Come funziona la democrazia oggi

Fase 1 : creare un serbatoio di voti potenziali Per creare un serbatoio di voti potenziali bisogna individuare un bisogno latente dei cittadini che faccia leva sui bisogni primari indipendentemente dalla realtà dello stesso.  Il femminicidio è il tipico esempio ma anche il ddl zan. Una volta individuato il bisogno indotto bisogna creare interesse attraverso la ripetizione ossessiva di parole create ad hoc, inneggiando a parole chiave del consenso come “diritti umani” “eguaglianza” “parità” “donna” che saranno ripetute in ogni occasione possibile in maniera da far associare immediatamente ad esse il termine femminicidio (o ddlzan). Una volta creato il terreno giusto si passa alla trasformazione dell’interesse in consensi utilizzando in maniera adeguata l’informazione, i film, la musica, le scuole ……… Si raggiungerà così il massimo del consenso che avrà però una validità temporale limitata. Fase 2 : presentare una legge (non importa sia approvata) A quel punto il pacchetto di voti è pronto e sarà consegnato al deputato o al partito che presenteranno la legge in parlamento indipendentemente se sarà approvata o meno. Anche se non approvata, infatti, le persone avranno ormai il bisogno e potrebbe essere addirittura maggiormente produttivo continuare a “attirare” queste persone attraverso l’illusione di “continuare la battaglia” invece che creare una legge che dia dei risultati negativi e faccia evaporare l’elettorato ormai soddisfatto. Così funziona la democrazia oggi La democrazia segue i principi del marketing , per questo è @democraziaconsumistica I partiti fanno PUBBLICITA’ non propaganda

Fermiamo l’attrazione di investimenti esteri

#Inquinare, consumare #energia che non abbiamo e materie prime da importare, importare #manodopera che non abbiamo, pagare #infrastrutture e pagare #sanità, #scuola, #casa, #giustizia, ecc ad operai venuti dall’estero che rimanderanno i loro guadagni all’estero. Continuare a creare posti di lavoro, i cui profitti vanno nelle tasche estere è come creare gli #SCHIAVI LEGALIZZATI. Le persone, negli ultimi decenni, sono state convinte a cercare di lavorare sempre più. Allo stesso modo, governi e popoli sono stati convinti a creare sempre più posti di lavoro. Ciò è avvenuto trascurando la realtà che l’Italia non possiede materie prime, né energia, né manodopera. Oggi, le #fabbriche hanno il 70% di personale straniero. Chiediamoci: Non aiuteremmo di più queste persone mettendo le fabbriche nei loro paesi e portando in Italia i profitti netti. A chi dice che ciò sarebbe dannoso per l’economia e tutto crollerebbe bisogna ricordare come vivono nazioni quali: San Marino, Montecarlo, Vaticano, Lussemburgo, Liechtenstein, Andorra, ma anche Svizzera, Olanda, ….. Per un cambiamento radicale che porti l’Italia a dominare il mondo grazie al suo ingengo e alle sue capacità, Dobbiamo attrarre società finanziarie e non manifatturiere. BISOGNA CAMBIARE IL CONCETTO DI ECONOMIA CHE GLI #USA CI HANNO CONVINTO AD ADOTTARE. Attrazione Investimenti Esteri

Maschi da reprimere
BASTA MASCHILISMO

Negli ultimi tempi il #maschio non è certo aumentato di virilità o maschilismo, anzi: i maschi oggi non sono minimamente paragonabili a quelli degli anni 80 o anche prima. Eppure la #paranoia femminile è aumentata. Non c’era bisogno di corsi di rieducazione dei maschi ed il mercato non lo chiedeva. https://www.ilmessaggero.it/persone/metoo_corsi_per_uomini_virilita_stage_cosa_sono_come_funzionano_news_oggi-6691915.html Chiediamoci: Chi decide di avviare questi corsi che costano un bel po’ di soldi? Perché non li fanno in carcere? Quale è lo scopo di organizzarli non per chi è recluso per reati legati alla sessualità bensì destinandoli a #bambini e persone normali? Destinare questi corsi in maniera generalizzata diffonde subdolamente il concetto che “potresti essere criminale e non lo sai”. Nel singolo si induce il senso di colpa di essere maschio e nella società si diffonde un pensiero che porta gradualmente all’eliminazione della differenza tra criminali e maschi che sfocia nell’ideale già abbastanza diffuso che tutti i maschi sono criminali. Non c’è dubbio, il messaggio che passa è: I MASCHI SONO TUTTI CRIMINALI (tranne i gay ovviamente) verrebbe da chiedersi ai maschi che fanno il corso sarà rilasciato un #greenpass (magari rosa) e se otterranno sconti di pena nel caso compiano reati sessuali. Ma perche non destinare tali corsi a chi è già in carcere? Semplice, perché quelli non sono il target delle associazioni sorosiane arcobalenate in quanto non più facenti parte della società. Questi corsi sono destinati a giovani e giovanissimi che hanno già il seme del senso di colpa e vogliono PULIRSI profondamente estirpando quello che […]

lavorare aiuta poco a pensare

il pensiero ha bisogno di tempo per svilupparsi. pensare non è istantaneo e la prima cosa che viene in mentre non sempre è la migliore. Bisogna quindi avere tempo libero da dedicare a pensare. E’ per questo che lavorare poco aiuta a pensare a condizione di non impiegare il tempo libero ad altre attività che impediscono il pensiero. http://ow.ly/rMNW50J2CVR

Chi Paga?
piu democrazia

Prima di #Draghi, Mario #Monti. Prima.di #Monti, Romano #Prodi. Tutti sono arrivati al governo in Italia dopo aver ricoperto alti incarichi nell #UE. Tutti sono arrivati al governo, non per aver vinto le elezioni ma per altri motivi che potrebbero essere definite scuse. Tutti hanno avuto come scopo quello di vendere i pezzi migliori dell’Italia con la scusa di diminuire il debito pubblico ed al tempo stesso facevano altri debiti (come il PNRR). Le armi in Ucraina CHI LE PAGA? Sarebbe doveroso fornire gli importi delle armi inviate per mantenere una guerra CHE CI DANNEGGIA ECONOMICAMENTE. il primo esempio nella storia di adesione ad una guerra senza avere interessi, anzi: dovremo soffrire forneriane lacrime e sangue anche questa volta. Grazie #draghicrazia

Nel nome della democrazia
TYP-455275-4734168-democrazia

Chi è capace di guardare lontano, vede che abbiamo messso in moto meccanismi che non potranno fermarsi e porteranno proprio a questa conclusione. D’altra parte la risposta dei nostri governi occidentali è stata tipicamente emotiva e senza ragionare su quello che avrebbe determinato. Per la prima volta siamo in guerra non perchè attaccati o per interessi economici ma NEL NOME DELLA DEMOCRAZIA. ed in tal nome siamo disposti a distruggere la nostra economia

La cittadinanza questa sconosciuta

C’è una forte differenza tra CITTADINANZA e RESIDENZA (e addirittura domicilio) che la maggior parte delle persone ed i media che le informano, sembrano non conoscere La cittadinanza NON si acquista pagando le tasse e nemmeno nascendo in un determinato territorio, ed è giusto così. Solo i paesi senzsa storia (USA, Australia, Canada….) con bisogno di incrementare la loro popolazione adottano criteri diversi dal resto del mondo riguardo la concessione della cittadinanza. In Europa nessuno Stato adotta lo ius soli (cittadinanza trasmessa in base al luogo dove si nasce)  e solo quattro Stati membri, cioè Francia, Lussemburgo, Olanda e Spagna, hanno recentemente adottato quello che si chiama ‘doppio ius soli’, cioè un figlio nato nel territorio dello Stato acquisisce la cittadinanza del Paese di nascita se anche uno dei due genitori è nato anche nel territorio di quello Stato. Spagna Francia e Olanda lo hanno fatto per le colonie mentre il lussemburgo per motivi fiscali. La cittadinanza non significa solo “passaporto” ma significa che lo #Stato dovra garantire assistenza sanitaria, istruzione, lavoro, casa, giustizia, difesa ecc….. oltre a permettere di accedere a cariche molto delicate quali quelle della magistratura, della politica, dell’esercito ….. (pensiamo oggi ad un generale dell’esercito ucraino figlio di russi ma nato in ucraina) …. Nascere in un territorio non significa automaticamente diventare destinatario dei privilegi forniti dallo Stato che organizza quel territorio. Questo perchè quei privilegi sono stati originati dall’operato di altri che in passato hanno combattuto guerre, pagato tasse e lavorato duro. Per questo ciò […]

Difendere le donne
I bravi genitori non preparano il cammino per i loro figli

PERCHE’ GLI UOMINI SI SENTONO IN DOVERE DI DIFENDERE LE DONNE visto che queste non esitano a considerare i maschi “cattivi” a prescindere??

Democratura Sorosiana
Soros

DEMOCRATURA SOROSIANA E CONSUMISMO: Cancri sociali spiegati ai ragazzi t.me/democraziaconsumista Sinistra sorosiana

Consumismo e lavoro
consumismo

….poi inizio il consumismo che rendeva necessario andare a lavorare sempre.di più grazie allinsoddisfazione della gente che doveva crescere in continuazione. Portata al massimo, l’insoddisfazione travolse anche quesgli ideali che avevano creato il benessere e la tranquillità mettendo a decidere persone che rappresentavano la gran quantità di stupidi presente nel paese che si aggiunsero ai ladri votati dalla gran quantità di ladri nel paese. Gli stupidi non sapevano cosa fare e saltavano da una parte all’altra con il solo scopo di demolire ma senza alcuna idea di come costruire si fecero consigliare non da gente esperta (quindi vecchia)a dai nuovi visionari del mondo che con il loro piffero suonavano canzoni di lucignolo che parlavano di un paese dei balocchi dove è sempre festa. Il pifferaio era stato istruito dai ladri ben più esperti, furbi e lungimiranti e così Pinocchio e Lucignolo si ritrovarono trasformati in somari a lavorare più di prima. Conclusione: la democrazia è il trionfo degli stupidi che voteranno sempre i loro simili anche perché non possiedono la capacità di riconoscere chi ne sa più di loro. Una società migliora con la democrazia solo se piu della metà sono brave persone: oggi la vedo difficile…..

Creare la vita

NON è #progresso quello che ha convinto le donne a limitare al massimo il dono esclusivo che la natura ha dato loro: creare la vita!! Non è progresso, non è #emancipazione: è #consumismo!! Parallelamente a questo concetto di emancipazione le #gattare di una volta si sono moltiplicate all’inverosimile e diffuse senza piu limitarsi solo ai gatti e contagiando anche gli uomini. Nasce così un nuovo settore commerciale dai guadagni non indifferenti….guarda caso.

Il lavoro va contro l’istinto
Voglio la stessa droga che faceva fischiare e cantare i sette nani andando al lavoro

La Festa dei Lavoratori è un inganno ideologico, dovremmo rivendicare il diritto all’ozio. La Treccani così definisce ozio: «in genere, astensione dall’attività, dalle occupazioni utili, per un periodo più o meno lungo o anche abitualmente, per indole pigra o indolente». Definizione tutta moderna, pregna di utilitarismo materialista. Ma non è stato sempre così… «I Greci nell’epoca del loro splendore non avevano che disprezzo per il lavoro, solo agli schiavi era permesso di lavorare: l’uomo libero conosceva esclusivamente gli esercizi ginnici e i giochi dello spirito. Era questa l’epoca in cui si viveva e si respirava in mezzo a un popolo di Aristoteli, di Fidia, di Aristofani […]. I filosofi dell’antichità insegnavano il disprezzo per il lavoro, degradazione dell’uomo libero; i poeti cantavano l’ozio, dono degli dèi» (Virgilio, Bucoliche). Cenni storici Greci e Romani Presso gli antichi greci vi era dunque un’accezione positiva dell’ozio, inteso come il tempo che aristocratici e filosofi dedicavano alle attività più alte dello spirito. Nella «polis fondata secondo natura» – la Repubblica di Platone – il corpo sociale è diviso in tre gruppi funzionali, dei quali solo il più basso è destinato al lavoro: la «piccolissima stirpe» degli archontes, detentori della sophia, cui spetta il governo della città; coloro che detengono la «funzione guerriera» perché la loro qualità è il coraggio; i lavoratori, la cui «temperanza» determina l’accettazione della propria condizione di governati come legittima e funzionale all’interesse collettivo. È bene ricordare che le tre parti della città, in Platone, non assumono il carattere di caste […]

LEGALIZZARE LE ARMI DA DIFESA

LEGALIZZARE LE ARMI DA DIFESA Chi invia armi all’Ucraina sa di essere FAVOREVOLE ALLA PENA DI #MORTE? Se chi entra in un altro paese merita di essere ammazzato, perche chi entra in casa mia per rubare non deve subire lo stesso trattamento? Facendo le dovute proporzioni un esercito che entra in uno stato equivale ad un uomo che entra in una casa sfondando porte o finestre e sradicando inferriate e sistemi di allarme. “Le armi inviate sono solo per difesa” dicono alcuni. Se ritengono che le armi possono essere solo difensive, ANCH’IO VOGLIO AVERE IN CASA ARMI DIFENSIVE. Bisognerebbe introdurre quindi una proposta di legge affinché le armi del tipo inviato in Ucraina siano LEGALIZZATE per uso da difesa. La #draghicrazia con il suo comportamento ha subdolamente sdoganato modi di pensiero diametralmente opposti a quelli che in italia erano ben condivisi come cancellazione della pena di #morte. A vedere bene anche il concetto di eutanasia, non viene applicato per l’Ucraina e si preferisce un accanimento militare che, scientificamente, non ha probabilità di vincere. Ma si sa: i miracoli possono sempre avvenire!! Ed allora perché staccare la spina ai malati terminali? Forse perche loro stessi lo vogliono. Ma allora in Ucraina si doveva lasciare liberi di emigrare anche i maschi che non intendessero combattere, invece nessuno ha potuto scegliere visto che la pena di morte è in vigore per chi si sottrae all’accanimento militare La #draghicrazia ha inoltre smontato il concetto di #diplomazia rendendolo del tutto privo di significato; secondo loro […]

Cultura millenaria

MILLENARIA….la nostra cultura millenaria…… Quanto, di questa #cultura odierna proviene dalla nostra cultura di 10, 100 o 1000 anni fa e quanto invece è un ribaltamento in chiave consumistica della nostra vera cultura originale?

Nel cognome del padre

In Svezia, nazione alla quale viene associato l’aggettivo superlativo civilissima, un quarto delle nascite avviene senza l’intervento (non sappiamo esprimerci meglio) di un padre. I fieri vichinghi si recano in centri specializzati e donano – più spesso vendono – il seme. Questa sì che è civiltà, la stessa che considera discriminatorio il cognome del padre. E pensare che la concezione di civile ed avanzata proviene dalle donne svedesi che venivano in vacanza in Italia e si concedevano con estrema libertà …. fino ad allora non erano certamente considerate emancipate e non erano certo un esempio da seguire. Ad anni di distanza, il piano inclinato ha fatto scomparire il “latin lover” vale a dire il motivo principale che portava le svedesi sulla costa romagnola e la loro presenza ormai è occasionale preferendo le coste turche e greche. Si è perso di vista il motivo principale e frainteso l’effetto con l’aspirazione. La stessa cosa avverra con l’attribuzione di entrambi i cognomi al figlio (come da sempre avviene in Brasile che non per questo è socialmente più avanzato o meno maschilista) M come mignotta In pochi sanno cheil termine tipicamente romano mignotta deriva dalle abbreviazioni anagrafiche di “Madre ignota” che per rispetto veniva abbreviato in “m.ignota”. Spesso infatti le professioniste abbandonavano i figli che, a causa della mancanza di anticoncezionali ed anche della conoscenza scientifica di come avvenivano i concepimenti, spesso erano in gran numero ed i padri non si signavano certo di mantenerli. Ecco anche spiegato perchè coloro che NON hanno il […]

Arcobaleno contro non arcobaleno
andra tutto bene

Sulla guerra Russia-Ucraina, il mondo è schierato su due diverse posizioni che rispecchiano i due grandi tipi di società verso i quali tutti i paesi sono ormai riconducibili: da una parte ci sono le societa #arcobalenate cioè quelle società dove la linea di pensiero è stata annacquata verso un ribaltamento sociale che ha visto crescere velocemente le intoccabili #caste di arcobalenati (siano essi #LGBT o #immigrati); dall’altra parte vi è il resto del mondo che non condivide le revisioni sociali utopistiche degli arcobalenati #sorosiani e si guardano bene dal partecipare alle CROCIATE di questa nuova religione. La parte di mondo che sventola l’arcobaleno come fosse un crocifisso e per questo si definisce #occidente, riguardo la guerra si è schierata da subito compatta per rendere il dialogo impossibile; Il resto del mondo ha espresso la propria opinione e cerca di ridurre al minimo i danni della guerra indipendentemente da chi sarà il vincitore. Non è certo casuale che i paesi arcobalenati – trascinati dal pensiero “Andrà tutto bene” – abbiamo avuto reazioni tali da permettere alla guerra di perpetrarsi mentre il resto del mondo non ha avuto quelle stesse reazioni isteriche e poco ponderate, limitandosi, come la storia insegna, a reazioni che permettono di tenere il piede in due scarpe come ogni buon #diplomatico dovrebbe fare. Non è casuale che i 3/4 del mondo non sia disposto a seguire i neocons sorosiani effettuando rappresaglie (camuffate da sanzioni) e fomentando la guerra nel tentativo di ristabilire lo status quo e tornare a […]

Dalla parte dei lupi o dalla parte di Putin
putin e il lupo

Sono in molti coloro che, succubi di una propaganda che fornisce concetti già ragionati, si trovano a difendere IL LUPO, un animale del tutto aggressivo e feroce che non uccide solo per mangiare. La loro incapacità alla coerenza fa si che gran parte di questi LUPISTI siano schierati contro la Russia di Putin nella questione dell’invasione Ucraina (ma non solo). La loro motivazione è semplice  in quanto superficiale superficiale: c’è un paese invaso ed un paese invasore. La capacità di ragionamento di queste persone non va oltre e ovviamente non riescono ad avere una coerenza di ragionamento che li porterebbe a pensare che anche il lupo entra nell’ovile e sbrana quante più pecore possibile. Se si fa notare la cosa a queste persone, la loro risposta sarà quasi certamente: ma i lupi sono animali non si possono paragonare agli esseri umani. Ma come? il lupo non appartiene alla categoria dei cani che si intende associare sempre più agli uomini? Se sei dalla parte dei LUPI non puoi essere contro PUTIN e la Russia

Massoneria Open Society
Gay-Pride-Chicago-e1498466702132

La Massoneria è una società segreta, la quale,  secondo un proprio metodo, detto di “iniziazione”, forma i suoi iscritti e si sforza di infondere loro le proprie massime, affinché, a loro volta, si adoperino a farle trionfare nella società. In Italia, la massoneria è condannata dall’opinione pubblica che però non ha una chiara percezione di cosa sia. Lo dimostra il fatto che ben pochi saprebbero spiegarne il termine o citarele differenze con le lobby economico finanziarie. Non è inoltre raro che chi parla di lobby, poteri occulti, massoneria ecc. viene immediatamente etichettato come complottista. Di fatto non si può affermare che esistono. Ogni tanto qualche articolo dei media o qualche intervento o post di commentatori fa riferimento, sempre molto molto cauto – come se la mera menzione esponesse al terreno minato dell’accusa di antisemitismo – alla cd “lobby ebraica” che altro non è che il movimento ebraico internazionale, all’interno del quale vi è da tempo un forte contrasto tra i “territorialisti pro Israele” da una parte e i “NeoGlobal USA” più George Soros dall’altra. I “territorialisti pro Israele” – categoria che riassume diverse correnti e componenti del movimento ebraico, con forte presenza di conservatori e ortodossi – in buona sostanza ritengono che il destino storico del popolo ebraico si è sostanzialmente compiuto con la nascita ed il consolidamento dello Stato di Israele. La maggior parte dei territorialisti tende inoltre a sostenere l’idea dello Stato Nazione, quale Israele evidentemente è. I “NeoGlobal USA” + Soros non ritengono Israele così importante, ed anzi […]

Preti spretati

#PRETISPRETATI I preti spretati sono coloro che si dichiarano atei o non credenti ma si comportano e pensano da frati francescani, ragionano da cristiani perfetti su tutto tranne che sul sesso riguardo il quale sono più propensi verso i gay e non vedono di buon occhio la riproduzione tradizionale e la famiglia, che tipicamente non fa parte della mentalità dei parroci. Gente così avrebbe dovuto farsi prete (o monaca) ma non andava più di moda. I #pretispretati sono totalmente ideologizzati riguardo il modo di vita: fanno l’elemosina, chiamano “fratelli” tutti gli altri, si inginocchiano contro la violenza e le armi, fanno assistenza ai profughi, sono contro le frontiere, non vedono le differenze delle varie etnie…..in pratica rispondono a tutte le campagne del programma previsto dalla open society di #soros….guarda caso. Sono riuniti in organizzazioni non governative diramate in 120 paesi al mondo nelle quali Soros ha investito 32 MILIARDI DI DOLLARI DEL SUO PATRIMONIO PERSONALE (fonte:https://www.opensocietyfoundations.org/) e rappresentano una organizzazione sovranazionale ben più potente dei governi, assimilabile e forse superiore a quella del Papa e del vaticano. Il loro emblema non è il #crocifisso ma un #arcobaleno a volte associato alla zampa di gallina della pace , altre al cu_lo nudo dei pride. Sono una nuova religione che si è espansa nelle scuole occupando gli spazi lasciati liberi con la marginalizzazione della religione tradizionale. Una religione predicata dai media e con altissimi rappresentanti inseriti ad altissimo livello nelle istituzioni governative occidentali e capaci di fare affluire nelle ONG affiliate, immense […]

TRE DONNE A CAPO DELLA UE
3 donne UE

In effetti TRE DONNE A CAPO DELLA UE, stanno facendo molto per far radere al suolo l’Ucraina, uccidere tutti i maschi di quel paese e diasporizzare in Europa una gran quantità di #badanti, #maid e donne disposte a tutto per sopravvivere. Secondo loro alla guerra si risponde strillando e tirando i capelli. Convinte che ci sarà sempre qualcuno dietro di loro a difenderle . Il loro interesse è quello di fare apparire cattivo l’altro e AVERE RAGIONE senza discussioni. Non è forse una caratteristica comune a moltissime donne quella di voler avere ragione senza discutere? Ecco adesso abbiamo innalzata a ideale europeo. GRAZIE per aver lasciato ad #Erdogan ed #Israele (grandi nemici di Putin) il compito della diplomazia che prevede di evitare la guerra A QUALUNQUE COSTO ed provare ad avviare mediazioni per la pace , mentre l’Europa sta ISTERICAMENTE a strillare contro il cattivo Putin SPECCHIANDOSI nelle sanzioni che faranno tanto male ma non si sa a chi. SE LE DONNE VOLEVANO DIMOSTRARE LE LORO CAPACITA CI STANNO RIUSCENDO Mettere a fare la guerra chi non sa nemmeno cosa significa fare il soldato è la cosa più stupida che si potesse fare , dopo aver messo l’attore di un film a fare il presidente. Un’ideologia che ritiene giusto che guidare il parlamento europeo sia uno stato -malta- che fino al 1974 non aveva un parlamento ma era una colonia del regno unito. Ecco I RISULTATI DI UNA IDEOLOGIA DEL BUONISMO E DEL BELPENSIERO. Un’ideologia dove l’ultra romanticismo ha demonizzato […]

Valori dell’occidente
McDonalds

Quando sento parlare di valori dell’occidente mi chiedo quali siano e la risposta ogni giorno è peggiore. https://www.elmundo.es/espana/2022/03/29/6242da77fc6c83d47c8b457f.html Direzionamenti come quello della riforma scolastica spagnola, riportato nell’articolo, sono direzionamento a lunghissima scadenza che si prefiggono di modificare il mondo nel corso di generazioni. Direzionamento di questo tipo hanno interessato tutti i paesi dell’occidente , gradualmente senza che gran parte della massa avesse percezione del cambiamento. Ed il cambiamento avviene, non per richieste dalla base o degli scolari, ma per decisioni che piovono dal cielo e sulle quali i partiti si dividono. Chi richiede queste profonde riforme scolastiche? Non certo il papa o le religioni, tantomeno la scienza o lampilitica o il proletariato. Per capire da chi provengono le richieste, si potrebbe individuare l’obbiettivo che si propongono tali riforme e questo potrebbe aiutare capire da dove provengono queste richieste. Lo scopo delle riforme, però, non viene mai individuato con certezza ma circola fumosamente intorno a riforma “di civiltà”. E chi può insegnare quale sia la civiltà? È evidente che per programmi di tale ampiezza e prospettati in un tempo ben più lungo di qualsiasi mandato elettorale, serve un’organizzazione sovranazionale che disponga non solo di potere sui governi ma anche di finanziamenti ingentissimi e continuamente rimpolpati. Massoneria? Forse, ma non come si intendeva nei tempi passati, ma ben più organizzata e che non opera nell’ombra ma alla luce del sole, ben camuffata mediaticamente in maniera da portare adesioni e consensi sempre maggiori. Quante sono le organizzazioni sovranazionali, non create dai governi? Ve […]

E’ì colpa di Putin

È colpa di Putin!! Questa sarà la risposta a chi farai notare che aver imposto il Drago sorosiano a capo del governo è stato disastroso come il conte covid….. La democrazia e la finta democrazia sono le cose peggiori che possano essere imposte ad un popolo perché fidandosi della democrazia, abbassa quelle difese che permettono il totale lavaggio del cervello, ed il direzionamento delle menti attuati attraverso il senso di colpa.

La guerra in Ucraina

Mi ricordo bene quando, anni fa, qualcuno veniva deriso perché parlava di #soros dicendo che sarebbe arrivato anche in Italia e, senza alcuna elezione o votazione, si sarebbe impadronito del #governo senza che il parlamento avesse niente da apporre, anzi: tutti in piedi ad applaudire. L’ultimo passaggio di SOROS in Italia è nel 2017 per incontrare #gentiloni e tranquillizzarlo sul ruolo che andrà a ricoprire in Europa, nonostante verrà sonoramente trombato alle elezioni italiane. Come infatti è avvenuto. Come è possibile che chi perde le elezioni in Italia diventa ministro dell’economia dell’Unione europea? Come siamo arrivati a questo? E se oggi dici che dietro le rivoluzioni colorate in #ucraina del 2017 c’era #SOROS, ti danno del complottista…. Per gente abituata a credere alla #pubblicità la #propaganda è del tutto irrilevante. Prima di schierarci pregiudiziosamente a favore dell’Ucraina, ricordiamoci chi sono gli ucraini e che tutto è iniziato con la strage di #Odessa dove sono state bruciate vive decine di persone colpevoli di essere a favore del presidente democraticamente eletto che invece è stato costretto a fuggire. Iniziava cosi il genocidio russo in ucraina. https://it.m.wikipedia.org/wiki/Strage_di_Odessa#:~:text=La%20strage%20di%20Odessa%20è,rivolte%20di%20piazza%20di%20Euromaidan. ERA ORA CHE #SOROS VENISSE MESSO IN RIGA DA QUALCUNO. Vi siete chiesti per quale motivo i nostri politici, con #Draghi in prima file, invece di mostrarsi diplomatici facciano a gara per CONDANNARE la #Russia e dimostrarsi ostili a #Putin e ad ogni cittadino russo? Pensano forse di impaurire Putin? Certamente no. Ed è una posizione nella quale si ha solo da perdere sopratutto in prospettiva […]

bambini ucraini

Lo so…. non è bello e non va di moda. Lo so…. ma proprio non ci riesco a provare più rabbia e a struggermi oltremodo nel vedere quanto soffrano i bimbi ucraini rispetto alle identiche scene di bimbi… come dire… meno biondi! Bimbi palestinesi, siriani, irakeni, afgani…..avendo toccato con mano i bombardamenti a #Panama, quando gli USA vollero eliminare “faccia d’ananas”, l’uomo che gli stessi Stati Uniti avevano messo a capo del paese che strategicamente decide le strade del commercio intercontinentale attraverso il canale. Perché solo oggi non ci possiamo girare dall’altra parte? un mese fa non sapevamo nemmeno qual’era la seconda città dell’Ucraina. L’informazione tambureggiante, ha fatto sì che in soli 30 giorni gran parte degli italiani siano schierati per l’#interventismo. Il metodo dell’introduzione vaselinata, ci ha visto prima sanzionare poi inviare armi, e poi entrare in guerra…..come avviene sempre quando si vuol fare accettare al popolo l”inaccettabile. L’informazione è come la religione: da una parte abbiamo quella cristiana dall’altra parte abbiamo quella musulmana. Ogni seguace ritiene vera la propria e falsa l’altra Ma io sono ateo. Anzi per meglio dire sono agnostico e sia nell’una che nell’altra trovo delle cose buone e delle cose cattive, e che la verità non sta né da una parte ne dall’altra ma.che se ci sta una verità, le probabilità che sia da una parte o dall’altra sono le stesse. Sono agnostico nel senso che credo noi non siamo in grado di spiegarci cosa ci sia oltre la vita e sono agnostico anche […]

Fuori dai mondiali

Anche questa volta ai mondiali tiferemo #Brasile o #Argentina. Una bella fetta di colpa è dovuta alla mancanza di talenti del calcio italiano e questa, anche se non lo riconosceranno mai, è una conseguenza del sorosismo diffuso che predica il globalismo dei giocatori ed anche della proprietà delle società di calcio che sono, per ovvii motivi, poco interessati ad investimenti a lungo termine dei quali necessita il vivaio giovanile. Inoltre, ulteriori fondi da destinare alle giovanili , sono stati destinati al settore femminile che ogni squadra è stata obbligata ad avere da quando Gravina è stato messo a capo della FIGC a causa del presunto razzismo/sessismo del predecessore dimessosi. E ma allora come abbiamo vinto l’Europeo? Questa è la domanda giusta: rivedere le partite…..si capiscono molte cose

Insoddisfazione diffusa

L’INSODDISFAZIONE DIFFUSA CREATA DALLA PUBBLICITÀ con lo scopo di AUMENTARE I BISOGNI, spesso contagia le radici del pensiero e PUO AVERE RISVOLTI POLITICI con la conseguenza di vedere CRESCERE PARTITI SENZA IDEALI MA BEN SCHIERATI CONTRO TUTTO E CONTRO TUTTI

La conquista del mondo

Riguardo il programma di conquista del mondo da parte di #Putin, supponiamo che sia così e ragionando su cosa potrebbe succedere se così fosse, mi chiedo: E se la #NATO in caso di attacco russo all’Europa ci rispondesse come a risposto a #Zelensky? Egli era del tutto convinto che la NATO gli USA sarebbero giunti in suo aiuto e lo avrebbero difeso, come gli hanno sempre promesso e dimostrato anche con esercitazioni militari concrete. Al momento dell’attacco russo, però, la difesa non è arrivata. Sono arrivate invece le giustificazioni per non poter intervenire ritenendo prioritario evitare una escalation che porterebbe alla terza guerra mondiale. Una giustificazione validissima e che nessuno si è permesso di obiettare e nemmeno di mettere minimamente in discussione. Ragionando freddamente e senza pregiudizi, ci si rende conto di quanto questa giustificazione al “non intervento”, sia DEL TUTTO VALIDA anche in caso di attacco della Russia ad un paese NATO come ad esempio la #Romania o la #Polonia. In Italia siamo portati a credere che tale giustificazione non sarà fornita in una malaugurata situazione, ma questa nostra credenza è basata solo sul fatto che vi siano degli accordi firmati, niente più: carta che può diventare straccia in qualsiasi momento!! Si tratta di fidarsi. Proprio come si fidava Zelensky. Personalmente ho forti dubbi che se un concorrente commerciale degli Usa, quale è l’Europa, venisse attaccata dai russi, gli americani interverranno tempestivamente per difenderci o se si limiteranno a sparare missili atomici verso la Russia facendoli incattivire sempre più […]

Razzismo sorosiano

#Razzismo. Non è forse #razzismo prendersela con persone innocenti e perseguitarle per il solo fatto di essere cittadini di uno stato? O il razzismo è solo quando fa comodo a #soros e tutta la sua brigata?

50 anni di sanzioni

50 ANNI DI #SANZIONI durissime non hanno permesso agli USA DI AVERE RAGIONE DI #CUBA. l’incapacità del nostro ministro degli esteri #DiMaiout si è dimostrata da subito, Da quando, riguardo la questione Ucraina, Di Maio ha voluto essere il più veloce di tutti nel dare l’annuncio che lui “non avrebbe più parlato con la Russia” e nell’annunciare che sarebbero state messe “sanzioni” a Putin ed ai suoi amici. #draghicrazia Se voleva dimostrare di non sapere cosa significa #diplomazia ed essere #diplomatici ci è riuscito benissimo, ma tanto gran parte della platea italiana è della sua stessa ignoranza e quindi ha raccolto consensi. Saranno in pochi a capire che Di Maio con questo comportamento ha dimostrato non solo la sua stupidità ma anche la sua ignoranza. Forse nessuno gli ha spiegato che 50 anni di #sanzioni americane NON hanno permesso agli USA di avere ragione di un piccolo isolotto come Cuba, figuriamoci se potranno avere ragione di una nazione come la Russia che possiede tutto ciò che le serve. Un paese dal quale dipendono le economie della maggior parte degli stati al mondo, non solo per l’energia (come ci fanno credere) ma anche per altre materie prime e generi alimentari ed addirittura per l’uranio ed il plutonio necessari alle famose centrali nucleari che tutti adesso sbandierano come soluzione alla crisi energetica. Come se non bastasse #Dimaio ha deciso immediatamente E SENZA CONSULTARSI CON NESSUNO di firmare un contratto per la fornitura di gas con l’#Algeria !!! E ricordiamoci che questo atteggiamento […]

Fuori lo stato dal mercato

Il #liberismo predica che il mercato si autoregola e lo Stato non deve intervenire. Secondo tali principi se le #famiglie (e le imprese) sono costrette a diminuire il consumo di gas, il prezzo scende a causa della diminuzione della domanda. Questo però non avverrà perché il Governo #Draghi intende bruciare miliardi del #PNRR (che poi dovremo restituire noi, non certo le multinazionali) elargendo sussidi a fondo perduto direttamente alle #multinazionali , purché si impegnino a calmierare il prezzo. Cosa che faranno certamente nella misura in cui riceveranno i soldi. Ecco quindi che i soldi presi dall’UE (per i quali solo Draghi sembra assicurare che siano ben spesi) e che fanno esplodere il debito pubblico in barba al patto di sostenibilità, in questo modo vanno a finire direttamente nei dividendi degli azionisti (ENI è da tempo americana) e rinvieranno solo per poco tempo i problemi delle famiglie. E cosi, camuffando tutto da aiuti ai poveri, già si decidono regali alle multinazionali a spese della #popolazione, prima ancora che siano avvenuti gli aumenti e che siano quantificati. SE IL GOVERNO VUOLE AIUTARE LE FAMIGLIE, I SOLDI DOVREBBERO ESSERE DATI ALLE FAMIGLIE. È talmente banale che nessuno sembra accorgersene. Gli aiuti potrebbero essere dati in diversi modi. Il primo, è quello che lo stato si accollerebbe il pagamento delle bollette inferiori ad un certo limite (es. 100€) inducendo così nelle persone una forte spinta al #risparmio per rimanere entro tale limite. La diminuzione della domanda obbligherebbe ad abbassare i prezzi. 2) lo stato […]

Sanzioni

Solo ragionando da italiano medio si può pensare che sequestrare yacht all’estero porti uno scompenso tale da fare fermare la guerra o addirittura far cadere #Putin. Solo l’italiano medio, intriso di invidia #consumista nei confronti di chi butta soldi in giocattoli totalmente inutili, non riesce a capire che gli yacht e le ville all’estero sono una briciola delle ricchezze di certe persone che 1.000.000 di euro lo guadagnano in un solo giorno. Solo l’italiano medio non riesce a capire la scenografia di simili provvedimenti che servono solo a impressionare chi deve pagare le rate della macchina. Solo l’italiano medio non capisce la totale illegalità di uno stato che si appropria di beni privati solo perché questi hanno il passaporto russo. E se avessero votato per l’opposizione a Putin? Solo l’italiano medio non sa che l’opposizione a Putin con #zhirinovsy e #zyuganov è ben peggio di putin e che proprio l’opposizione spingeva da tempo per un intervento militare neo #donbass. Solo l’italiano medio non capisce che il sequestro dei capitali russi spinge i russi a portarli in paesi non occidentali come Cina o Giappone ed inoltre fa cambiare banca anche a ricconi a rischio come arabi o cinesi…. Solo l’italiano medio può credere sia vero che, come predicano i liberisti e liberali, il commercio è un guadagno per tutte e due le parti, ma se così fosse la mancanza di commercio ovvero le sanzioni sono un danno per tutte e due le parti. Anzi, a guardar bene il danno maggiore è […]

Chi sono gli ucraini

Gli ucraini hanno ucciso uno dei loro negoziatori: ma come li scelgono? Siamo sicuri di sapere chi sono gli ucraini? https://www.ilfattoquotidiano.it/2022/03/05/il-mistero-del-negoziatore-ucraino-ucciso-sono-stati-gli-007-di-kiev-era-una-spia-russa-ma-lesercito-falso-morto-per-difenderci/6516344/amp/

CENSURA UCRAINA E PROPAGANDA ITALIANA

Nel corso della puntata di “Un giorno da pecora”, #UGDP, trasmissione radio di stato me totalmente schierata e propagandistica antirussa, dopo 37 minuti in cui accusavano la #Russia di censura e di tutto il peggio, hanno intervistato telefonicamente – Beppe Ferrante – un cantante italiano che imita Albano e ne canta le canzoni. Dall’intervista è emerso che Albano (ed il cantante che lo imita) è stato convocato dall’Ambasciatore ucraino che ha comunicato il divieto di fare concerti in Ucraina perché troppo filorusso. Se vogliamo dire che questa non è censura…… Se vogliamo pensare che gli ucraini siano brave persone da difendere sempre e comunque…. Ma sopratutto come fanno i conduttori di #UGDP ad avere un livello cognitivo così basso e non accorgersi che mentre si dannano per ripetere notizie palesemente infondate e diffamanti sui russi, al tempo stesso non si accorgono che stanno dichiarando che i veri censori sono gli Ucraini o per lo meno non sono quel popolo democratico e liberista che ci vogliono far credere (ed al quale abbiamo inviato armi). Dal minuto 37 lo show della censura ucraina. https://www.raiplaysound.it/audio/2022/03/Un-giorno-da-pecora-del-07032022-07bcb718-87a3-4a29-9351-6321096c90cf.html

Rappresaglie finanziarie

Gli ucraini vittime sacrificali per poter scatenare rappresaglie finanziarie a proprio piacimento. Noi occidentali, fomentando #Zelensky, stiamo mandando al massacro gli ucraini sacrificandoli sull’altare del sentimento antirusso. Mentre si celebra il sacrificio di una #guerra #suicida, in occidente cerchiamo di arraffare senza ritegno quanto più possibile usando la scusa che sono beni di qualcuno con passaporto russo. Poco imoprta se ciò non rispetta alcun principio sulla proprietà privata e nemmeno le normative degli stati che requisiscono beni e soldi Il sacrificio degli ucraini non servirà a tenere lontani i russi dall’ucraina, non servirà a fermare Putin ma servirà all’occidente per giustificare le appropriazioni (furti) di ricchezze di privati cittadini del tutto ingiustificabili. (Come se l’Italia invade il vaticano e gli italiani che vivono in Argentina o in Brasile vengono privati delle case e barche). Non solo: il sacrificio e la morte degli ucraini servirà all’occidente per giustificare la guerra finanziaria che si scatenerà successivamente al termine dell’invasione russa e giustificare la rottura di ogni accordo preso. Stiamo dimenticando però che appena #Putin avrà risolto in un modo o nell’altro la questione in Ucraina, applicherà le repliche alle sanzioni chiudendo il rubinetto del gas o minacciando di farlo se l’occidente non rimuoverà le sanzioni e magari ripagherà i danni che ne sono derivati? Nel mentre, la Cina sta a guardare, esattamente come avremmo dovuto fare noi.

i peggiori stupidi sono quelli che non capiscono di aver perso

Bisogna saper capire quando si è perso: i peggiori stupidi sono quelli che non lo capiscono. È ormai evidente che la massima priorità NON è la pace bensì il non inchinarsi a Putin e non riconoscere che ha vinto. Non sia mai. Se la #pace avesse la priorità, basterebbe alzare bandiera bianca e si risparmierebbe un bagno di sangue e la distruzione di un paese (che qualcuno dovrà ricostruire). Ma questo non è lo scopo dell’occidente (e nemmeno della Cina) che ha un concetto di pacifismo solo per quanto riguarda gli altri, mentre chi sta dalla parte del giusto ha il dovere di uccidere e sterminare. Ed a guardare bene nessun canale TV e soprattutto NESSUNO tra politici o giornalisti si propone mai per una simile soluzione, primi fra tutti gli ucraini che si sono dimostrati carne da cannone vittime sacrificali e una guerra ad un livello superiore nella quale l’occidente mostra i muscoli finanziari e la Russia quelli militari. L’occidente ha dimenticato la diplomazia, ed è convinto che in questi casi non si debba parlare con l’invasore. Come dire che se un ladro grande e grosso e armato ci entra in casa e ci chiede i soldi, noi anziché darglieli gli contestiamo che lui non ha diritto di entrare in una proprietà privata e deve uscire perché sta facendo una violenza ingiustificata. Credo che chiunque si limiterebbe a consegnare i soldi e cercare di salvare la vita. Stranamente questo atteggiamento è scomparso come è scomparso quello l’ambasciatore non porta […]

Informazione come religione

SCEGLIAMO L’#INFORMAZIONE COME SCEGLIAMO LA #RELIGIONE: quella che ci hanno detto che è vera. Dall’inizio dell’invasione ascoltiamo in ripetizione ossessiva frasi del tipo: lo avevamo detto, è pazzo, è inaccettabile, è ingiustificato. Reazioni abbastanza normali sulla base delle informazioni che abbiamo. Stranamente però non si mostra la maniera in cui lo zar #Putin avrebbe lavato il cervello dei russi attraverso la #propaganda di TV e giornali. Cosa racconta la stampa russa ai russi? La TV russa che propaganda fa? In realtà per ognuno di noi si tratta di scegliere a quale informazione credere, esattamente come si sceglie la religione a cui aderire. Evitare che un’altro tipo di informazione porti nuovi adepti alla causa russa, è Il motivo per cui in occidente non è più possibile vedere siti e canali TV russi. Cosa avranno mai questi canali di così impressionante e potente da far cambiare idea agli italiani o agli occidentali? Com’è questa propaganda russa capace di rincoglionire milioni di persone? Chi si ritiene sufficientemente forte, non ha paura di essere risucchiato dalla #propaganda ed è convinto di saper riconoscere la propaganda dall’informazione non dovrebbe aver paura ad effettuare ricerche su internet: le informazioni ci sono e ci sono anche immagini video di oggi e di anni indietro. Perchè allora il nostro governo non ci permette di ascoltare l’altra campana e nello stesso tempo accusa di censure la Russia? Se vediamo le immagini di quello che è successo in questi anni nel #donbass diventa comprensibile l’intervento russo, e ci si chiede […]

Boris parlaci di Belfast

#BorisJohnson minaccia la Ue, su Irlanda del Nord: “Se serve sospenderemo intesa” La Gran Bretagna occupa da tempo la parte nord dell’irlanda cosi come la #russia vorrebbe occupare il #Donbass. Resta difficile capire perchè nessuno rinfacci loro i crimini di #Belfast e di aver combattuto una guerra civile per mantenere la sovranità su un angolo di irlanda (#Ulster) senza esclusione di torture ed uccisioni nei confronti dei “terroristi” che, nel silenzio della stampa, ancora nel giugno scorso l’Irlanda del Nord turbata dagli scontri tra la polizia, i gruppi di nazionalisti fedeli al Regno Unito ed i loro nemici indipendentisti, che vogliono la riunificazione con l’Irlanda. Le motivazioni degli scontri, che sino al 9 aprile avevano provocato il ferimento di 50 agenti e l’arresto di almeno 10 persone, sono molto complesse e legate alle fratture politiche del passato. Alla divisione tra #cattolici indipendentisti e #protestanti anglofili si sono aggiunti i problemi economici e amministrativi causati dalla Brexit e le tensioni tra i due principali partiti di governo nordirlandesi. La divisione, la conflittualità, il profondo rancore tra cattolici e protestanti, e tra #nazionalisti e #unionisti, segna nel profondo la storia dell’isola d’#Irlanda, fin dalla sua divisione in due differenti stati, nel 1922, al termine della Guerra d’indipendenza: la piccola Irlanda del Nord, divisa in 6 contee, ancora oggi parte del Regno Unito, e l’assai più estesa Eire (Repubblica d’Irlanda), uno stato indipendente, ma con uno status di “dominion” all’interno dell’Impero Britannico. Un compromesso fragile, come ha poi dimostrato il divampare dei Troubles, […]

Libertà di informazione

O si approva LA LEGGE MARZIALE o si RISPETTA la #costituzione La chiusura del canale televisivo RT-Russia Today, anche dalla possibilità di vederla su internet, rappresenta un ulteriore SCHIAFFO alla costituzione la quale, seppur non menzionando espressamente il diritto all’informazione, ritiene ciò strettamente legato alla libertà di manifestazione del pensiero, definita dall’articolo 21 della Costituzione italiana. La corte, con la sentenza n. 420 del 7 dicembre 1994, dichiarò infatti che è necessario “garantire il massimo di pluralismo esterno, al fine di soddisfare, attraverso una pluralità di voci concorrenti, il diritto del cittadino all’informazione”. Ormai anche la corte costituzionale non ha memoria.

Sempre più razzisti

l’Italia non aveva il problema del razzismo, nel nostro paese è stato avviato dagli Usa fin dagli anni 50. Anche la propaganda fascista cantava “faccetta nera bella abissina” ed anche negli anni 60/70 non si parlava di razzismo, mai. Gli USA, invece, alla fine dell’Ottocento hanno scatenato una guerra civile per il razzismo i nordisti contro I sudisti si uccidevano per razzismo. Noi non avevamo il problema finché non c’è stato instillato attraverso propaganda buonista camuffato da arte e e cultura attraverso film libri canzoni e successivamente notizie e tg: affermazioni populiste facilmente condivisibili, scavano nella nostra mente e ci fanno immedesimare nella vittima come se anche la.nostra società avesse il problema, anzi: non vediamo l’ora di averlo per schierarci anche noi come la protagonista del libro, del film, della persecuzione….. In questo modo in elemento marginali nasce il razzismo e viene fomentato proprio da quegli antirazzisti ansiosi di dichiararsi tali al punto di andare a caccia di elementi nei quali individuare tracce di razzismo arrivando anche al punto di inventarsele pur di soddisfare la propria fame di antirazzismo. francamente pensare che un pakistano musulmano entra in magistratura o in polizia mi crea non pochi dubbi sopratutto perche la magistratura è incontrollabile. Riguardo la pizza del cibo ionon sarei così estremo nel considerare ciò razzismo visto che può dar fastidio anche la puzza di pesce o altro, sono le normali conseguenze del vivere e ci saranno sempre. Personalmente sono per la tutela delle differenze individuali e credo che se ci […]

Gli italiani in Russia

Nessuno parla degli italiani RESIDENTI IN RUSSIA che hanno le carte di credito bloccate e le banche non danno soldi. Sembra che gli Italiani che lavorano in Russia debbano essere inclusi tra i colpevoli dell’attacco all Ucraina. Al nostro paese ciò non interessa, a noi INTERESSANO GLI UCRAINI. Sulla pagina dell’ambasciata d’italia a Mosca, mentre si invitano gli italiani a rientrare n italia, si ricorda LA NORMATIVA COVID…. Starace, Ambasciatore italiano a #mosca, sembra non avere diritto di opinione. Da giorni i canali TV hanno dirette lunghissime e si affannano a cercare notizie e materiali su quanto stia accadendo. Il bue che da della propaganda all’asino, stranamente non si è mai collegato con l’ambasciatore #starace a mosca per chiedere cosa succede o cosa dice la propaganda di regime, cosa pensa la gente….come sempre avviene (anzi, avveniva) in questi casi. E sì che #starace ha un curriculum che lo ha visto Ministro per la Libia, Ambasciatore alle nazioni unite, a Tokyo e Abu Dhabi ed anche incarichi all’ambasciata cinese oltre che consigliere diplomatico speciale e per l’energia. Sono in pochi a poter vantare un curriculum di questo livello. Eppure ciò che arriva in tv da Mosca sono solo immagini dai telefonini che spesso non concordano con le parole del commento oppure immagini di sotterranei e cantine da dove trasmettono giornalisti che erano sconosciuti fino a ieri. Uno strano comportamento dell’informazione. Un comportamento che però coincide con quello dell’informazione di altri paesi europei dove, se andiamo a vedere le reti TV spagnole […]

Come selezionare i bambini adottati da omosessuali?

Se – come hanno messo in testa al mondo intero – l’omosessualità è innata e taluni nascono già con certe tendenze, perché allora – nell’interesse dei #bambini adottati – non eseguire delle analisi preventive con lo scopo di individuare coloro che essendo gay dalla nascita o essendo maggiormente predisposti risulterebbero maggiormente indicati ad essere dati in adozione a coppie #gay. Se tali caratteri sono innati basterebbe esaminare il #DNA ed i cromosomi al fine di poter garantire all’adottato la miglior integrazione familiare possibile. O forse non è vero che si nasce #gay? Del resto, i neonati gay da chi potrebbero aver ereditato tale carattere visto che, se i genitori erano gay non si sono riprodotti e se erano lesbiche sarebbero i figli di una violenza. https://www.ilmessaggero.it/persone/tiziano_ferro_figli_papa_foto_instagram_marito_news_oggi-6532818.html Anche senza mettere a confronto i due articoli è ormai evidente per per certe persone non vi è alcuna differenza tra comprare un cane e farsi fare dei figli. Ma come siamo arrivati a questo? Anni e anni di denigrazione culturale – film, libri, musica ma anche psicologi e cacciatori di facili consensi – in fatto di figli e di famiglia e contemporaneamente l’esaltazione degli animali da compagnia per sviluppare il relativo settore commerciale, hanno ottenuto il risultato che le nuove generazioni non sanno distinguere un bambino da un cane. Siamo sicuri di essere sulla strada giusta? Dove può arrivare questa deriva culturale? quanto manca ai rapporti sessuali con gli animali? https://www.ilmessaggero.it/persone/tiziano_ferro_morto_cane_messaggio_cosa_e_successo_ultime_notizie_oggi-6423049.html

Omosessualità innata?

Se l’omosessualità – come hanno messo in testa al mondo intero – è innata e taluni nascono già con certe tendenze, perché allora – nell’interesse dei #bambini adottati – non eseguire delle analisi preventive con lo scopo di individuare coloro che essendo gay dalla nascita o essendo maggiormente predisposti risulterebbero maggiormente indicati ad essere dati in adozione a coppie #gay? Se tali caratteri sono innati basterebbe esaminare il #DNA ed i cromosomi al fine di poter garantire all’adottato la miglior integrazione familiare possibile. O forse non è vero che si nasce #gay? Del resto, i neonati gay da chi potrebbero aver ereditato tale carattere visto che, se i genitori erano gay non si sono riprodotti e se erano lesbiche sarebbero i figli di una violenza.

Lo sport unisce non divide

LO #SPORT UNISCE NON DIVIDE Sono ormai lontani i tempi quando la #Germania Ovest sfidava la Germania Est in competizioni calcistiche e non calcistiche oppure quando nel bel mezzo della guerra tra inglesi e argentini per le isole #Falkland (#Malvinas) le due nazioni giocano una partita ai mondiali nella.quale il gol di mano di #Maradona che da la vittoria all’Argentina vie e definito “mano de Dios”. Oggi con l’invasione ucraina si è deciso di innalzare lo #sport ad arma di ricatto sotto forma di #sanzioni, che dovrebbero spingere la #Russia a tornare sui suoi passi attraverso la cancellazione di eventi sportivi come il Gran premio di F1 in programma a sochi. Anche questa volta il pensiero occidentale si dimostra miope e dimentica che ormai lo sport fornisce il materiale basilare per le trasmissioni #TV, giornali, radio che risulta determinante per l’attrazione degli sponsor necessari alla vita delle emittenti stesse. Quanti spettatori avrebbe un canale che trasmettesse solo film e documentari? #Sky non sarebbe certo diventata la rete che conosciamo se non avesse avuto l’esclusiva per il #calcio. Se l’occidente calcherà troppo la mano sullo sport, si arriverà con certezza all’organizzazione di diversi mondiali di calcio (o altro) che si faranno concorrenza tra loro come accade per la #boxe in america E facile immaginare già oggi la creazione di un campionato di calcio al quale partecipano Russia Cina Giappone ….. con capacità economiche porterebbero ancora più giocatori occidentali a spostarsi in quei paesi che guadagnerebbero sempre maggior audience innescando una spirale […]

Credere alla pubblicità

– tu credi alla pubblicità? – io no, sono tutte bugie per creduloni. – ma allora sarebbe meglio vietarla? – scherzi? La.pubblicita è l’anima del commercio. – quindi l’anima del commercio sono i creduloni e i bugiardi? – ma no, cosa dici. Il commercio è il cuore della società. PER GENTE ABITUATA A CREDERE ALLA PUBBLICITÀ LA PROPAGANDA OCCULTA È IRRILEVANTE Per essere efficace la propaganda deve essere breve e non permettere alla gente di fare si che troppa attenzione porti a scavare in profondità gli argomenti e crearsi così delle opinioni personali.

OGNI POPOLO HA IL GOVERNO CHE L’INFORMAZIONE GLI HA DATO.
88985006_3119839664765397_4853656710583156736_n

OGNI POPOLO HA IL GOVERNO CHE L’INFORMAZIONE GLI HA DATO. #draghicrazia Un’informazione degna di chiamarsi tale dovrebbe almeno fornire – magari etichettandola come #propaganda – anche la versione dei TG russi e delle tv russe. Invece i media italiani sono stati tutti ben attenti a non citare network come RT – RUSSIA TODAY con l’evidente intento di non fornire visibilità (e quindi pubblicità gratuita) ad una fonte d’informazione fuori dal coro e non controllabile. L’informazione occidentale ha preferito dire di non avere video su quanto accade piuttosto che far vedere quelli disponibili ma che riportano il marchio RT Fortunatamente le IPTV permettono oggi di vedere canali di tutto il mondo non solo sul PC ma anche sul televisore. E cosi chi non è proprio ignorante in informatica e sa installarsi un client per IPTV conosce anche la versione cinese, indiana, giapponese sudamericana ecc….. di quello che succede nel mondo https://fb.watch/bpSCvWXY6b/

Usciamo dalla NATO

– USCIAMO DALLA NATO, NON SERVE A NIENTE. – Ma dopo gli americani si vendicherebbero. – Pensa che bravi alleati che abbiamo. https://img.youtube.com/vi/ZU4KwamQdr8/hqdefault.jpg

La democrazia è dannosa

La democrazia è dannosa e #Zelensky ne è la dimostrazione. Gli ucraini hanno dimostrato di essere persone totalmente anestetizzate da una serie TV sul presidente ucraino, arrivando al punto di votare a presidente dell’Ucraina l’attore che recita il ruolo del presidente. E’ l’evidenza di come ormai si è incapaci di distinguere la finzione dalla relatà e di come sia facilmente manovrabile in profondità l’opinione pubblica e di come le persone credano a fondo a quello che vedono, proprio come fosse una religione, ancor piu in una società privata rapidamente degli ideali come quella #ucraina. Il basso valore di questa persona è ben evidente adesso, quando si ostina a proclamarsi vittima ma non intende andarsene e quindi manda i suoi connazionali a combattere una guerra #suicida invece di abbandonare il governo e magari il paese risparmiando vite umane e distruzione sia pur piegando la testa. In questo modo si era comportato nel 2014 il presidente eletto democraticamente che aveva sconfitto la #Tymošenko ma che le proteste di piazza maidan e gli scontri organizzati dai soliti arlecchini delle rivoluzioni colorate. La democrazia fa bene ma solo a piccole dosi.

FUORI LA POLITICA DALLO SPORT

FUORI LA POLITICA DALLO SPORT si gridava una volta, ma questo solo quando fa comodo ai soliti imperialisti https://www.rt.com/sport/550446-uefa-moves-champions-league-final-russia/ Si è iniziato con la scusa della lotta al razzismo e gradualmente ed impercettibilmente lo sport è diventato arma di ricatto politico internazionale: Un altro degli eserciti non militari

5 stelle Ucraini

Avete notato quanto #Zelensky ricordi Di Maio ed i #5stelle sia nel suo modo di fare che nel suo atteggiamento? In effetti la carriera politica di #zelenski la potremmo definire a 5 stelle. Come riporta Wikipedia, era un comico che ha interpretato un serial dove recitava la parte del presidente dell ucraina. Fondatore della ONG League of Laughter (lega delle risate), Zelens’kyj interpreta nel 2015 il ruolo di presidente ucraino nella serie televisiva Sluha Narodu (letteralmente, Servitore del popolo) in cui mette in scena un capo di Stato onesto, capace di superare in astuzia antagonisti e detrattori. Sull’onda del successo TV crea un partito con lo stesso nome del serial TV (servitore del popolo) e pochi mesi prima delle elezioni presidenziali si candida e vince con il 77% dei voti. Peccato che guidare un paese che possiede armi e centrali nucleari sia cosa diversa fare il comico. E così l’incapace è riuscito a far degradare la situazione fino alla situazione attuale Ecco zelensky è il tipico errore della democrazia, del largo ai giovani e del condizionamento televisivo. Lasciare che sia il popolo ad eleggere il presidente, quando lo stesso popolo si può facilmente manipolare attraverso la TV è estremamente pericoloso.L’elezione diretta del presidente della Repubblica porta risultati come #zelensky. L’esempio massimo di lobotizzazione televisiva della società, associata ai facili consensi del “largo ai giovani” e “aria nuova” tutti di spiccata derivazione consumista. I risultati del mettere in mano ad un comico (sia pure fondatore della ONG lega delle risate) un […]

Protocolli dei Savi di Sion

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Protocolli_dei_Savi_di_Sion Divertente notare come anche su wikipedia si ripete ossessivamente che il libro in questione (http://bit.do/protocollision) sia un falso senza minimamente argomentare e senza spiegare perché o quale sarebbe la verità. Divertente anche la puntata su Rai 3 di “Passato e presente” che ripete parola per parola la litania scritta su Wikipedia come fosse una preghiera da inculcare bene a fondo in chi non crede. https://www.raiplay.it/programmi/passatoepresente

Imagine

John Lennon: «Imagine all the people living for today… Imagine there’s no countries… and no religion too», taduzione: “Immaginate che la gente viva solo per l’immediato, che non ci siano nazioni e neppure religioni”. Bè, non solo lo abbiamo immaginato ma a distanza di 50 anni circa lo abbiamo realizzato, vissuto: è il mondo di oggi, globalizzato, omogeneizzato, appiattito sull’attualità, senza altro ideale che il consumo, senza altri sogni che il successo: al posto delle nazioni e della fede, Amazon e Apple. La musica è il principale cavallo di troia dell’ #imperialismoculturale Sono solo canzonette

LA PUBBLICITÀ È PSICOLOGICAMENTE TOSSICA
Carosello-7

Fa piacere veder confermate dai soliti professoroni delle università inglesi (che sembrano essere le uniche autorizzate a diffondere la conoscenza e le ricerche) le convinzioni da tempo sostenute [https://hbr.org/2020/01/advertising-makes-us-unhappy]. Bisogna riconoscere che le loro ricerche sono sempre ben presentate e fornite di dati (chissa dove li prendono e a cui tutti credono) con una credibilità ben superiore rispetto quanto detto da uno qualunque. C’è da dire però che poteva essere maggiormente approfondita e se lo avessero fatto avrebbero raggiunto la conclusione che: LA PUBBLICITÀ È PSICOLOGICAMENTE TOSSICA La pubblicità rende infelici, porta a lavorare sempre di più, crea stili di vita insostenibili, deturpa l’ambiente, cattura la tua attenzione inibendo il pensiero spontaneo, diminuisce la tua capacità di concentrazione……) Non dimentichiamo, però, che il marketing è la fonte principale di finanziamenteo delle facoltà di psicologia che sono ceresciute come funghi negli ultimi decenni acquistando potere e popolarità. Quindi dalla psicologia non potrà certo venire la minima condanna della pubblicità e dei suoi effetti sulla personalità e sul carattere delle persone Eppure è innegabile che niente è paragonabile alla immensa quantità di messaggi pubblicitari che il nostro cervello registra fin dalla nascita ed arrivo a dire che la mia personale convinzione è quella che: SIAMO LA SOMMATORIA DEGLI SPOT CHE ABBIAMO RICEVUTO. E forse esagerato? Non credo proprio. Basta pensare che ogni mattina ci svegliamo ed una delle prime cose che facciamo è quella di leggere lo slogan sul tubetto del dentifricio. La giornata continua con l’incessante sottofondo di spot alla radio, […]

donne con le palle
donne italiane

Sono le donne ad esaltare i transessuali, è evidente. Donne con poco carattere e con un istinto materno ormai ridotto ai minimi termini che vedono nell’uomo l’ideale traguardo da raggiungere per sentirsi emancipate. È evidente la diffusa frustrazione per quella che Freud chiamava INVIDIA DEL PENE, fenomeno che ormai ha ormai oltrepassato il livello individuale e ha raggiunto livelli sociali. Donne ormai denaturate che vedono nell’ “uomo con le tette” una “donna con il pene”, con il quale poter discutere di rossetti, colore dei capelli, scarpe e tacchi. Un essere che rappresenta per le donne (italiane progressiste ed emancipate) un modello invidiabile e non una brutta copia della donna, un copia incapace di dare la vita come solo le donne sanno fare. Alle donne – ed al loro concetto di poverinodimamma – è dovuta l’emersione di questi personaggi prima rintanati nell’ombra. Con essi le donne vedono l’uomo con il quale poter parlare di frivolezze….ma.sopratutto vedono il maschio al quale possono voltare le spalle e che certamente non le violenterà. L’emancipazione della donna come è stata immaginata e realizzata, va di pari passo con l’idealizzazione dei transessuali che nell’immaginario femminile italiano rappresentano le “donne con le palle”. Purtroppo, gran parte delle madri di figli maschi vorrebbero e sperano che il loro figlio crescesse in quel modo e per questo sono disposte a tutto. D’altra parte le mamme italiane non sono mai state famose per essere delle buone mamme bensi per creare dei bamboccioni ed i bamboccioni dell’era moderna sono i transessuali: […]

Pubblicità tossica
Carosello-7

La #pubblicità è #psicologicamente #tossica. Gli #psicologi fin quando non muoveranno forti critiche alla pubblicità ed avvieranno concrete lotte contro la strabordante presenza, sarà difficile credere che il loro scopo sia la cura della salute mentale della popolazione, altro che #bonuspsicologi.. https://democrazia.myblog.it/la-pubblicita-e-psicologicamente-tossica/

Ucraina e Cuba
TYP-455275-4734168-democrazia

In #Ucraina si sta verificando una situazione simile a quella dei missili di #Cuba di 60 anni fa. Allora, gli #USA non tolleravano i missili sovietici che stavano installando a #Cuba e ben prima che fossero installati minacciarono di distruggere l’intero pianeta lanciando i loro ordigni nucleari. Fortunatamente i sovietici si dimostrarono più ragionevoli. Perché oggi, la #Russia di #Putin dovrebbe accettare di avere truppe americane ai propri confini senza nemmeno innalzare le proprie difese? Mentre gli USA gongolano per essere riusciti ad aumentare i costi di produzione sostenuti dalla concorrenza europea. Noi invece sosteniamo la linea sostenuta 30 anni fa nella ex Jugoslavia e probabilmente i risultati saranno simili. Speriamo bene anche se quando ci sono gli #USA è inutile sperare: si chiama #imperialismo.

La giornata della memoria

Purtroppo in italia si celebra la giornata della memoria che altro non è che la giornata di Israele camuffata. Grazie alla giornata della memoria instilliamo il senso di colpa fin da bambini Francamente mi sfugge il motivo per cui io devo sentirmi in colpa per atrocità commesse da altre persone, in altri paesi nella prima meta del secolo scorso. Secondo lo stesso criterio, gli ebrei del mondo dovrebbero sentirsi colpevoli delle uccisioni, delle atrocità e delle sottrazioni di territori alle popolazioni autoctone che giornalmente avvengono in Palestina da oltre 50 anni. Purtroppo per i palestinesi non c’è alcuna memoria ma solo l’etichettatura di terroristi. No grazie. Non celebro la giornata della memoria perche Auschwitz non so nemmeno dove sta e nemmeno lo voglio sapere. non mi riguarda e non mi riguarderà: è inutile che cercate di incutermi la paranoia del ritorno dei fascisti. Se si istigasse all odio (come dice facebook che istruisce le sardine) e se ci fossero rigurgiti di fascismo, le piazze non potrebbero riempirsi perché sarebbero prese a manganellate a.meno che le piazze non manifestassero a favore del governo, o forse è proprio questo che accade? Vuoi vedere che, come Israele, anche in Italia grazie ad interpretazioni della costituzione ed a leggi elettorali contorte e diseguali, chi governa non ha il consenso della maggioranza della popolazione? Israele non è uno stato creato dai cittadini che lo abitano: israele è stato creato a tavolino e poi sono affluiti ebrei da tutto il mondo (portando con se le loro […]

Il #consumismo è un rifugio analogo a quello della #religione

Il #consumismo è un rifugio analogo a quello della #religione

Nuovo non significa migliore

Il #multiculturalismo nella sua massima aspirazione prevede la cancellazione della parola “NOI”. Quante volte ci tocca sentire l’affermazione (retrofobica) che “sui #diritti non si può tornare indietro”, quasi fossero qualcosa che da sempre stava lì fuori e aspettasse solo che noi la si riconoscesse. Il fatto, però, che apparissero come tendenzialmente infiniti ha determinato il sorgere di altre realtà che hanno conteso il campo a quella #progressista, che si era col tempo molto irrigidita nelle astrattezze del multiculturalismo e del “#politicamente corretto”. Nel nuovo “spirito del tempo”, rifanno oggi capolino vecchi concetti, quasi a dimostrare che essi rispondono a esigenze profonde dell’essere umano ed era stato sbagliato, anzi stupido, bollarli come residui del passato o di una “mente primitiva”. Nuovo non significa migliore

trasformare gli uomini in donne
Photo_1598763871828

L’esaltazione massima del femminismo è cercare di trasformare gli uomini in donne. Le donne oggi usano la stessa tecnica del vittimismo utilizzata con ottimi risultati dall’anti semitismo: hanno trasformato, nell’opinione pubblica, i maschi in nazisti mentre le donne rivestono il ruolo dei partigiani della resistenza. Gli unici maschi che hanno diritto di essere tutelati sono quelli che si comportano da donne, come dimostra il ddlZan che vorrebbe che nei prossimi anni ai bambini che inizieranno le scuole elementari elementari, prima ancora di spiegargli come nascono i bambini, gli spiegheranno che e bello prenderlo in quel posto e che non devono avere paura.

Elezione del Presidente della Repubblica

L’elezione diretta del #presidente porterebbe MONTAGNE DI SOLDI nelle tasche di TV e media, grazie alle oceaniche campagne elettorali dei #candidati. Per questo motivo i media spingono fortemente in questa direzione nonostante questa rappresenta la peggior forma di #democrazia: quella della dittatura della maggioranza nei confronti della minoranza. Già si sono inventati il premio di maggioranza per favorire la #democratura. E i risultati si sono visti: un parlamento e un governo che stanno in piedi con le stampelle. Un #presidentedellarepubblica eletto con pochi #voti di vantaggio, non da certezze. Dopo poco tempo si potrebbro vedere i suoi elettori sfaldarsi, cosa si farebbe in tal caso? Chi potrebbe rimuoverlo? L’#elezione di un #presidente con pochi voti di vantaggio, rappresenta la #dittatura della #maggioranza nella sua maggior esaltazione. In un paese come l’Italia questo avrebbe conseguenze imprevedibili. Ma sopratutto mettere alla #presidenzadellarepubblica chi ha più soldi da investire nella campagna elettorale sarebbe pericoloso, molto pericoloso, sopratutto per le influenze #internazionali dirette. Con la necessità di una maggioranza a #quorum come l’attuale, diminuisce anche la possibilità che vi siano forti attriti tra il presidente ed il parlamento, ma sopratutto si prescinde dal possesso di fondi da dedicare alla campagna elettorale. Il #PresidentedellaRepubblicaItaliana NON DEVE ESSERE CHI HA PIU SOLDI PER LA CAMPAGNA ELETTORALE Esiste una favola molto bella e davvero ingegnosa, che da anni mi è stata raccontata tra i banchi di scuola, e anche alla TV l’ho sentita più volte, è quella sulla democrazia. Dal greco dêmos ‘popolo’ e dal tema di […]

Per il consumismo, il progresso è un ingrediente imprescindibile.

Per il #sistema #consumistico, il #progresso è un ingrediente imprescindibile.

Banalizzazione della politica come falllimento della democrazia

La banalizzazione della politica è il fallimento della #democrazia ed è dimostrata dai criteri per la scelta del Presidente della Repubblica: “deve essere una donna”. Se le donne vogliono #rosybindi non hanno capito cosa significa #rappresentatività. LE #DONNE VOGLIONO IL #POTERE. IL #POTERE VUOLE LE #DONNE PER RIFARSI IL #TRUCCO.

GLI ARSENALI IMPERIALISTI SONO PIENI

GLI ARSENALI IMPERIALISTI SONO PIENI. #Trump non ha fatto la #guerra a nessuno ed adesso non sanno come fare. Non possono certo bloccare la loro industria bellica, da qualche parte devono buttare le loro bombe. L’#Ucraina riporta a galla il vecchio sentimento anti-comunista del bacucco presidente USA e sembra fatta apposta per disastrare indirettamente l’Europa e le infrastrutture che usa da quelle parti, prima fra tutte i gasdotti. A questo punto, negli ultimi 30 anni, l’unica persona capace di dialogare tra Usa e RUSSIA ed andare d’accordo sia con Putin che che con Obama e Bush, è stato Berlusconi e non è certo un demerito. Il popolino si lascia influenzare dalla TV e quindi dalla nipote di Mubarak e dalle olgettine ma personalmente preferisco chi paga per avere prestazioni sessuali, rispetto a gente che ambisce ad insegnare alle scuole elementari che i maschi devono prenderlo in quel posto. In ultima analisi, se il berlusca rappresenta il capitale , #draghi rappresenta la #finanza e non si capisce come PD ecc ne acclamino la candidatura se non per il fatto che li abbia riportati al governo pur non avendo i numeri. Abbiamo avuto il governo #Renzi trombato con il referendum e sostituito da #Gentiloni a sua volta trombato dalle elezioni che hanno dimostrato che la gente non li vuole. Nonostante ciò dopo un anno il PD è ricicciato facendosi sostenere da chi era stato eletto dicendo “mai con il PD“. Ma non funzionava bene e allora è stato chiamato #Draghi con la […]

LA VERA FELICITÀ STA NEL NON INSEGUIRLA

LA VERA #FELICITÀ STA NEL NON INSEGUIRLA. Gli imperialisti USA hanno inserito nella loro #costituzione il “diritto alla #felicità“. Una grande caxxata visto che il diritto ad una cosa astratta e soggettiva (la felicità) è di fatto un non diritto. La conseguenza di questa loro trovata geniale, è di aver posto solide basi per avviare quel #consumismo attuale, esasperato dallo spostare sempre più in alto l’asticella, ed al tempo stesso aver creato un alibi all’ imperialismo che si sente così in diritto di sottomettere quei paesi che potrebbero contrastare la loro felicità (praticamente tutti). Se guardiamo bene a fondo, il concetto di #felicità tipico di questa epoca, poggia le sue basi sul’invidia e sulla avidità, il RINCORRERLA rende #schiavi #insoddisfatti e per questo disposti a tutto. Apprezzare quello che si ha, è una gran felicità. Tutto il resto è #consumismo e #felicità effimera indotta dalla #pubblicità

Psicologi arcobalenati

Il fatto che gli #psicologi siano per la quasi totalità schierati politicamente verso una #sinistra arcobalenata, dovrebbe fare capire quanto sia profonda l’indottrinazione all’interno di una facoltà ed anche le influenze del grande capitale nell’appropriarsi delle menti di coloro ben interessati e predisposti a studiare il comportamento umano e, sopratutto, come influenzarlo. I “radical-chic”: sono la casta dei ricchi borghesi che – per moda o per noia – sostengono le posizioni etichettate come #marxismo-leninismo e si credono “rivoluzionari da salotto”, animatori della “sinistra al caviale” che va a braccetto con il capitalismo. Essi sono oggi la più influente lobby ideologica dell’Occidente, la testa di ponte dell’ #imperialismo culturale angloamericano. Grazie a cavalli di troia come la musica #rock, il #cinema, lo #sport, l’informazione ed oggi anche i #social, hanno raggiunto risultati totalitari. Dominano i grandi media internazionali, presidiano le Università, la Magistratura e i gangli vitali dello Stato, orientano il linguaggio, emettono sentenze e stilano i pressanti speech codes del “politicamente corretto”. Chi non si allinea ai loro dogmi, come dimostra il grottesco teatrino mediatico che invade i nostri schermi, è tacciato di #razzismo, #sessismo, #xenofobia e #omofobia usando spesso termini creati ad hoc proprio dagli psicologi distorcendo il significato di “fobia” che però fa molto effetto sulle persone e richiama ad una malattia mentale. Il loro credo, divenuto il verbo laico del globalismo, è fondato sulla narrazione sradicante e liberal della “società aperta”, tesa a distruggere ogni residua forma di identità in nome di una fantomatica uguaglianza che trova […]

Vittimismo femminista
piagheditalia

Nell’immaginario comune, in particolare in Italia, la donna continua ad essere “debole, pura ed angelica“, i suoi errori sono sempre a carico di qualcun altro (quasi sempre di sesso maschile) e vengono giustificati in ogni modo. Una condiscendenza che non permette alla donna di crescere emotivamente, di responsabilizzarsi e di maturare. Quell’indulgenza la trasforma in un’eterna farfalla adolescente, la cui unica attenzione è quella di capire come funzionano i contraccettivi. La retorica femminista dell’uomo stupratore e “predatore sessuale” ha rafforzato, per un gioco di contrasti, questa deresponsabilizzazione. Due sono gli aspetti in cui questo processo ha ripercussioni sociali considerevoli: la scelta femminile del partner sia per una relazione che per un tradimento. “CAPITANO TUTTI A ME” – Partiamo dal primo punto. La donna esercita la propria prerogativa di scelta del partner, e spesso lo fa male. Un tempo, fino a 20-30 anni fa, il pericolo si presentava sostanzialmente in giovane età, per via di cattive compagnie e incontri sbagliati. Oggi, con l’adolescenza prolungata fino ai 30 anni e le app di dating, le donne si mettono nei pasticci anche in età in cui dovrebbero avere giudizio. Le donne non amano che al mattino si ricordi loro quel che hanno fatto la notte. Persino le “disinibite” (e femministe) scandinave, il giorno dopo ti diranno che sono state attratte da qualcosa in te (come se fosse un’attenuante), che avevano bevuto qualche bicchiere in più, che non sempre agiscono così (ok, ci crediamo…così come crediamo a Babbo Natale) e tutta la solita narrativa […]

La crociata prossima ventura
Gay-Pride-Chicago-e1498466702132

La democrazia dei social, delle notizie, della cultura e arte, e delle ONG sta contribuendo a creare l’armata mondiale della prossima #crociata contro gli infedeli ai diritti umani e al #consumismo, il cui scopo recondito sarà quello di accaparrarsi le ultime fonti di energia. Argomento principale di prevaricazione sarà l’omosessualità ed il gender. due argomenti che dividono il mondo tra USA e il loro seguaci da una parte, ed il resto del mondo dall’altra. Un argomento che ben si presta ad offuscare le menti dei religiosi dei diritti umani. Gli schieramenti si stanno già delineando: da una parte anti-musulmani e anti-comunisti, dall’altra il resto del mondo. A breve il petrolio sarà sempre meno disponibile e l’occidente non può certo essere schiavo dei paesi che detengono il petrolio e che dovranno quindi essere conquistati dai paesi industrializzati. Ma come convincere i giovani ad andare a morire per strapare il petrolio a chi lo possiede? Per cosa sarebbero disposti a morire i giovani di oggi? E’ cosi che le giovani menti vengono caricate emotivamente per creare il nemico verso il quale scagliarsi in una guerra che intenderebbe cancellare le libertà nel nome della libertà. E’ cosi che si scatenerà la prossima crociata e la guerra per gli ultimi pozzi di #petrolio.

Paranoia femminile e castrati psichici
cropped-cropped-sogno-della-democrazia.jpg

Il #fischio o la battuta fatta per strada rappresenta la differenza più marcata tra le società latine e le società #anglosassoni. Per cercare di assimilare ad una #molestia o #violenza il fischio e la battuta, le donne ed i #castratipsichici cercano di attribuire a questi comportamenti una manifestazione di #virilità in maniera da strumentalizzarla innalzandola a violenza #sessuale, come se il fischiatore esibisse i #genitali in faccia alla vittima. Questo è quanto accade nella testa delle donne ossessionate o paranoiche (ed in quella dei castrati psichici). Ma la realtà è molto diversa. Se fosse una manifestazione di virilità, dovrebbe essere generalizzata e se cosi fosse tali comportamenti sarebbero adottati verso ogni donna indifferentemente. Ma così non è. Solo ben determinate #categorie di donne sono destinatarie di certi comportamenti e sono sopratutto quelle che si “esibiscono” in camminate o posizioni esibizioniste e provocatorie (quindi che manifestano concretamente virilità) o mettono in bella mostra i propri #genitali magari esaltati da un abbigliamento ad hoc, solitamente molto costoso. A guardar bene sembrerebbe che sia proprio il comportamento #femminile a voler trasmettere virilità e disponibilità. In questo caso il significato da attribuire al fischio per strada è quello di aver ricevuto il messaggio trasmesso dal comportamento o dall’abbigliamento non conforme al luogo o alla situazione, e dichiararsi disponibile. Il significato a parole andrebbe da “”Se sei come ti vesti, io sono qua” a “quanto sei xoccola?” e solitamente segue il livello di provocazione. Più si mette in mostra e più si ricevono apprezzamenti gratuiti, secondo […]

Toccare il culo a una donna

l’Italia è il paese dove se a una #donna toccano il #culo allo stadio si scatenano polizia, TV, società di calcio ed in 3 giorni il responsabile viene identificato catturato processato e sentenziato. Se una #ROM sfonda una porta e occupa l’appartamento di un #anziano ricoverato in ospedale e si appropria della sua casa, nessuno può farla uscire o torcere una capello. Servono settimane per restituire casa al proprietario che nel frattempo è stata distrutta e messa a soqquadro da una rom che non sarà accusata di niente. C’è da chiedersi se sia più potente la #casta delle #donne o quella dei #rom? Non lo so ma le donne rom devono essere veramente intoccabili. e ci sarebbe veramente da chiedersi PERCHE’ GLI UOMINI SI SENTONO IN DOVERE DI DIFENDERE LE DONNE visto che queste non esitano a considerare i maschi “cattivi” a prescindere??  

la Delocalizzazione non deve essere un tabù

Bisogna sconfiggere il tabù della #delocalizzazione che ci hanno inculcato per convincerci a #lavorare sempre più, senza ribellarci. Nemmeno la peggior #schiavitù aveva raggiunto i limiti oggi raggiunti dalla popolazione vogliosissima di #lavorare per soddisfare avidità sempre crescenti. Continuare a creare più posti di #lavoro per una popolazione che è sempre meno numerosa è il massimo dei controsensi. Se aumentano i posti di lavoro, dobbiamo importare più #energia, materie prime e #manodopera. In cambio nel nostro paese resteranno #inquinamento e #scarti industriali, mentre i #profitti voleranno all’estero nelle tasche degli #investitori ben al riparo da #imposte e #tasse. “Si, ma molta gente riceverà uno #stipendio e potrà mangiare, altrimenti sarebbe morta di fame” diranno i lobotomizzati dall’#economia ripetuta nelle #università e dai media. In realtà, facendo un #paragone su più bassa scala, quegli stipendi svolgono il ruolo dei punti che la massaia riceve al supermercato e grazie ai quali invoglieranno ad acquistare sempre più, per poi gratificarti con un oggetto inutile, per avere il quale dovrai anche aggiungere dei soldi (solitamente pari al costo dell’oggetto). Nessuno, nell’informazione o nella politica o nell’istruzione, propone di quantificare i costi che lo stato deve sostenere per la #manodopera importata da altri paesi, e per la quale dovrà fornire: #scuola, #sanità, #casa e #pensioni ma anche #strade, #immondizia, #tribunali, #polizia, ma sopratutto pensioni che continueremo a pagare anche a persone che spesso sono tornate nel loro paese di origine, e l’assurdo è che ci ripetono che sono loro che pagheranno le nostre pensioni mentre […]