anticonsumismo

Una grande verità

Atteggiamento culturale che si oppone al consumismo e ai suoi eccessi.

L’anticonsumismo è una ideologia sociopolitica opposta al consumismo, ovvero al continuo comprare e consumare beni materiali. L’anticonsumismo si antepone alle azioni delle imprese aziendali private che perseguono obiettivi economici e finanziari a danno del benessere pubblico, specialmente protezione ambientale e stratificazione sociale. In ambito politico, l’anticonsumismo si interseca con antiglobalizzazione e attivismo ambientale. Una variazione concettuale dell’anticonsumismo è il post-consumismo che antepone il valore del benessere individuale al successo materiale.

L’anticonsumismo è nato in risposta ai problemi causati dal consumo globale a lungo termine. L’anticonsumismo è il tema principale dei libri “No Logo” (2000) di Naomi Klein e dei documentari “The Corporation” (2003) di Mark Achbar e Jennifer Abbot, e “Surplus: Terrorized into Being Consumers” (2003) di Erik Gandini; questi hanno reso popolare l’anticonsumismo e l’attivismo anticorporazione come ideologie accessibili tramite azioni civili e politiche. [Da Wikipedia]


La critica del materialismo economico come comportamento disumanizzante e distruttivo della Terra, come habitat umano, viene dalla religione e dall’attivismo sociale. La critica religiosa afferma che il consumismo materialista interferisce con la connessione tra l’individuo e Dio, e così è uno stile di vita intrinsecamente immorale; così lo storico tedesco Oswald Spengler (1880-1936) affermava che “La vita in America ha una struttura esclusivamente economica, e manca di profondità”. Dalla prospettiva cattolica romana, Tommaso d’Aquino affermava che “L’avidità è un peccato contro Dio, proprio come tutti i peccati mortali, in quanto l’uomo condanna le cose eterne per il bene delle cose temporali”; in quel filone, Francesco d’Assisi, Ammon Hennacy e Mohandas Gandhi dissero che l’ispirazione spirituale li guidava verso la vita semplice.

Dal punto di vista laico, l’attivismo sociale indica che dal materialismo consumista deriva il crimine (che nasce dalla povertà delle disuguaglianze economiche), dall’inquinamento industriale e dal conseguente degrado ambientale, e dalla guerra come impresa. Riguardo al malcontento sociale nato dal malessere e dall’edonismo, Papa Benedetto XVI ha affermato che la filosofia del materialismo non offre alcuna ragione d’essere per l’esistenza umana; allo stesso modo, lo scrittore Georges Duhamel disse che “il materialismo americano era un faro di mediocrità che minacciava di eclissare la civiltà francese”.

L’anti-consumismo è nato dalla critica del consumo, a partire da Thorstein Veblen, che, nel libro The Theory of the Leisure Class: Uno studio economico delle istituzioni (1899), indicava che il consumismo risale alla culla della civiltà. Il termine consumismo denota anche politiche economiche associate all’economia keynesiana e la convinzione che la libera scelta dei consumatori dovrebbe dettare la struttura economica di una società (cfr produttore).

Politica e società
Molti attivisti anti-corporativi ritengono che l’ascesa delle grandi aziende rappresenti una minaccia all’autorità legittima degli stati nazionali e della sfera pubblica. Sentono che le multinazionali stanno invadendo la privacy delle persone, manipolando la politica e i governi e creando falsi bisogni nei consumatori. Presentano prove come adware pubblicitari invasivi, spam, telemarketing, pubblicità mirata ai minori, guerrilla marketing aggressivo, massicci contributi alle campagne aziendali in elezioni politiche, interferenze nelle politiche degli stati nazionali sovrani (Ken Saro-Wiwa) e notizie su società corruzione (Enron, per esempio).

I manifestanti anti-consumismo sottolineano che la responsabilità principale di una società è quella di rispondere solo agli azionisti, senza quasi considerare i diritti umani e altri problemi. La direzione ha una responsabilità primaria nei confronti dei propri azionisti, dal momento che qualsiasi attività filantropica che non sia direttamente al servizio dell’azienda potrebbe essere considerata una violazione della fiducia. Questo tipo di responsabilità finanziaria significa che le multinazionali perseguiranno strategie per intensificare la manodopera e ridurre i costi. Ad esempio, cercheranno di trovare economie a basso salario con leggi che siano opportunamente clemente sui diritti umani, sull’ambiente naturale, sull’organizzazione sindacale e così via (si veda, ad esempio, Nike).

Un contributo importante alla critica del consumismo è stato fatto dal filosofo francese Bernard Stiegler, sostenendo che il capitalismo moderno è governato dal consumo piuttosto che dalla produzione, e le tecniche pubblicitarie utilizzate per creare comportamenti di consumo equivalgono alla distruzione dell’individuazione psichica e collettiva. La diversione dell’energia libidica verso il consumo di prodotti di consumo, sostiene, si traduce in un ciclo di consumo avvincente, che porta a un iper consumo, all’esaurimento del desiderio e al regno della miseria simbolica.

Nell’arte, Banksy, influente maestro dei graffiti britannici, pittore, attivista, regista e provocatore per tutti gli usi ha fatto affermazioni in opere pubbliche sulla società consumista. Lavorando sotto copertura, l’artista di strada segreta sfida le idee sociali e gli spettatori a ripensare l’ambiente circostante, a riconoscere le assurdità di preconcetti strettamente tenuti. Citazione di Banksy: “Non devi nulla alle aziende. Meno di niente, soprattutto non devi loro alcuna cortesia. Ti devono. Hanno riorganizzato il mondo per mettersi di fronte a te. Non hanno mai chiesto il tuo permesso, non hanno nemmeno iniziato a chiedere il loro. “Dopo il 2003, Banksy scrisse il New Yorker via e-mail:” Dò via migliaia di dipinti gratuitamente. Non penso che sia possibile fare dell’arte sulla povertà mondiale e sui pantaloni tutti i soldi. “Banksy crede che ci sia uno spostamento consumistico nell’arte e, per la prima volta, il mondo borghese dell’arte appartiene al popolo. Sul suo sito web, fornisce immagini ad alta risoluzione del suo lavoro per il download gratuito.

Cercare di ridurre l’inquinamento ambientale senza ridurre il consumismo è come combattere il traffico di droga senza ridurre la tossicodipendenza.
– Jorge Majfud

In molti contesti critici, il termine descrive la tendenza delle persone a identificarsi con forza con prodotti o servizi che consumano, in particolare con nomi di marchi commerciali e evidenti vantaggi per lo status, come una marca di automobili costose o gioielli. È un termine peggiorativo che la maggior parte delle persone nega, avendo qualche scusa o razionalizzazione più specifica per il consumo, a parte l’idea che siano “costretti a consumare”. Una cultura che ha una grande quantità di consumismo è indicata come una cultura del consumatore.

Per coloro che abbracciano l’idea del consumismo, questi prodotti non sono considerati preziosi in sé, ma piuttosto come segnali sociali che consentono loro di identificare persone con idee simili attraverso il consumo e la visualizzazione di prodotti simili. Pochi tuttavia andrebbero così lontano, da ammettere che le loro relazioni con un prodotto o un marchio potrebbero essere sostitutive di sane relazioni umane che a volte mancano in una società moderna disfunzionale.

Il consumo di spicco del termine più antico descriveva gli Stati Uniti negli anni ’60, ma fu presto collegato a dibattiti più ampi sull’influenza dei media, sul blocco della cultura e sul suo corollario produttivismo.

Il termine e il concetto di consumo cospicuo hanno avuto origine all’inizio del XX secolo nella scrittura dell’economista Thorstein Veblen. Il termine descrive una forma apparentemente irrazionale e confondente di comportamento economico. La severa proposta di Veblen secondo cui questo consumo non necessario è una forma di visualizzazione dello stato è fatta in osservazioni oscure e umoristiche come la seguente:

È vero che l’abbigliamento è persino più elevato di molti altri oggetti di consumo, che le persone subiranno un grado molto elevato di privazione delle comodità o delle necessità della vita per permettersi ciò che è considerato una quantità decente di consumo dispendioso; così che non è affatto un evento raro, in un clima inclemente, che le persone si ammalino per apparire ben vestite.

L’avvento del neocapitalismo negli ultimi anni Cinquanta genera in Pasolini una crisi profonda. Negli Scritti corsari (1975) è la denuncia della rivoluzione antropologica originata dal potere consumistico transnazionale, della cultura di massa direttamente legata al consumo, della sostituzione della cultura interclassista a quella di classe, dell’adozione esistenziale di nuovi valori consumistici violentatori delle coscienze da parte dei ceti medi, della fine della religiosità della campagna, del crollo del potere della Chiesa per opera del consumismo, della libertà sessuale ufficiale in funzione dell’edonismo, della nuova strada intrapresa dai nemici del popolo (Cia , DC, Rusconi, Monti etc.), del nuovo fascismo più pericoloso del primo etc.

La nostra economia enormemente produttiva richiede che noi facciamo del consumo il nostro stile di vita, che convertiamo l’acquisto e l’uso dei beni in rituali, che cerchiamo la nostra soddisfazione spirituale e la nostra soddisfazione dell’ego nel consumo. Abbiamo bisogno di cose consumate, bruciate, consumate, sostituite e scartate a un ritmo sempre crescente.

Secondo gli archeologi, sono state trovate prove di un cospicuo consumo fino a diversi millenni fa, il che suggerisce che tale comportamento sia inerente all’uomo.

Consumismo e pubblicità
Gli anti-consumisti credono che la pubblicità abbia un ruolo enorme nella vita umana, informando i valori e le ipotesi del sistema culturale, ritenendo accettabile e determinando gli standard sociali. Dichiarano che le pubblicità creano un mondo iper-reale in cui le merci appaiono come la chiave per assicurare la felicità. Gli anti-consumisti citano studi che ritengono che le persone credano che la loro qualità della vita migliori in relazione ai valori sociali che esulano dalla capacità del mercato. Pertanto, la pubblicità cerca di equiparare il sociale al materiale utilizzando immagini e slogan per collegare le merci con le vere fonti della felicità umana, come relazioni significative. Le pubblicità sono quindi un danno per la società perché dicono ai consumatori che l’accumulo di un numero sempre maggiore di proprietà li avvicinerà all’autorealizzazione o al concetto di un essere completo e sicuro. “Il messaggio di fondo è che possedere questi prodotti migliorerà la nostra immagine e garantirà la nostra popolarità con gli altri”. E mentre la pubblicità promette che un prodotto renderà felice il consumatore, la pubblicità allo stesso tempo dipende dal fatto che il consumatore non sia mai veramente felice, poiché il consumatore non sentirà più il bisogno di consumare prodotti inutili.

Gli anti-consumisti affermano che in una società consumista, le immagini pubblicitarie disempower e oggettivizzano il consumatore. Sottolineando il potere individuale, la scelta e il desiderio, la pubblicità implica erroneamente che il controllo ricada sul consumatore. Poiché gli anti-consumisti credono che le materie prime forniscano solo gratificazioni a breve termine, tolgono loro una società felicemente sostenibile. Inoltre, gli inserzionisti hanno fatto ricorso a nuove tecniche per attirare l’attenzione, come la maggiore velocità di annunci e posizionamenti di prodotti. In questo modo, gli spot pubblicitari si infiltrano nella società consumistica e diventano una parte inestricabile della cultura. Gli anti-consumisti condannano la pubblicità perché costruisce un mondo simulato che offre ai consumatori l’evasione fantastica, piuttosto che riflettere la realtà effettiva. Sostengono inoltre che le pubblicità descrivono gli interessi e gli stili di vita dell’élite come naturali; coltivando un profondo senso di inadeguatezza tra gli spettatori. Denunciano l’uso di bellissime modelle perché incantano la merce oltre la portata dell’individuo medio.

In un segmento di opinione della rivista New Scientist pubblicato nell’agosto 2009, il reporter Andy Coghlan ha citato William Rees dell’Università della British Columbia e l’epidemiologo Warren Hern dell’Università del Colorado a Boulder, dicendo che gli esseri umani, nonostante si considerino pensatori civilizzati, sono ” subcoscientemente guidato da un impulso alla sopravvivenza, al dominio e all’espansione … un impulso che ora trova espressione nell’idea che l’inesorabile crescita economica è la risposta a tutto e, dato il tempo, ridurrà tutte le disuguaglianze esistenti nel mondo. ” Secondo le cifre presentate da Rees all’incontro annuale della Società ecologica americana, la società umana è in un “superamento globale”, consumando il 30% in più di materiale di quanto sia sostenibile dalle risorse del mondo. Rees ha proseguito affermando che attualmente 85 paesi stanno superando le loro “bio-capacità” interne e compensano la loro mancanza di materiale locale esaurendo le scorte di altri paesi.

Alternative ai concetti economici tradizionali
Nel corso dei secoli, vari movimenti hanno cercato di modellare alternative al consumismo pur restando nella società capitalista. Le comunità intenzionali forniscono un esempio di questo, così come gli ordini monastici, i movimenti di baratto e la condivisione di guida tecnologica oi meccanismi di scambio. Ad esempio, una comunità intenzionale chiamata Bruderhof ha un sistema di condivisione all’interno della comunità e non viene utilizzato denaro dai membri. Il Bruderhof gestisce un’impresa manifatturiera di successo che gli consente di commerciare nella società capitalistica, ma senza che i membri si abbandonino al consumismo.

Tali nozioni anti-consumistiche e anticapitalistiche non sono prive di detrattori. Nuovo pensiero e teoria hanno stimolato i movimenti per alterare il clima economico mondiale. I movimenti verdi e alcuni altri pensatori sono contrari al focus messo sull’economia. Il bisogno di terminologia ha creato idee familiari come la capacità di carico e l’impronta ecologica.

David Ricardo, un primo economista, aveva idee che affermano la finitudine della crescita, piuttosto che il contrario; le sue idee erano simili a quelle di Mark Twain, quando disse “Compra terra, non ce la fanno più”. Per la logica ricardiana, la terra era un fattore limitante.

Aspetti economici
Il consumo è un calo della spesa dei consumatori in risposta a determinati eventi o situazioni, come prezzi eccessivi, paura del futuro (ad esempio a fronte di un aumento del tasso di disoccupazione) o incertezza sulla qualità delle offerte (ad esempio a causa di uno scandalo alimentare ). Inoltre, la deflazione può portare al consumismo, poiché i consumatori si aspettano in futuro un calo dei prezzi e quindi posticipano gli acquisti. Può esserci una spirale deflazionistica.

Alcuni aderenti alla filosofia economica austriaca difendono il consumismo a causa del suo effetto di contribuire alla “schiavitù del debito”. I sostenitori dell’economia austriaca si concentrano sull’imprenditore, promuovendo uno stile di vita produttivo piuttosto che materialistico in cui l’individuo è definito dalle cose e non da se stesso.

Aspetti commerciali
Con il cambiamento tecnologico nella raccolta di informazioni, l’accresciuta attenzione dei media sulle attività commerciali sospette e, in definitiva, il crescente interesse dei consumatori per gli aspetti sociali, etici e ambientali dell’economia, affrontando la negazione dei consumatori è diventato sempre più importante per le imprese.

Una forma speciale è il boicottaggio. Questo può essere diretto contro un singolo prodotto, un marchio o un’intera azienda. In passato, Burger King e McDonald’s sono stati criticati per il confezionamento di polistirolo dannoso per l’ambiente, l’affare Brent Spar è stato presentato al gruppo Shell a metà degli anni ’90. L’esempio più recente è la critica di Greenpeace all’uso di mangimi geneticamente modificati per la produzione di prodotti caseari di Müller. I suoi prodotti sono indicati come “latte genico” e indurranno sicuramente alcuni clienti a gestire prodotti concorrenti.

Altre critiche alle aziende hanno recentemente portato alla deliberata elusione dell’acquisto di prodotti da singoli produttori, ma non necessariamente a rinunciare allo stesso. Pertanto, anche il gioco per PC “Spore” è stato spesso percepito dai critici come misure di DRM ingiuste illegalmente su Internet.

Manifestazioni pratiche
Il fenomeno della negazione del consumo esiste in vari gradi, come la moderazione del consumatore, le restrizioni del consumatore e persino la negazione del consumo. La forza della reattanza dipende dalla gravità della minaccia, dalla limitazione o dall’importanza della libertà individuale.

Gli effetti possono essere limitati agli effetti mentali, ma hanno anche effetti sull’habitus del consumatore. In generale, gli effetti mentali causano cambiamenti nell’atteggiamento e nell’attrattiva a discapito del soggetto della reattanza. La libertà o opinione personale sperimenta quindi una maggiore importanza e un apprezzamento interno da parte del consumatore, solitamente accompagnato da un deterioramento delle immagini del fornitore. Oltre a evitare gli effetti comportamentali della società può verificarsi con sufficiente forza della reattanza sotto forma di pubblicità negativa bocca, resistenza e proteste.

La grande varietà di prodotti e le offerte a malapena trasparenti possono travolgere i clienti. Questo può anche portare a restrizioni del consumo, che poi, tuttavia, si svolge inconsciamente e quindi non rappresenta più una negazione del consumo “reale” (consapevole, intenzionale).

Critica
Molti hanno accusato gli anti-consumisti di opporsi alla modernità o all’utilitarismo. I critici di destra vedono l’anti-consumismo come radicato nel socialismo. Nel 1999, la rivista di destra libertaria Reason ha attaccato l’anti-consumismo, sostenendo che gli accademici marxisti si stanno riconfezionando come anti-consumisti. James B. Twitchell, professore all’Università della Florida e scrittore popolare, si riferiva a argomenti anti-consumistici come “Marxismo Lite”.

Ci sono anche stati critici socialisti dell’anti-consumismo che lo vedono come una forma di “socialismo reazionario” anti-moderno e affermano che l’anti-consumismo è stato adottato anche da ultra-conservatori e fascisti.

Nei media popolari
In Fight Club, il protagonista, si ritrova a partecipare a atti terroristici contro la società aziendale e la cultura del consumatore.

In Mr. Robot, Elliot Anderson, un giovane ingegnere della sicurezza informatica, si unisce a un gruppo di hacker noto come fsociety, che mira a far crollare l’economia americana, eliminando ogni debito.

Nel romanzo American Psycho di Bret Easton Ellis, il protagonista Patrick Bateman critica la società consumista d’America negli anni ’80, di cui è una personificazione. Più tardi si scatena in una follia omicida senza alcuna conseguenza, suggerendo che le persone intorno a lui sono così assorte e concentrate sul consumo che non vedono o non si preoccupano dei suoi atti.

anticonsumismoultima modifica: 2020-12-24T09:14:08+01:00da fab_kl
Post Categories: #CONSUMISMO NUOVA RELIGIONE, #Direzionamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.