La Sinistra o sarà anticonsumista o non sarà affatto

consumismo-21

consumismo-21

Che senso ha parlare di sostenibilità se non si ha il coraggio di dire che consumiamo troppo?
Non si può coniugare nella stessa casa la morale del servo e quella del signore, il rapporto che lega l’una all’altra è un rapporto dialettico, conflittuale, in costante riequilibrio e in constante opposizione.
Spetta anche alla sinistra, scegliere una delle due parti e immaginare il mondo in conseguenza di quella scelta.

Che senso ha l’espressione eco-socialismo? la sinistra deve fornire proposte alternative che siano concrete nel mondo reale, e che siano fuori dal circuito del mercato.

Negli ultimi decenni la strategia adottata per far confluire nel capitalismo esasperato anche i proletari più convinti, è stata quella di introdurre gradualmente il concetto che “la tutela del proletariato significa tutela dei lavoratori” per poi passare a  “la tutela dei lavoratori significa il benessere dei lavoratori” e quindi identificare “il benessere significa consumo”. Grazie a questi passaggi, si è giunti – in maniera inconsapevole ed indolore – alla conclusione che il consumismo sia la versione moderna del del comunismo ed a sostegno di ciò viene quasi sempre sbandierato che se DIMINUISCONO I CONSUMI AUMENTANO I LICENZIAMENTI con questo vengono zittiti tutti coloro che non identificano il consumismo come la religione di base della vita evoluta e tecnologica.

A questa versione hanno aderito tutti i sinistroidi (coloro che si ritengono di sinistra ma in realtà fanno gli interessi degli USA) senza rendersi conto che erano stati trasformati in schiavi le cui catene erano costituite dalle rate dei prestiti per l’auto, la casa, le vacanze, le ristrutturazioni…… e per questi motivi non potevano rifiuarsi di lavorare.

Tutto ciò sembra ben distante dal LAVORO NOBILITA L’UOMO che fino al secolo scorso veniva propinato ai lavoratori da parte di coloro che non lavoravano. Ma ormai nessuno se ne accorge.

Nessuno si accorge neppure dell’assurdità di come la parola “sostenibile” venga utilizzata per vaccinare preventivamente ogni proposta di cambiamento in maniera di predisporre benevolmente la platea ormai lobotomizzata e che crede si possa ridurre clima-copertinal’inquinamento cliccando “like” alla pagina della bambina svedese o facendo centinaia di chilometri in treno o aereo per partecipare alla marcia per il futuro del mondo, sventolando bandiere, striscioni e cartelli che poi finiranno nell’immondizia che qualcuno dovrà raccogliere e smaltire. Certamente non sono queste manifestazioni ad inquinare il mondo ma deve far pensare come ormai si sia arrivati al punto di PROTESTARE senza sapere esattamente per cosa si sta protestando o senza avere alcuna idea precisa o proposta concreta da portare avanti per risolvere un problema. Incapaci anche solo di immaginare una forma di protesta coerente con la lotta per la difesa dell’ambiente.Per partecipare ad una manifestazione bisognerebbe avere ben chiaro ciò per cui si sta manifestando, cosa si vorrebbe cambiare e come cambiarlo. E ciò dovrebbe essere ben radicato nelle convinzioni al punto da portare a compiere viaggi e sprecare giornate.

Forse qualcuno degli ecologisti che partecipa ha manifgestato l’idea di ridurre i consumi? Al massimo viene invocato il RICICLAGGIO e la DIFFERENZIATA

NON BISOGNA RICICLARE ma riutilizzare!!

Il processo di riciclaggio infatti consuma energia (raccolta, separazione, trasporto, riutilizzo…) ed inquina (il lavaggio della carta da macero usa acidi fortissimi difficili da smaltire).

Inoltre nel 70% dei casi, la materie prime riciclate vengono utilizzate per la creazione di oggetti INUTILI che ben presto torneranno immondizia e reiniziando così il ciclo inquinante. Ecco quindi che LA DIFFERENZIATA farà cadere il limite naturale dell’inquinamento che si ritiene legato al termine delle risorse disponibili. Quel termine che – quando avverrà – avrebbe dovuto far cessare o fortemente diminuire l’inquinamento dato che una volta finite le risorse disponibili in natura, per forza di cose l’uomo dovrebbe terminare di inquinare. Ma l’uomo è riuscito con il riciclaggio a spostare più in la questo termine e continuerà ad inquinare anche quando le risorse naturali saranno terminate. Non c’è salvezza per il pianeta.

 

La Sinistra o sarà anticonsumista o non sarà affattoultima modifica: 2019-05-15T15:19:37+02:00da fab_kl
Post Categories: CONSUMISMO NUOVA RELIGIONE, Direzionamento di massa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.