulita dei principi della Costituzione.

Democratura Sorosiana
Soros

DEMOCRATURA SOROSIANA E CONSUMISMO: Cancri sociali spiegati ai ragazzi t.me/democraziaconsumista Sinistra sorosiana

Consumismo e lavoro
consumismo

….poi inizio il consumismo che rendeva necessario andare a lavorare sempre.di più grazie allinsoddisfazione della gente che doveva crescere in continuazione. Portata al massimo, l’insoddisfazione travolse anche quesgli ideali che avevano creato il benessere e la tranquillità mettendo a decidere persone che rappresentavano la gran quantità di stupidi presente nel paese che si aggiunsero ai ladri votati dalla gran quantità di ladri nel paese. Gli stupidi non sapevano cosa fare e saltavano da una parte all’altra con il solo scopo di demolire ma senza alcuna idea di come costruire si fecero consigliare non da gente esperta (quindi vecchia)a dai nuovi visionari del mondo che con il loro piffero suonavano canzoni di lucignolo che parlavano di un paese dei balocchi dove è sempre festa. Il pifferaio era stato istruito dai ladri ben più esperti, furbi e lungimiranti e così Pinocchio e Lucignolo si ritrovarono trasformati in somari a lavorare più di prima. Conclusione: la democrazia è il trionfo degli stupidi che voteranno sempre i loro simili anche perché non possiedono la capacità di riconoscere chi ne sa più di loro. Una società migliora con la democrazia solo se piu della metà sono brave persone: oggi la vedo difficile…..

Creare la vita

NON è #progresso quello che ha convinto le donne a limitare al massimo il dono esclusivo che la natura ha dato loro: creare la vita!! Non è progresso, non è #emancipazione: è #consumismo!! Parallelamente a questo concetto di emancipazione le #gattare di una volta si sono moltiplicate all’inverosimile e diffuse senza piu limitarsi solo ai gatti e contagiando anche gli uomini. Nasce così un nuovo settore commerciale dai guadagni non indifferenti….guarda caso.

Interessi del Governo
consumo meno

Ma il #governo italiano NON DOVREBBE FARE GLI INTERESSI DELL’ITALIA? Invece la #draghicrazia sta facendo gli interessi dell’Ucraina e sta facendo di tutto per fare danni a #Putin ed ai russi in generale. E ciò avviene anche se costa caro all’intera industria italiana ed anche ai consumatori finali. Era forse nel piano di governo? Si è mai verificata una cosa simile nella #storia italiana e mondiale? Quando è stato che un paese ha messo a rischio la propria attività economica solo per poter dire che uno dei due belligeranti è cattivo? Bisogna essere veramente stupidi per sbilanciarsi in questo modo inutilmente visibile. Nelle guerre gli stati si aiutano di nascosto ED È ANCHE PIÙ EFFICACE. Siamo guidati da stupidi quaqquaraqqua…..e mi sa tanto che Putin lo sa benissimo e lo sanno ancora meglio gli altri paesi che stanno guardando alla finestra

Le capriole a 5 stelle

#DiStefano e #Azov: #Ucraina a #5stelle. Le capriole dei 5 st. vorrebbero che oggi #petrocelli cambiasse idea o si dimettesse dalla commissione #esteri, dimenticando che una commissione parlamentare NON DEVE seguire i dettati del governo. Il parlamento è lì per approvare il governo non per prendere ordini da esso. Quando il parlamento viene minacciato se non sostiene le linee di governo, è il governo che si deve dimettere NON il parlamento. Altrimenti è #dittatura. #draghicrazia #democratura

Nel cognome del padre

In Svezia, nazione alla quale viene associato l’aggettivo superlativo civilissima, un quarto delle nascite avviene senza l’intervento (non sappiamo esprimerci meglio) di un padre. I fieri vichinghi si recano in centri specializzati e donano – più spesso vendono – il seme. Questa sì che è civiltà, la stessa che considera discriminatorio il cognome del padre. E pensare che la concezione di civile ed avanzata proviene dalle donne svedesi che venivano in vacanza in Italia e si concedevano con estrema libertà …. fino ad allora non erano certamente considerate emancipate e non erano certo un esempio da seguire. Ad anni di distanza, il piano inclinato ha fatto scomparire il “latin lover” vale a dire il motivo principale che portava le svedesi sulla costa romagnola e la loro presenza ormai è occasionale preferendo le coste turche e greche. Si è perso di vista il motivo principale e frainteso l’effetto con l’aspirazione. La stessa cosa avverra con l’attribuzione di entrambi i cognomi al figlio (come da sempre avviene in Brasile che non per questo è socialmente più avanzato o meno maschilista) M come mignotta In pochi sanno cheil termine tipicamente romano mignotta deriva dalle abbreviazioni anagrafiche di “Madre ignota” che per rispetto veniva abbreviato in “m.ignota”. Spesso infatti le professioniste abbandonavano i figli che, a causa della mancanza di anticoncezionali ed anche della conoscenza scientifica di come avvenivano i concepimenti, spesso erano in gran numero ed i padri non si signavano certo di mantenerli. Ecco anche spiegato perchè coloro che NON hanno il […]

Guerra per l’energia
Guerraperlenergia

Il timore che il commercio dell’energia sfuggisse di mano alla finanza angloamericana è, se non il principale, uno tra i principali motivi che ha portato alla guerra tra la #Russia e l’Ucraina (e paesi arcobalenati). Il timore che i paesi produttori di gas e petrolio possano alzare la testa e pretendere il pagamento del giusto prezzo di un bene molto più essenziale dell’oro, è molto forte. Se così accadesse si trasformerebbe il mondo: sarebbero questi paesi a dettare le agende politiche al mondo ed a stabilire quali sono i diritti umani e la linea delle Nazioni Unite. Nel nostro piccolo proviamo a pensare: cosa succederebbe in Italia se – per fare un esempio – Putin dichiarasse che l’attuale governo, dimostratosi ostile pagherà il gas in rubli (al cambio di stato e quindi ad un prezzo tutto da deteeminare) mentre, se venisse nominato un governo più amichevole si potrebbero rinegoziare gli accordi ed ottenere condizioni estremamente vantaggiose? Se alle prossime elezioni si presentasse un personaggio che in campagna elettorale dimostrasse la sua amicizia con i russi e la promessa che da essi otterrebbe condizioni che altri non avrebbero? Il mondo fino ad oggi è stato governato da chi non ha avuto alcun ritegno ad usare gli eserciti per imporre il proprio volere. Sembra però che la loro facciata di preferire le guerre commerciali (le cosiddette sanzioni) per sconfiggere quelle militari sia perdente. Se sarà il commercio a guidare il mondo, il nuovo dio sarà l’energia e non l’esercito. Come diciamo da […]

Arcobaleno contro non arcobaleno
andra tutto bene

Sulla guerra Russia-Ucraina, il mondo è schierato su due diverse posizioni che rispecchiano i due grandi tipi di società verso i quali tutti i paesi sono ormai riconducibili: da una parte ci sono le societa #arcobalenate cioè quelle società dove la linea di pensiero è stata annacquata verso un ribaltamento sociale che ha visto crescere velocemente le intoccabili #caste di arcobalenati (siano essi #LGBT o #immigrati); dall’altra parte vi è il resto del mondo che non condivide le revisioni sociali utopistiche degli arcobalenati #sorosiani e si guardano bene dal partecipare alle CROCIATE di questa nuova religione. La parte di mondo che sventola l’arcobaleno come fosse un crocifisso e per questo si definisce #occidente, riguardo la guerra si è schierata da subito compatta per rendere il dialogo impossibile; Il resto del mondo ha espresso la propria opinione e cerca di ridurre al minimo i danni della guerra indipendentemente da chi sarà il vincitore. Non è certo casuale che i paesi arcobalenati – trascinati dal pensiero “Andrà tutto bene” – abbiamo avuto reazioni tali da permettere alla guerra di perpetrarsi mentre il resto del mondo non ha avuto quelle stesse reazioni isteriche e poco ponderate, limitandosi, come la storia insegna, a reazioni che permettono di tenere il piede in due scarpe come ogni buon #diplomatico dovrebbe fare. Non è casuale che i 3/4 del mondo non sia disposto a seguire i neocons sorosiani effettuando rappresaglie (camuffate da sanzioni) e fomentando la guerra nel tentativo di ristabilire lo status quo e tornare a […]

Dalla parte dei lupi o dalla parte di Putin
putin e il lupo

Sono in molti coloro che, succubi di una propaganda che fornisce concetti già ragionati, si trovano a difendere IL LUPO, un animale del tutto aggressivo e feroce che non uccide solo per mangiare. La loro incapacità alla coerenza fa si che gran parte di questi LUPISTI siano schierati contro la Russia di Putin nella questione dell’invasione Ucraina (ma non solo). La loro motivazione è semplice  in quanto superficiale superficiale: c’è un paese invaso ed un paese invasore. La capacità di ragionamento di queste persone non va oltre e ovviamente non riescono ad avere una coerenza di ragionamento che li porterebbe a pensare che anche il lupo entra nell’ovile e sbrana quante più pecore possibile. Se si fa notare la cosa a queste persone, la loro risposta sarà quasi certamente: ma i lupi sono animali non si possono paragonare agli esseri umani. Ma come? il lupo non appartiene alla categoria dei cani che si intende associare sempre più agli uomini? Se sei dalla parte dei LUPI non puoi essere contro PUTIN e la Russia

Massoneria Open Society
Gay-Pride-Chicago-e1498466702132

La Massoneria è una società segreta, la quale,  secondo un proprio metodo, detto di “iniziazione”, forma i suoi iscritti e si sforza di infondere loro le proprie massime, affinché, a loro volta, si adoperino a farle trionfare nella società. In Italia, la massoneria è condannata dall’opinione pubblica che però non ha una chiara percezione di cosa sia. Lo dimostra il fatto che ben pochi saprebbero spiegarne il termine o citarele differenze con le lobby economico finanziarie. Non è inoltre raro che chi parla di lobby, poteri occulti, massoneria ecc. viene immediatamente etichettato come complottista. Di fatto non si può affermare che esistono. Ogni tanto qualche articolo dei media o qualche intervento o post di commentatori fa riferimento, sempre molto molto cauto – come se la mera menzione esponesse al terreno minato dell’accusa di antisemitismo – alla cd “lobby ebraica” che altro non è che il movimento ebraico internazionale, all’interno del quale vi è da tempo un forte contrasto tra i “territorialisti pro Israele” da una parte e i “NeoGlobal USA” più George Soros dall’altra. I “territorialisti pro Israele” – categoria che riassume diverse correnti e componenti del movimento ebraico, con forte presenza di conservatori e ortodossi – in buona sostanza ritengono che il destino storico del popolo ebraico si è sostanzialmente compiuto con la nascita ed il consolidamento dello Stato di Israele. La maggior parte dei territorialisti tende inoltre a sostenere l’idea dello Stato Nazione, quale Israele evidentemente è. I “NeoGlobal USA” + Soros non ritengono Israele così importante, ed anzi […]

La scuola non dovrebbe fare politica
IC petrassi

La #scuola non dovrebbe fare politica. Sembrerebbe ovvio ma in #Italia non è così ed è facile rendersi conto dell’influenza dei docenti sui bambini utilizzando arcobaleni e simboli vari che solo gli ingenui possono credere che non si tratti di politica mentre gli stupidi se ne rendono conto e sono felici. Solo i regimi #dittatoriali utilizzano la scuola per inculcare ai #bambini il modo di pensare. In italia i bambini sono strumentalizzati ed esibiti sula pagina facebook della scuola mentre sono affacciati e sventolano l’arcobaleno. poco importa se lo fanno per divertimento o per non prendere un brutto voto. Ancor meno importante che sventolano l’#arcobaleno, segno distintivo della #pace ma anche degli #omosessuali, inducendo subdolamente i ragazzi a credere che vi sia una relazione diretta tra essi. Purtroppo, nessuno si scandalizzerà di questo perché le scuole sventolano i colori che piacciono al #governo ed allora, così come l’intero parlamento si alza in piedi ad applaudire il dittatore sorosiano, anche i seguaci della scuola sorosiana applaudiranno quei docenti che NON insegneranno ai ragazzi a sventolare orgogliosamente il tricolore italiano bensì l’arcobaleno sorosiano, ed in quell’arcobaleno troveranno la loro identità indotta. Il tutto con l’entusiasta consenso dei #genitori ben contenti che i loro piccoli #balilla sorosiani crescono buoni buoni come i loro cagnolini (anch’essi facenti parte della famiglia allargata tipicamente sorosiana). Genitori che non si rendono conto di spingere i propri figli verso una nuova #religione e un nuovo paese: a loro piace il nuovo, altrimenti che #consumatori sarebbero? In una scuola […]

Preti spretati

#PRETISPRETATI I preti spretati sono coloro che si dichiarano atei o non credenti ma si comportano e pensano da frati francescani, ragionano da cristiani perfetti su tutto tranne che sul sesso riguardo il quale sono più propensi verso i gay e non vedono di buon occhio la riproduzione tradizionale e la famiglia, che tipicamente non fa parte della mentalità dei parroci. Gente così avrebbe dovuto farsi prete (o monaca) ma non andava più di moda. I #pretispretati sono totalmente ideologizzati riguardo il modo di vita: fanno l’elemosina, chiamano “fratelli” tutti gli altri, si inginocchiano contro la violenza e le armi, fanno assistenza ai profughi, sono contro le frontiere, non vedono le differenze delle varie etnie…..in pratica rispondono a tutte le campagne del programma previsto dalla open society di #soros….guarda caso. Sono riuniti in organizzazioni non governative diramate in 120 paesi al mondo nelle quali Soros ha investito 32 MILIARDI DI DOLLARI DEL SUO PATRIMONIO PERSONALE (fonte:https://www.opensocietyfoundations.org/) e rappresentano una organizzazione sovranazionale ben più potente dei governi, assimilabile e forse superiore a quella del Papa e del vaticano. Il loro emblema non è il #crocifisso ma un #arcobaleno a volte associato alla zampa di gallina della pace , altre al cu_lo nudo dei pride. Sono una nuova religione che si è espansa nelle scuole occupando gli spazi lasciati liberi con la marginalizzazione della religione tradizionale. Una religione predicata dai media e con altissimi rappresentanti inseriti ad altissimo livello nelle istituzioni governative occidentali e capaci di fare affluire nelle ONG affiliate, immense […]

TRE DONNE A CAPO DELLA UE
3 donne UE

In effetti TRE DONNE A CAPO DELLA UE, stanno facendo molto per far radere al suolo l’Ucraina, uccidere tutti i maschi di quel paese e diasporizzare in Europa una gran quantità di #badanti, #maid e donne disposte a tutto per sopravvivere. Secondo loro alla guerra si risponde strillando e tirando i capelli. Convinte che ci sarà sempre qualcuno dietro di loro a difenderle . Il loro interesse è quello di fare apparire cattivo l’altro e AVERE RAGIONE senza discussioni. Non è forse una caratteristica comune a moltissime donne quella di voler avere ragione senza discutere? Ecco adesso abbiamo innalzata a ideale europeo. GRAZIE per aver lasciato ad #Erdogan ed #Israele (grandi nemici di Putin) il compito della diplomazia che prevede di evitare la guerra A QUALUNQUE COSTO ed provare ad avviare mediazioni per la pace , mentre l’Europa sta ISTERICAMENTE a strillare contro il cattivo Putin SPECCHIANDOSI nelle sanzioni che faranno tanto male ma non si sa a chi. SE LE DONNE VOLEVANO DIMOSTRARE LE LORO CAPACITA CI STANNO RIUSCENDO Mettere a fare la guerra chi non sa nemmeno cosa significa fare il soldato è la cosa più stupida che si potesse fare , dopo aver messo l’attore di un film a fare il presidente. Un’ideologia che ritiene giusto che guidare il parlamento europeo sia uno stato -malta- che fino al 1974 non aveva un parlamento ma era una colonia del regno unito. Ecco I RISULTATI DI UNA IDEOLOGIA DEL BUONISMO E DEL BELPENSIERO. Un’ideologia dove l’ultra romanticismo ha demonizzato […]

ius soli

Cosa direbbero oggi, alla luce dei fatti in Ucraina, coloro che acclamavano lo #jussoli ?? Per far cambiare idea agli #arcobalenati #sorosiani, riguardo lo ius soli, basta prospettare loro la possibilità che se #Putin inviasse le donne russe a partorire in Italia avremmo una gran numero di russi al 10O% ma cittadini italiani, i quali non solo potranno votare ma poi dovremo fornire assistenza anche all’estero (cioè se tornano in Russia). Forse la #russofobia può essere utile a far ragionare La cittadinanza questa sconosciuta

Insoddisfazione diffusa

L’INSODDISFAZIONE DIFFUSA CREATA DALLA PUBBLICITÀ con lo scopo di AUMENTARE I BISOGNI, spesso contagia le radici del pensiero e PUO AVERE RISVOLTI POLITICI con la conseguenza di vedere CRESCERE PARTITI SENZA IDEALI MA BEN SCHIERATI CONTRO TUTTO E CONTRO TUTTI

La conquista del mondo

Riguardo il programma di conquista del mondo da parte di #Putin, supponiamo che sia così e ragionando su cosa potrebbe succedere se così fosse, mi chiedo: E se la #NATO in caso di attacco russo all’Europa ci rispondesse come a risposto a #Zelensky? Egli era del tutto convinto che la NATO gli USA sarebbero giunti in suo aiuto e lo avrebbero difeso, come gli hanno sempre promesso e dimostrato anche con esercitazioni militari concrete. Al momento dell’attacco russo, però, la difesa non è arrivata. Sono arrivate invece le giustificazioni per non poter intervenire ritenendo prioritario evitare una escalation che porterebbe alla terza guerra mondiale. Una giustificazione validissima e che nessuno si è permesso di obiettare e nemmeno di mettere minimamente in discussione. Ragionando freddamente e senza pregiudizi, ci si rende conto di quanto questa giustificazione al “non intervento”, sia DEL TUTTO VALIDA anche in caso di attacco della Russia ad un paese NATO come ad esempio la #Romania o la #Polonia. In Italia siamo portati a credere che tale giustificazione non sarà fornita in una malaugurata situazione, ma questa nostra credenza è basata solo sul fatto che vi siano degli accordi firmati, niente più: carta che può diventare straccia in qualsiasi momento!! Si tratta di fidarsi. Proprio come si fidava Zelensky. Personalmente ho forti dubbi che se un concorrente commerciale degli Usa, quale è l’Europa, venisse attaccata dai russi, gli americani interverranno tempestivamente per difenderci o se si limiteranno a sparare missili atomici verso la Russia facendoli incattivire sempre più […]

Noi non ci giriamo

La famosa frase: “l’ora delle decisioni irrevocabili”, oggi si dice: NOI NON CI GIRIAMO DALL’ALTRA PARTE. Rendiamoci conto che da oggi, con la dichiarazione ufficiale del Governo sorosiano e l’applauso del parlamento, siamo ufficialmente entrati in guerra come #alleati dell’Ucraina e nemici della Russia (anche se in parlamento qualcuno si lava la coscienza dicendo che inviamo armi da difesa. Chissà questi cosa intendono per alleato e nemico). La storia insegna che quando si entra in #guerra solitamente si entra dalla parte del più forte o per difendere interessi comuni o popolazioni amiche o per fede e religione. Noi siamo entrati in #guerra PER PRINCIPIO!!! Non solo, ma siamo entrati in guerra dalla parte del più debole con il quale non condividiamo niente: lingua, cultura, religione, storia…. fino a pochi giorni fa gran parte degli italiani ignoravano qual’è la capitale dell’Ucraina e il 99% non conosceva una seconda città. Siamo entrati solo per spirito #francescano di aiutare i deboli e le vittime di soprusi (indice che il senso di colpa indotto nellenostre coscienze ha raggiunto livelli altissimi) ben amplificato dallo spirito antirusso creato da decenni e decenni di propaganda dei Peppone e don Camillo ai “ti spiezzo in due”. E per identificare la vittima ci siamo basati su un solo aspetto della vicenda che riteniamo prioritario e imprescindibile, chiudendo occhi e cervello su qualsiasi altra cosa, sugli antefatti ma sopratutto sul futuro. In passato il compito di “sceriffo della terra” è sempre stato ricoperto dagli #USA. Solo loro entravano in guerra […]

22 marzo 2023

22 marzo 2023 la celebrazione ufficiale della fine della #democrazia in Italia. Il parlamento vale a dire quel luogo dove si parla ed ognuno ha il suo spazio. dovrebbe essere il posto dove in caso di diatriba o guerra, entrambi hanno il diritto di esprimere il loro pensiero e motivare le loro posizioni. Oggi in parlamento abbiamo un video propagandistico a camere unificate, senza alcuna possibilità di intervento dei oarlamentari o di controbattere: esattamente come accade nelle vere dittature. Ed alla fine del video il parlamento sarà in piedi ad applaudire come a piazza Venezia. Segue poi la lettura del bollettino di guerra draghiano che definisce EROICA la resistenza di El Alamein, discorso ben intervallato da applausi dell’intero parlamento IN PIEDI. Scene di una ormai affermata dittatura. E c’è anche chi dice che non siamo alleati dell’Ucraina ma inviamo solo armi.

Razzismo sorosiano

#Razzismo. Non è forse #razzismo prendersela con persone innocenti e perseguitarle per il solo fatto di essere cittadini di uno stato? O il razzismo è solo quando fa comodo a #soros e tutta la sua brigata?

Pecoroni europei

#PECORONI #EUROPEI Nell’Italia del governo #sorosiano (messo lì con la scusa del vaccino) e dell’Europa delle #donne (3 donne nei 3 posti di comando della UE) non guardiamo dove sta la giustizia e nemmeno cosa sia meglio per noi. Non abbiamo né etica ne capacità affaristica ma solo reazioni isteriche immediate: siamo solo pecoroni di un’#Europa per la prima volta GUIDATA DA TRE DONNE! Certamente una casualità che non c’entra niente con il fatto che a livello europeo non abbiamo saputo dare una minima risposta diplomatica mentre abbiamo abbondato di risposte emotive e sanzioni a caso senza immaginare alle ripercussioni di ciò, in una gara a chi faceva dichiarazioni più ad effetto ed otteneva più #like. Aggiungiamo che il rappresentante europeo è #Macron – la cui deformazione mentale in suddito femminile è ben individuabile nell’aver sposato la sua professoressa di 25 anni più vecchia di lui – ed abbiamo una chiara idea dei risultati ottenibili da chi ritiene a prescindere che le donne superiori e basti avere un utero per non sbagliare mai. Nel mentre l’Europa delle #donne si specchiava ammirando le sue potenti sanzioni, i ministri degli esteri di paesi come Slovenia o Polonia (o come quelli di Turchia e Israele) si sono dovuti muovere singolarmente per cercare di ottenere un minimo avvio di trattative e negoziati che portino a fermare morti e distruzione. Siamo sicuri che il fatto che ci siano 3 donne al comando dell’UE, non c’entra niente con la convinzione buonista e vigliacca dell’utilità delle sanzioni […]

i peggiori stupidi sono quelli che non capiscono di aver perso

Bisogna saper capire quando si è perso: i peggiori stupidi sono quelli che non lo capiscono. È ormai evidente che la massima priorità NON è la pace bensì il non inchinarsi a Putin e non riconoscere che ha vinto. Non sia mai. Se la #pace avesse la priorità, basterebbe alzare bandiera bianca e si risparmierebbe un bagno di sangue e la distruzione di un paese (che qualcuno dovrà ricostruire). Ma questo non è lo scopo dell’occidente (e nemmeno della Cina) che ha un concetto di pacifismo solo per quanto riguarda gli altri, mentre chi sta dalla parte del giusto ha il dovere di uccidere e sterminare. Ed a guardare bene nessun canale TV e soprattutto NESSUNO tra politici o giornalisti si propone mai per una simile soluzione, primi fra tutti gli ucraini che si sono dimostrati carne da cannone vittime sacrificali e una guerra ad un livello superiore nella quale l’occidente mostra i muscoli finanziari e la Russia quelli militari. L’occidente ha dimenticato la diplomazia, ed è convinto che in questi casi non si debba parlare con l’invasore. Come dire che se un ladro grande e grosso e armato ci entra in casa e ci chiede i soldi, noi anziché darglieli gli contestiamo che lui non ha diritto di entrare in una proprietà privata e deve uscire perché sta facendo una violenza ingiustificata. Credo che chiunque si limiterebbe a consegnare i soldi e cercare di salvare la vita. Stranamente questo atteggiamento è scomparso come è scomparso quello l’ambasciatore non porta […]

Informazione come religione

SCEGLIAMO L’#INFORMAZIONE COME SCEGLIAMO LA #RELIGIONE: quella che ci hanno detto che è vera. Dall’inizio dell’invasione ascoltiamo in ripetizione ossessiva frasi del tipo: lo avevamo detto, è pazzo, è inaccettabile, è ingiustificato. Reazioni abbastanza normali sulla base delle informazioni che abbiamo. Stranamente però non si mostra la maniera in cui lo zar #Putin avrebbe lavato il cervello dei russi attraverso la #propaganda di TV e giornali. Cosa racconta la stampa russa ai russi? La TV russa che propaganda fa? In realtà per ognuno di noi si tratta di scegliere a quale informazione credere, esattamente come si sceglie la religione a cui aderire. Evitare che un’altro tipo di informazione porti nuovi adepti alla causa russa, è Il motivo per cui in occidente non è più possibile vedere siti e canali TV russi. Cosa avranno mai questi canali di così impressionante e potente da far cambiare idea agli italiani o agli occidentali? Com’è questa propaganda russa capace di rincoglionire milioni di persone? Chi si ritiene sufficientemente forte, non ha paura di essere risucchiato dalla #propaganda ed è convinto di saper riconoscere la propaganda dall’informazione non dovrebbe aver paura ad effettuare ricerche su internet: le informazioni ci sono e ci sono anche immagini video di oggi e di anni indietro. Perchè allora il nostro governo non ci permette di ascoltare l’altra campana e nello stesso tempo accusa di censure la Russia? Se vediamo le immagini di quello che è successo in questi anni nel #donbass diventa comprensibile l’intervento russo, e ci si chiede […]

Sempre più razzisti

l’Italia non aveva il problema del razzismo, nel nostro paese è stato avviato dagli Usa fin dagli anni 50. Anche la propaganda fascista cantava “faccetta nera bella abissina” ed anche negli anni 60/70 non si parlava di razzismo, mai. Gli USA, invece, alla fine dell’Ottocento hanno scatenato una guerra civile per il razzismo i nordisti contro I sudisti si uccidevano per razzismo. Noi non avevamo il problema finché non c’è stato instillato attraverso propaganda buonista camuffato da arte e e cultura attraverso film libri canzoni e successivamente notizie e tg: affermazioni populiste facilmente condivisibili, scavano nella nostra mente e ci fanno immedesimare nella vittima come se anche la.nostra società avesse il problema, anzi: non vediamo l’ora di averlo per schierarci anche noi come la protagonista del libro, del film, della persecuzione….. In questo modo in elemento marginali nasce il razzismo e viene fomentato proprio da quegli antirazzisti ansiosi di dichiararsi tali al punto di andare a caccia di elementi nei quali individuare tracce di razzismo arrivando anche al punto di inventarsele pur di soddisfare la propria fame di antirazzismo. francamente pensare che un pakistano musulmano entra in magistratura o in polizia mi crea non pochi dubbi sopratutto perche la magistratura è incontrollabile. Riguardo la pizza del cibo ionon sarei così estremo nel considerare ciò razzismo visto che può dar fastidio anche la puzza di pesce o altro, sono le normali conseguenze del vivere e ci saranno sempre. Personalmente sono per la tutela delle differenze individuali e credo che se ci […]

Omosessualità innata?

Se l’omosessualità – come hanno messo in testa al mondo intero – è innata e taluni nascono già con certe tendenze, perché allora – nell’interesse dei #bambini adottati – non eseguire delle analisi preventive con lo scopo di individuare coloro che essendo gay dalla nascita o essendo maggiormente predisposti risulterebbero maggiormente indicati ad essere dati in adozione a coppie #gay? Se tali caratteri sono innati basterebbe esaminare il #DNA ed i cromosomi al fine di poter garantire all’adottato la miglior integrazione familiare possibile. O forse non è vero che si nasce #gay? Del resto, i neonati gay da chi potrebbero aver ereditato tale carattere visto che, se i genitori erano gay non si sono riprodotti e se erano lesbiche sarebbero i figli di una violenza.

Lo sport unisce non divide

LO #SPORT UNISCE NON DIVIDE Sono ormai lontani i tempi quando la #Germania Ovest sfidava la Germania Est in competizioni calcistiche e non calcistiche oppure quando nel bel mezzo della guerra tra inglesi e argentini per le isole #Falkland (#Malvinas) le due nazioni giocano una partita ai mondiali nella.quale il gol di mano di #Maradona che da la vittoria all’Argentina vie e definito “mano de Dios”. Oggi con l’invasione ucraina si è deciso di innalzare lo #sport ad arma di ricatto sotto forma di #sanzioni, che dovrebbero spingere la #Russia a tornare sui suoi passi attraverso la cancellazione di eventi sportivi come il Gran premio di F1 in programma a sochi. Anche questa volta il pensiero occidentale si dimostra miope e dimentica che ormai lo sport fornisce il materiale basilare per le trasmissioni #TV, giornali, radio che risulta determinante per l’attrazione degli sponsor necessari alla vita delle emittenti stesse. Quanti spettatori avrebbe un canale che trasmettesse solo film e documentari? #Sky non sarebbe certo diventata la rete che conosciamo se non avesse avuto l’esclusiva per il #calcio. Se l’occidente calcherà troppo la mano sullo sport, si arriverà con certezza all’organizzazione di diversi mondiali di calcio (o altro) che si faranno concorrenza tra loro come accade per la #boxe in america E facile immaginare già oggi la creazione di un campionato di calcio al quale partecipano Russia Cina Giappone ….. con capacità economiche porterebbero ancora più giocatori occidentali a spostarsi in quei paesi che guadagnerebbero sempre maggior audience innescando una spirale […]

Credere alla pubblicità

– tu credi alla pubblicità? – io no, sono tutte bugie per creduloni. – ma allora sarebbe meglio vietarla? – scherzi? La.pubblicita è l’anima del commercio. – quindi l’anima del commercio sono i creduloni e i bugiardi? – ma no, cosa dici. Il commercio è il cuore della società. PER GENTE ABITUATA A CREDERE ALLA PUBBLICITÀ LA PROPAGANDA OCCULTA È IRRILEVANTE Per essere efficace la propaganda deve essere breve e non permettere alla gente di fare si che troppa attenzione porti a scavare in profondità gli argomenti e crearsi così delle opinioni personali.

OGNI POPOLO HA IL GOVERNO CHE L’INFORMAZIONE GLI HA DATO.
88985006_3119839664765397_4853656710583156736_n

OGNI POPOLO HA IL GOVERNO CHE L’INFORMAZIONE GLI HA DATO. #draghicrazia Un’informazione degna di chiamarsi tale dovrebbe almeno fornire – magari etichettandola come #propaganda – anche la versione dei TG russi e delle tv russe. Invece i media italiani sono stati tutti ben attenti a non citare network come RT – RUSSIA TODAY con l’evidente intento di non fornire visibilità (e quindi pubblicità gratuita) ad una fonte d’informazione fuori dal coro e non controllabile. L’informazione occidentale ha preferito dire di non avere video su quanto accade piuttosto che far vedere quelli disponibili ma che riportano il marchio RT Fortunatamente le IPTV permettono oggi di vedere canali di tutto il mondo non solo sul PC ma anche sul televisore. E cosi chi non è proprio ignorante in informatica e sa installarsi un client per IPTV conosce anche la versione cinese, indiana, giapponese sudamericana ecc….. di quello che succede nel mondo https://fb.watch/bpSCvWXY6b/

Usciamo dalla NATO

– USCIAMO DALLA NATO, NON SERVE A NIENTE. – Ma dopo gli americani si vendicherebbero. – Pensa che bravi alleati che abbiamo. https://img.youtube.com/vi/ZU4KwamQdr8/hqdefault.jpg

La democrazia è dannosa

La democrazia è dannosa e #Zelensky ne è la dimostrazione. Gli ucraini hanno dimostrato di essere persone totalmente anestetizzate da una serie TV sul presidente ucraino, arrivando al punto di votare a presidente dell’Ucraina l’attore che recita il ruolo del presidente. E’ l’evidenza di come ormai si è incapaci di distinguere la finzione dalla relatà e di come sia facilmente manovrabile in profondità l’opinione pubblica e di come le persone credano a fondo a quello che vedono, proprio come fosse una religione, ancor piu in una società privata rapidamente degli ideali come quella #ucraina. Il basso valore di questa persona è ben evidente adesso, quando si ostina a proclamarsi vittima ma non intende andarsene e quindi manda i suoi connazionali a combattere una guerra #suicida invece di abbandonare il governo e magari il paese risparmiando vite umane e distruzione sia pur piegando la testa. In questo modo si era comportato nel 2014 il presidente eletto democraticamente che aveva sconfitto la #Tymošenko ma che le proteste di piazza maidan e gli scontri organizzati dai soliti arlecchini delle rivoluzioni colorate. La democrazia fa bene ma solo a piccole dosi.

FUORI LA POLITICA DALLO SPORT

FUORI LA POLITICA DALLO SPORT si gridava una volta, ma questo solo quando fa comodo ai soliti imperialisti https://www.rt.com/sport/550446-uefa-moves-champions-league-final-russia/ Si è iniziato con la scusa della lotta al razzismo e gradualmente ed impercettibilmente lo sport è diventato arma di ricatto politico internazionale: Un altro degli eserciti non militari

5 stelle Ucraini

Avete notato quanto #Zelensky ricordi Di Maio ed i #5stelle sia nel suo modo di fare che nel suo atteggiamento? In effetti la carriera politica di #zelenski la potremmo definire a 5 stelle. Come riporta Wikipedia, era un comico che ha interpretato un serial dove recitava la parte del presidente dell ucraina. Fondatore della ONG League of Laughter (lega delle risate), Zelens’kyj interpreta nel 2015 il ruolo di presidente ucraino nella serie televisiva Sluha Narodu (letteralmente, Servitore del popolo) in cui mette in scena un capo di Stato onesto, capace di superare in astuzia antagonisti e detrattori. Sull’onda del successo TV crea un partito con lo stesso nome del serial TV (servitore del popolo) e pochi mesi prima delle elezioni presidenziali si candida e vince con il 77% dei voti. Peccato che guidare un paese che possiede armi e centrali nucleari sia cosa diversa fare il comico. E così l’incapace è riuscito a far degradare la situazione fino alla situazione attuale Ecco zelensky è il tipico errore della democrazia, del largo ai giovani e del condizionamento televisivo. Lasciare che sia il popolo ad eleggere il presidente, quando lo stesso popolo si può facilmente manipolare attraverso la TV è estremamente pericoloso.L’elezione diretta del presidente della Repubblica porta risultati come #zelensky. L’esempio massimo di lobotizzazione televisiva della società, associata ai facili consensi del “largo ai giovani” e “aria nuova” tutti di spiccata derivazione consumista. I risultati del mettere in mano ad un comico (sia pure fondatore della ONG lega delle risate) un […]

OGNI POPOLO HA IL GOVERNO CHE L’INFORMAZIONE GLI HA DATO

OGNI POPOLO HA IL GOVERNO CHE L’INFORMAZIONE GLI HA DATO. Un’informazione degna di chiamarsi tale dovrebbe almeno fornire – magari etichettandola come #propaganda – anche la versione dei TG russi e delle tv russe. Invece i media italiani sono stati tutti ben attenti a non citare network come #RT – RUSSIA TODAY con l’evidente intento di non fornire visibilità (e quindi pubblicità gratuita) ad una fonte d’informazione fuori dal coro e non controllabile. L’informazione occidentale ha preferito dire di non avere video su quanto accade piuttosto che far vedere quelli disponibili ma che riportano il marchio RT Fortunatamente le IPTV permettono oggi di vedere canali di tutto il mondo non solo sul PC ma anche sul televisore. E cosi chi non è proprio ignorante in informatica e sa installarsi un client per IPTV conosce anche la versione cinese, indiana, giapponese sudamericana ecc….. di quello che succede nel mondo  

La lingua madre

L’avversione alla lingua madre, tipicamente italiana, poggia sugli stessi pilastri del divario generazionale e, come esso, la sua estremizzazione viene cavalcata non solo dal marketing ma da molte categorie di psicologi che ritengono meritevole ciò che in realtà rappresenta uno dei più grossi danni sociali sopratutto in prospettiva futura.

De-socialistizzati

l’Italia è l’unico paese europeo a non avere in parlamento un PARTITO SOCIALISTA (per non parlare di quello comunista). Ciò è emblematico di come siamo diventati la brutta copia degli americani: de-socialistizzati Non c’è miglior fotografia della sudditanza verso quel paese che attraverso le sue canzoncine e i suoi film ci ha convinti nel profondo che comunisti e musulmani sono cattivi mentre ebrei e anglosassoni sono buoni e bravi quindi dei meravigliosi esempi da seguire. Si è mai visto un film dove ci sia un ebreo cattivo? Si è mai letto un libro che parla male degli ebrei? Si è mai sentito qualcuno che mette in dubbio la religione che idolatra un Dio che chiede ad Abramo di uccidere suo figlio? Ma se chiedi ai pesci del tuo acquario “com’è l’acqua?” Loro ti risponderanno: “quale acqua?”

Italo calvino e la pubblicità

Italo Calvino (clicca qui per la sua bibliografia) aveva ragione e ci aveva visto lungo anche se lui è vissuto in un epoca dove la pubblicità non era così ossessiva ed onnipresente fin dalla nascita di un individuo. Una quantità immensa di bisogni indotti. Togliamo la pubblicita e vivremo meglio.. “Personaggio buffo e melanconico, Marcovaldo è il protagonista d’una serie di favole moderne” scrisse Italo Calvino, segnando, come in un suo bloc-notes, avvenimenti impercettibili nella vita di una grande città industriale, quali possono essere il passaggio di una nuvola carica di pioggia o l’arrivo mattutino di uno sbuffo di vento. Un’edizione illustrata da Sto che vuole essere un omaggio a due grandi del nostro Novecento. Età di lettura: da 9 anni. Leonia

Il Papa in TV da Fazio

Il fatto che #PapaFrancesco abbia scelto di dare l’esclusiva già di per sé è scorretto. Se poi pensiamo che ha scelto #Fazio e la rete TV un tempo nota come #telekabul la dice lunga su dove siano finiti la #sinistra ed il proletariato ma anche la chiesa cattolica: nelle fauci della finanza che ormai da tempo si è impadronita dello IOR, arrivando a fare dimettere un Papa come mai si era visto fare in 2000 anni. A prescindere da quanto l’intervista sia stata filtrata e dalle domande che sono andate in onda, bisognerebbe riflettere sul fatto che il Papa abbia deciso di mettersi sullo stesso piano di un cantante o un attore in cerca di pubblicità e disposto a pagare pur di farsi notare. Francamente, colui che è stato chiamato alla guida di milioni e milioni di vite umane (non di persone) diventa. così facendo modo, una delle tante mode che domani saranno cestinate per avere nuovi personaggi che mantengano una audience sempre avida di novità. Sarebbe da chiedersi: Come è arrivato l’invito al Papa? Cosa lo ha convinto ad accettare? Cosa gli ha fatto scegliere Fazio tra le migliaia di giornalisti e letterati che avrebbero dato qualsiasi cosa per poter porre una domanda. Perché l’apparizione non è andata in onda sulla papalina TV2000?

Imagine

John Lennon: «Imagine all the people living for today… Imagine there’s no countries… and no religion too», taduzione: “Immaginate che la gente viva solo per l’immediato, che non ci siano nazioni e neppure religioni”. Bè, non solo lo abbiamo immaginato ma a distanza di 50 anni circa lo abbiamo realizzato, vissuto: è il mondo di oggi, globalizzato, omogeneizzato, appiattito sull’attualità, senza altro ideale che il consumo, senza altri sogni che il successo: al posto delle nazioni e della fede, Amazon e Apple. La musica è il principale cavallo di troia dell’ #imperialismoculturale Sono solo canzonette

L’ambiente inserito nella Costituzione
65103220_2799367636805374_7626217417668034560_n

L’AMBIENTE INSERITO NELLA COSTITUZIONE Ieri sono stati modificati gli articoli 9 e 41 della costituzione che adesso includono la tutela dell’ambiente. Quella che potrebbe sembrare una cosa buona, non essendo stata espressa in maniera precisa, diventerà un limite ad ogni attività umana. La mancanza di un metro e di una misura al “danno ambientale” inserito nella #costituzione quale tutela prioritaria, corre il rischio di considerare anticostituzionali anche la minima opera dell’uomo che apporti anche soolo minime modifiche all’ambiente, come una nuova strada o una nuova casa, Per non parlare di una centrale idroelettrica o un aeroporto. La costituzione italiana era una delle migliori al mondo. Purtroppo è andata via via sgretolandosi da quando è in mano a gente eletta in parlamento grazie a propaganda con criteri di marketing. Ancora una volta viene dimostrata la dannosità della democrazia a causa dell’insito elogio all’ignoranza. C’è da chiedersi se in caso di calamità naturali sarà possibile intervenire o se vi saranno coloro che interpreteranno ciò come naturale modifica dell’ambiente e ne contesteranno o bloccheranno il ripristino. https://www.ilsole24ore.com/art/la-tutela-dell-ambiente-entra-costituzione-AEHUOsCB

LA PUBBLICITÀ È PSICOLOGICAMENTE TOSSICA
Carosello-7

Fa piacere veder confermate dai soliti professoroni delle università inglesi (che sembrano essere le uniche autorizzate a diffondere la conoscenza e le ricerche) le convinzioni da tempo sostenute [https://hbr.org/2020/01/advertising-makes-us-unhappy]. Bisogna riconoscere che le loro ricerche sono sempre ben presentate e fornite di dati (chissa dove li prendono e a cui tutti credono) con una credibilità ben superiore rispetto quanto detto da uno qualunque. C’è da dire però che poteva essere maggiormente approfondita e se lo avessero fatto avrebbero raggiunto la conclusione che: LA PUBBLICITÀ È PSICOLOGICAMENTE TOSSICA La pubblicità rende infelici, porta a lavorare sempre di più, crea stili di vita insostenibili, deturpa l’ambiente, cattura la tua attenzione inibendo il pensiero spontaneo, diminuisce la tua capacità di concentrazione……) Non dimentichiamo, però, che il marketing è la fonte principale di finanziamenteo delle facoltà di psicologia che sono ceresciute come funghi negli ultimi decenni acquistando potere e popolarità. Quindi dalla psicologia non potrà certo venire la minima condanna della pubblicità e dei suoi effetti sulla personalità e sul carattere delle persone Eppure è innegabile che niente è paragonabile alla immensa quantità di messaggi pubblicitari che il nostro cervello registra fin dalla nascita ed arrivo a dire che la mia personale convinzione è quella che: SIAMO LA SOMMATORIA DEGLI SPOT CHE ABBIAMO RICEVUTO. E forse esagerato? Non credo proprio. Basta pensare che ogni mattina ci svegliamo ed una delle prime cose che facciamo è quella di leggere lo slogan sul tubetto del dentifricio. La giornata continua con l’incessante sottofondo di spot alla radio, […]

La legge è uguale per tutti ma non per zaki

Chi non rispetta le leggi, dovrebbe essere processato. Se le leggi ci sono devono essere rispettate, è moralmente orribile che chi ha amici potenti non sia condannato e si collochi al di sopra della legge. LA #LEGGE È UGUALE PER TUTTI MA NON PER #ZAKI, lui ha amici potenti all’estero ed i potenti sono al di sopra dello stato e delle sue leggi. In Italia i mafiosi sanno bene questa cosa ed adesso stanno cercando di esportare all’estero il concetto travestito da ideale e diritti umani. Come dire: le nostre leggi valgono più delle vostre e quindi la nostra legge è più uguale delle vostre misere leggi egiziane.

Riunifichiamo l’Italia con il Vaticano

La #DEMOCRATURA si è dimostrata ancora una volta, in tutta la sua straordinaria capacità e forza. Un #parlamento mutilato incapace di eleggere un altro tutore. Un parlamento scelto dai #partiti e non dalle preferenze degli elettori, spinto verso un #bipolarismo i cui risultati sono di non trovare punti in comune. Un parlamento che, senza alcuna #eutanasia, non viene sciolto quando evidentemente non rappresentativo ed in crisi, subisce l’accanimento terapeutico di un medico molto noto a Bruxelles anche se ha studiato in Italia. E così, piano piano, hanno trasformato la maggioranza formata dal partito delle scatolette di tonno in sostenitori della DC vecchio stampo innalzata a monarchia…… Il futuro che ci aspetta è il dimezzamento del parlamento secondo un disegno di scatolette di #tonno che evidentemente al loro interno avevano la #DC di #Mattarella ed il #PSI di #Amato. Sarà ancora più facile fare credere alla gente che siamo in democrazia e che questa è il miglior sistema di governo. Ma il fondo non è stato ancora toccato: Adesso i giornali e le televisioni sfrutteranno la cosa pompando sull #elezionediretta del #presidente già immaginando i ciclopici guadagni provenienti da mesi e mesi di pubblicità elettorale.  Ci troveremo così a votare ed ottenere i risultati già ottenuti usando questo metodo, che vanno dalla #Raggi a #Berlusconi, ovviamente con i seguiti simili a quelli di #Capitol Hill perché in Italia non mancheranno certo le accuse di brogli. Immaginiamoci gli sconfitti per poche centinaia di voti che entreranno dentro il #Quirinale facendosi selfie con […]

La giornata della memoria

Purtroppo in italia si celebra la giornata della memoria che altro non è che la giornata di Israele camuffata. Grazie alla giornata della memoria instilliamo il senso di colpa fin da bambini Francamente mi sfugge il motivo per cui io devo sentirmi in colpa per atrocità commesse da altre persone, in altri paesi nella prima meta del secolo scorso. Secondo lo stesso criterio, gli ebrei del mondo dovrebbero sentirsi colpevoli delle uccisioni, delle atrocità e delle sottrazioni di territori alle popolazioni autoctone che giornalmente avvengono in Palestina da oltre 50 anni. Purtroppo per i palestinesi non c’è alcuna memoria ma solo l’etichettatura di terroristi. No grazie. Non celebro la giornata della memoria perche Auschwitz non so nemmeno dove sta e nemmeno lo voglio sapere. non mi riguarda e non mi riguarderà: è inutile che cercate di incutermi la paranoia del ritorno dei fascisti. Se si istigasse all odio (come dice facebook che istruisce le sardine) e se ci fossero rigurgiti di fascismo, le piazze non potrebbero riempirsi perché sarebbero prese a manganellate a.meno che le piazze non manifestassero a favore del governo, o forse è proprio questo che accade? Vuoi vedere che, come Israele, anche in Italia grazie ad interpretazioni della costituzione ed a leggi elettorali contorte e diseguali, chi governa non ha il consenso della maggioranza della popolazione? Israele non è uno stato creato dai cittadini che lo abitano: israele è stato creato a tavolino e poi sono affluiti ebrei da tutto il mondo (portando con se le loro […]

Eventi traumatici

La rimozione di eventi traumatici dovrebbe avvenire, come avviene a livello individuale, anche a livello sociale in maniera da non degenerare nella paranoia diffusa e nel secolare senso di colpa del quale, ovviamente, qualcuno si avvantaggia. https://democrazia.myblog.it/olocausto-cappuccetto-rosso-e-la-guerra-civile/

Elezione del Presidente della Repubblica

L’elezione diretta del #presidente porterebbe MONTAGNE DI SOLDI nelle tasche di TV e media, grazie alle oceaniche campagne elettorali dei #candidati. Per questo motivo i media spingono fortemente in questa direzione nonostante questa rappresenta la peggior forma di #democrazia: quella della dittatura della maggioranza nei confronti della minoranza. Già si sono inventati il premio di maggioranza per favorire la #democratura. E i risultati si sono visti: un parlamento e un governo che stanno in piedi con le stampelle. Un #presidentedellarepubblica eletto con pochi #voti di vantaggio, non da certezze. Dopo poco tempo si potrebbro vedere i suoi elettori sfaldarsi, cosa si farebbe in tal caso? Chi potrebbe rimuoverlo? L’#elezione di un #presidente con pochi voti di vantaggio, rappresenta la #dittatura della #maggioranza nella sua maggior esaltazione. In un paese come l’Italia questo avrebbe conseguenze imprevedibili. Ma sopratutto mettere alla #presidenzadellarepubblica chi ha più soldi da investire nella campagna elettorale sarebbe pericoloso, molto pericoloso, sopratutto per le influenze #internazionali dirette. Con la necessità di una maggioranza a #quorum come l’attuale, diminuisce anche la possibilità che vi siano forti attriti tra il presidente ed il parlamento, ma sopratutto si prescinde dal possesso di fondi da dedicare alla campagna elettorale. Il #PresidentedellaRepubblicaItaliana NON DEVE ESSERE CHI HA PIU SOLDI PER LA CAMPAGNA ELETTORALE Esiste una favola molto bella e davvero ingegnosa, che da anni mi è stata raccontata tra i banchi di scuola, e anche alla TV l’ho sentita più volte, è quella sulla democrazia. Dal greco dêmos ‘popolo’ e dal tema di […]

Per il consumismo, il progresso è un ingrediente imprescindibile.

Per il #sistema #consumistico, il #progresso è un ingrediente imprescindibile.

Banalizzazione della politica come falllimento della democrazia

La banalizzazione della politica è il fallimento della #democrazia ed è dimostrata dai criteri per la scelta del Presidente della Repubblica: “deve essere una donna”. Se le donne vogliono #rosybindi non hanno capito cosa significa #rappresentatività. LE #DONNE VOGLIONO IL #POTERE. IL #POTERE VUOLE LE #DONNE PER RIFARSI IL #TRUCCO.

LA VERA FELICITÀ STA NEL NON INSEGUIRLA

LA VERA #FELICITÀ STA NEL NON INSEGUIRLA. Gli imperialisti USA hanno inserito nella loro #costituzione il “diritto alla #felicità“. Una grande caxxata visto che il diritto ad una cosa astratta e soggettiva (la felicità) è di fatto un non diritto. La conseguenza di questa loro trovata geniale, è di aver posto solide basi per avviare quel #consumismo attuale, esasperato dallo spostare sempre più in alto l’asticella, ed al tempo stesso aver creato un alibi all’ imperialismo che si sente così in diritto di sottomettere quei paesi che potrebbero contrastare la loro felicità (praticamente tutti). Se guardiamo bene a fondo, il concetto di #felicità tipico di questa epoca, poggia le sue basi sul’invidia e sulla avidità, il RINCORRERLA rende #schiavi #insoddisfatti e per questo disposti a tutto. Apprezzare quello che si ha, è una gran felicità. Tutto il resto è #consumismo e #felicità effimera indotta dalla #pubblicità

Psicologi arcobalenati

Il fatto che gli #psicologi siano per la quasi totalità schierati politicamente verso una #sinistra arcobalenata, dovrebbe fare capire quanto sia profonda l’indottrinazione all’interno di una facoltà ed anche le influenze del grande capitale nell’appropriarsi delle menti di coloro ben interessati e predisposti a studiare il comportamento umano e, sopratutto, come influenzarlo. I “radical-chic”: sono la casta dei ricchi borghesi che – per moda o per noia – sostengono le posizioni etichettate come #marxismo-leninismo e si credono “rivoluzionari da salotto”, animatori della “sinistra al caviale” che va a braccetto con il capitalismo. Essi sono oggi la più influente lobby ideologica dell’Occidente, la testa di ponte dell’ #imperialismo culturale angloamericano. Grazie a cavalli di troia come la musica #rock, il #cinema, lo #sport, l’informazione ed oggi anche i #social, hanno raggiunto risultati totalitari. Dominano i grandi media internazionali, presidiano le Università, la Magistratura e i gangli vitali dello Stato, orientano il linguaggio, emettono sentenze e stilano i pressanti speech codes del “politicamente corretto”. Chi non si allinea ai loro dogmi, come dimostra il grottesco teatrino mediatico che invade i nostri schermi, è tacciato di #razzismo, #sessismo, #xenofobia e #omofobia usando spesso termini creati ad hoc proprio dagli psicologi distorcendo il significato di “fobia” che però fa molto effetto sulle persone e richiama ad una malattia mentale. Il loro credo, divenuto il verbo laico del globalismo, è fondato sulla narrazione sradicante e liberal della “società aperta”, tesa a distruggere ogni residua forma di identità in nome di una fantomatica uguaglianza che trova […]

gli idioti del brainstorming

Gli idioti del #brainstorming sono coloro che credono di risolvere i problemi mettendo da parte la logica e sparando caxxate a caso sperando di indovinare una soluzione. D’altra parte un popolo che misura la lunghezza in pollici, piedi, yarde e miglia (di lunghezza diversa a seconda se sono sulla terra o sul mare) senza che siano multipli tra loro, la logica deve ancora scoprirla. Quando quel popolo scoprirà la logica ed i suoi enormi vantaggi, inizierà (forse) a scrivere come si legge e capiranno perché ad ogni lettera corrisponde un suono e che il suono della A è il più comune e deve esserci una lettera che lo rappresenta, o no? Un alfabeto nel quale ogni lettera non sia contraddistinta da un suono è quasi inutile: è come non avere l’alfabeto. La lingua ingleze non ha una vocale che rappresenti il suono che da noi è rappresentato dalla lettera A…… incredibile!! Eppure gli angloamericani sono ormai i padroni della cultura che viene diramata in tutte le scuole del nostro mondo occidentale e che viene rappresentata come unica cultura. D’altra parte gli americani sono anche i creatori di una pseudoscienza come quella dei nutrizionisti, chiediamoci come sia possibile che il paese dove l’obesità è diffusissima voglia insegnare al mondo come nutrirsi. Forse da McDonalds? Guarda caso essi non condannano mai la coca cola e le bevande gassate e dolcificate, come non condannano mai il caffe o il cacao (anzi, per non diminuire l’uso di questi demonizzano il sale e lo zucchero) […]

La crociata prossima ventura
Gay-Pride-Chicago-e1498466702132

La democrazia dei social, delle notizie, della cultura e arte, e delle ONG sta contribuendo a creare l’armata mondiale della prossima #crociata contro gli infedeli ai diritti umani e al #consumismo, il cui scopo recondito sarà quello di accaparrarsi le ultime fonti di energia. Argomento principale di prevaricazione sarà l’omosessualità ed il gender. due argomenti che dividono il mondo tra USA e il loro seguaci da una parte, ed il resto del mondo dall’altra. Un argomento che ben si presta ad offuscare le menti dei religiosi dei diritti umani. Gli schieramenti si stanno già delineando: da una parte anti-musulmani e anti-comunisti, dall’altra il resto del mondo. A breve il petrolio sarà sempre meno disponibile e l’occidente non può certo essere schiavo dei paesi che detengono il petrolio e che dovranno quindi essere conquistati dai paesi industrializzati. Ma come convincere i giovani ad andare a morire per strapare il petrolio a chi lo possiede? Per cosa sarebbero disposti a morire i giovani di oggi? E’ cosi che le giovani menti vengono caricate emotivamente per creare il nemico verso il quale scagliarsi in una guerra che intenderebbe cancellare le libertà nel nome della libertà. E’ cosi che si scatenerà la prossima crociata e la guerra per gli ultimi pozzi di #petrolio.

una scienza logica

Gli #asintomatici sono coloro che la sapienza popolare chiamava PORTATORI SANI I #test : Perché chiamarlo #molecolare ? Perché chiamarlo #sierologico ? Perché chiamarlo #antigenico ? Il #molecolare si fonda sulla ricerca dei frammenti del materiale genetico di cui è composto il virus. Perché non chiamarlo genetico o frammentario? Il #sierologico perché non chiamarlo test degli #anticorpi? L #antigenico ricerca la presenza di proteine virali in grado di legarsi ad anticorpi. Perché non chiamarlo test proteico? Forse tutto ciò è per creare confusione e per creare caos? O per eliminare ogni forma di ragionevolezza nella soluzione di un problema che ha trasformato in #asintomatici (termine carico positivamente) quelli che la sapienza popolare definiva i PORTATORI SANI (termine carico negativamente ). O forse dipende solo dal fatto che anche la cosiddetta scienza (che distribuisce profitti a fine esercizio) sta seguendo la stessa deriva della lingua italiana che sta scivolando gradualmente verso una direzione di illogicita dei termini tipicamente anglosassone? Se la scienza è incapace di creare termini usando la logica in maniera che siano più facilmente comprensibili invece che fuorvianti, possiamo fidarci della logica che la scienza sta seguendo (sperando ne segua una)?

Toccare il culo a una donna

l’Italia è il paese dove se a una #donna toccano il #culo allo stadio si scatenano polizia, TV, società di calcio ed in 3 giorni il responsabile viene identificato catturato processato e sentenziato. Se una #ROM sfonda una porta e occupa l’appartamento di un #anziano ricoverato in ospedale e si appropria della sua casa, nessuno può farla uscire o torcere una capello. Servono settimane per restituire casa al proprietario che nel frattempo è stata distrutta e messa a soqquadro da una rom che non sarà accusata di niente. C’è da chiedersi se sia più potente la #casta delle #donne o quella dei #rom? Non lo so ma le donne rom devono essere veramente intoccabili. e ci sarebbe veramente da chiedersi PERCHE’ GLI UOMINI SI SENTONO IN DOVERE DI DIFENDERE LE DONNE visto che queste non esitano a considerare i maschi “cattivi” a prescindere??  

la Delocalizzazione non deve essere un tabù

Bisogna sconfiggere il tabù della #delocalizzazione che ci hanno inculcato per convincerci a #lavorare sempre più, senza ribellarci. Nemmeno la peggior #schiavitù aveva raggiunto i limiti oggi raggiunti dalla popolazione vogliosissima di #lavorare per soddisfare avidità sempre crescenti. Continuare a creare più posti di #lavoro per una popolazione che è sempre meno numerosa è il massimo dei controsensi. Se aumentano i posti di lavoro, dobbiamo importare più #energia, materie prime e #manodopera. In cambio nel nostro paese resteranno #inquinamento e #scarti industriali, mentre i #profitti voleranno all’estero nelle tasche degli #investitori ben al riparo da #imposte e #tasse. “Si, ma molta gente riceverà uno #stipendio e potrà mangiare, altrimenti sarebbe morta di fame” diranno i lobotomizzati dall’#economia ripetuta nelle #università e dai media. In realtà, facendo un #paragone su più bassa scala, quegli stipendi svolgono il ruolo dei punti che la massaia riceve al supermercato e grazie ai quali invoglieranno ad acquistare sempre più, per poi gratificarti con un oggetto inutile, per avere il quale dovrai anche aggiungere dei soldi (solitamente pari al costo dell’oggetto). Nessuno, nell’informazione o nella politica o nell’istruzione, propone di quantificare i costi che lo stato deve sostenere per la #manodopera importata da altri paesi, e per la quale dovrà fornire: #scuola, #sanità, #casa e #pensioni ma anche #strade, #immondizia, #tribunali, #polizia, ma sopratutto pensioni che continueremo a pagare anche a persone che spesso sono tornate nel loro paese di origine, e l’assurdo è che ci ripetono che sono loro che pagheranno le nostre pensioni mentre […]

AUGURI

AUGURI Augurare il bene, ma perché dovrebbe andar male? Far sentire il popolo peccatore in colpa è da sempre la strategia della chiesa per appropriarsi delle menti e sottometterle. A guardar bene la stessa tecnica è usata dai governi attuali che utilizzano #migranti #gay #femminicidi #razzisti e peccatori vari per far sentire in colpa. Ognuno che va a messa ha qualcosa da confessare e farsi assolvere, e la funzione della messa è proprio quella di fare venire a galla i sensi di colpa spingendo i fedeli ad associare le parabole con esperienze personali che così ognuno riconduce al peccato, secondo un meccanismo ben messo a punto nei millenni e che potremmo definire “chi è senza peccato….” Lo stesso meccanismo che si instilla in coloro che ascoltano le giornaliere tragedie di cui trasudano i moderni tg ed i film definiti culturali. Gli acculturati moderni, altro non sono che peccatori travestiti. Meccanica che i preti spretati della sinistra hanno appreso dai loro maestri, gli ‘effettivi’ in clergyman , e che continua a funzionare a meraviglia. Politici e giornalisti da 15k €/mese cercano di far sentire in colpa cittadini da mille, o meno … e incredibilmente ci riescono!

anche l’occhio vuole la sua parte
anche locchio

Il diffuso concetto che “anche l’occhio vuole la sua parte” è probabilmente la credenza che più sta alla base di ogni filosofia femminile, quasi tutte legate all’apparire ed ormai divenute credenze nella società odierna, femminizzata al punto da aver inquinato forteente anche la filosofia maschile. L’apparire ha preso il posto dell’essere ed il “sentire” ha preso il posto del ragionare. Il passaggio dall’illuminismo all #ultraromanticismo nella società avviene solo e sempre quando questa da importanza alle donne.

Criminali o mignotte?
Photo_1598763871828

E’ veramente scandaloso che il TG1 nella sua edizione serale (raramente con ospiti) mani in onda pubblicità/propaganda occulta ad un film come #DIABOLIK attraverso interviste e ospiti in studio che cercano di ammantare il film #diabolik di femminismo arcobalenato, quando invece dovrebbero chiedersi: se UNA DONNA SCEGLIE DIABOLIK COME UOMO, PUÒ LAMENTARSI POI DEL FEMMINICIDIO? Proviamo a chiederci se aver instillato nelle menti fanciullesche il germe del crimine, utilizzando fumetti, cartoni animati e altre tecnologie progressiste del tempo, abbia contribuito a creare oggi una società dove la criminalità è inferiore. Continuiamo a parlare di ETICA e poi gli unici idoli che la società è capace di proporre sono criminali e mignotte, meglio ancora tutte due insieme. https://www.raiplay.it/video/2021/12/Tg1-Miriam-Leone-La-mia-Eva-Kant-che-ama-follemente-Diabolik-a038b009-288f-43de-9239-c9bbe400ae9f.html

Idolatria delle folle per libertà e diritti

 L’odierna radicalizzazione del consumismo si intuisce anche , nel frantumarsi violento di ogni regola e nell’idolatria folle per le cosiddette “libertà” e “diritti” che sono per lo più puri e semplici arbitrii, tutto è saltato in aria nel disordine più totale e uomini e donne non hanno più la consapevolezza del loro ruolo, umano e sociale.

Il fascismo consumista

tratto da: la città futura Tra il XIX e il XX secolo lo sviluppo monistico del capitale incontrò un ostacolo, quello della dottrina marxista-leninista, che iniziava a dispiegare i propri effetti grazie alla progressiva presa di coscienza delle masse sfruttate ad opera degli intellettuali organici e che produsse, come reazione, nei decenni seguenti, in paesi a capitalismo maturo, in cui maggiori erano i rischi di tenuta del sistema, i fascismi storici. Tuttavia il fascismo storico, in particolare in Italia, non fu mai pienamente ideologizzato, dacché la sua ideologia di fondo appartiene al capitale, che ha potuto compiutamente realizzare i propri obiettivi solo dopo il crollo del blocco di potere socialista, avendo dunque il campo libero, mediante la diffusione della filosofia dei consumi, dell’individualismo e dell’edonismo di massa. Pier Paolo Pasolini, grazie agli studi gramsciani, seppe riconoscere la natura del vero fascismo, quando spesso sottolineava il fatto che quest’ultimo non è quello del ventennio, ma quello dell’edonismo e del consumismo, tanto da dire “se la parola fascismo significa la prepotenza del potere, la «società dei consumi» ha bene realizzato il fascismo” (Fascista, in Scritti Corsari). Pasolini identificò e descrisse il consumismo come fase matura della conquista fascista da parte del capitalismo. L’emersione – negli anni in cui Pasolini scriveva – di gruppi neo-fascisti e la strategia della tensione furono in massima parte una reazione impaurita del capitale nei confronti delle masse popolari che aderivano all’ideologia socialista e minavano la diffusione del pensiero liberista e il conseguente radicamento del consumismo. Pasolini, che […]

scontri etnici

Era facilmente prevedibile che in Italia si arriverà agli scontri tra gruppi etnici. Coloro che prendono le parti dei #migranti clandestini, sappiano che non saranno risparmiati da coloro cui prendono le parti, esattamente come successo al centro #sociale #MACAO di Milano dove i migranti accolti dallo #Stato italiano ed alloggiati nel palazzo adiacente, hanno deciso di invadere il centro sociale e cacciare gli occupanti abusivi come la polizia non era mai riuscita a fare. Questo è solo l’inizio: anche i #migranti vedono la televisione ed appena capiranno bene l’italiano e comprenderanno che in #Italia il crimine non è perseguito, credete forse che andranno a #lavorare? E quale mestiere sapranno fare i migranti #africani, visto che contrariamente all’immigrazione dell’est Europa, non sanno fare ne l’#idraulico ne il #muratore, #carrozziere….anzi: quando mettono la benzina la versano anche di fuori…. [https://www.macaomilano.org/]

L’inquisizione Arcobaleno
Gay-Pride-Chicago-e1498466702132

Un tempo si potevano prendere in giro i gay, come fece nel 1978 Ugo Tognazzi nel film «il Vizietto». Stupisce che ancora non abbiano censurato la Compagnia Goliardica Baistrocchi (coi ragazzi travestiti da ballerine di can-can) per lesa omosessualità o incitamento all’odio. Memorabile una polemica televisiva di Vittorio Feltri, che fece drizzare i capelli alla conduttrice: dopo aver guardato con crescente disgusto le immagini di un Gay Pride, richiesto di un commento disse che non essendo inglese lui non li chiamava “gay”, e non essendo medico non li chiamava “omossessuali”. Ma essendo italiano li chiamava con una serie infinita di termini dialettali, che elencò con supremo sprezzo del pericolo e del politicamente corretto. Sono decenni che subiamo la propaganda gay (lobby potentissima nel mondo dei media). Si è passati dal pregiudizio più ottuso al permissivismo più assurdo. La prima cosa che tutti sono obbligati a fare – come nel caso dei vaccini o dell’islam – è proclamare di non essere assolutamente contro i gay, perché sarebbe un gravissimo peccato mortale (bestemmiare in diretta Tv invece no). L’orientamento e la vita sessuale di ognuno dovrebbero rimanere un fatto privato fra le mura di casa; ma nel caso dei gay & lgbt più estremisti (per fortuna non tutti) c’è un’ostentazione esibizionista e di cattivo gusto che non trova giustificazioni sopratutto perchè non reciproca, nel senso che ad un uomo etero non sarebbe possibile (se lo volesse fare) mostrare ipropri genitali in pubblico allo stesso modo. Il DDL Zan è il classico esempio […]

Diritto all’aborto e possibilità di abortire

Diritto all’#aborto e possibilità di #abortire sono due cose ben diverse. Il diritto al lavoro, il diritto al salario, diritto alle ferie, diritto ad un giusto processo, diritto all’istruzione, il diritto alla vita ed alla salute…… I diritti sono una cosa leggermente diversa dalla possibilità: sloganeggiare il diritto all’aborto porta a fare pensare nelle menti meno procaci che si stia parlando di una cosa che non deve mancare a nessuno, come se tutte le donne dovessero ingravidarsi e quindi abortire per rispettare il diritto. La carica emotiva della frase diritto all’aborto è totalmente fuorviante per le menti deboli e spesso porta le giovani a pensare che la.gravidanza è solo un effetto collaterale del rapporto sessuale rovesciando un concetto alla base dell’umanità stessa. Le donne devono lottare per avere, nel caso lo volessero, la possibiltà di abortire: è una cosa del tutto diversa. È un concetto che attecchisce su: a mali estremi estremi rimedi. Tutti hanno diritto di correre in auto verso il pronto soccorso in caso d’urgenza, ma questo non può invocare il diritto alla velocità. Anche per l’aborto non si può parlare di diritto ma di possibilità, e non è la stessa cosa anche perché, solitamente i diritti contrappongono della doveri. Quali sono i doveri delle donne? A giudicare dalle donne di sinistra le donne non hanno alcun dovere. Viene da chiedersi: Se gli uomini hanno il dovere di rispettare le donne perché le donne non hanno il dovere di rispettare gli uomini nella loro mascolinità? Se gli uomini […]

Stare senza caffè

La maggior parte delle persone e convinta che il #caffè non gli fa niente. Se però chiedi loro di stare un mese senza bere caffè, non possono e non vogliono riuscirci. Il #caffe è la #benzina del #consumismo : quell’elemento necessario affinchè il complicato ed evoluto motore a scoppio possa funzionare. Ma quanto #inquina? Possiamo anche togliere il piombo dalla benzina e la caffeina dal caffè, ma se poi viene travasata nella coca cola è ancora peggio. https://democrazia.myblog.it/la-caffeina-alla-base-di-tutto/