Bonus cultura per calendari con cani che cagano

bonus cultura

IL GOVERNO SOVVENZIONA L’ACQUISTO DI CALENDARI CON FOTO DI CANI CHE CAGANO


bonus culturaAvreste mai pensato che i soldi delle tasse potessero essere destinati dal governo all’acquisto di CALENDARI con foto di cani che defecano? Chi crede che il governo abbia una decenza si sbaglia. Su amazon (ma anche altrove) si possono acquistare addirittura utilizzando il BONUS CULTURA O LA CARTA DEL DOCENTE. Per verificare basta andare qui

Mi piacerebbe sentire PSICOLOGI e PSICHIATRI parlare del FETICISMO latente presente in quei padroni che usano i loro cani per andare in giro a far defecare ed orinare ovunque il loro cane

Schermata a 2020-10-22 12-15-52Il feticiscmo è una perversione sessuale e non è escludibile che, magari inconsciamente, tutti coloro che provano piacere portando il cane a fare i bisogni ne traggano un appagamento simil sessuale.

Questo probabilmente spiegherebbe il motivo per cui nessuno ha mai provato ad immaginare di lavorare a questo aspetto anti-igienico dei cani: quello che il cane debba defecare per strada è un dogma! Non si spiega altrimenti il controsenso di considerare il cane intelligentissimo ed al tempo stesso mentre ci sono scuole, addestratori che insegnano ai cani a fare di tutto (accompagnare ciechi, recuperare e soccorrere persone sepolte ecc…. ) mai nessuno si sia mai preoccupato di insegnare al cane ad usare il bagno e nessun architetto abbia pensato di predisporre gli appartamenti extra-lusso con uno spazio igienico per il cane.

 

popo4La stragrande maggioranza dei padroni non si priverebbe mai del piacere di andare in giro per la città spargendo escrementi solidi e liquidi, e probabilmente trovano il maggior appagamento raccogliendo con le mani le feci ancora calde del loro “tesoruccio”. Se cosi non fosse avrebbero certamente adottato altre misure simili in qualche modo a quelle cui sono obbligati i vetturini (una sacca fissata al posteriore del loro cavallo raccoglie gli escrementi) e che già esistono sul mercato come ad esempio i PANNOLINI PER CANISchermata a 2020-10-22 12-36-29.
La conferma dell’esistenza diffusa del feticismo latente quale effetto di una propaganda avviata fin dall’infanzia e capillarmente diffusa nelle case, ci viene (come tutte le cazzate dell’attuale società)  dal mondo anglosassone, dove sono già in vendita OGGETTI RAPPRESENTANTI CANI CHE DEFECANO (tutti visibili qui). Al primo posto tra gli oggetti più venduti ci sono I CALENDARI, ma non mancano gli articoli per AVVICINARE I BAMBINI al #feticismo #animalista come i LIBRI DA COLORARE

Schermata a 2020-10-22 12-11-30MA la cosa più assurda sta nel fatto che IL GOVERNO FORNISCA SOVVENZIONI STATALI PER L’ACQUISTO DI CALENDARI CON FOTO DI CANI CHE CAGANO Questo rende bene l’idea della sudditanza governativa italiana nei confronti delle lobby animaliste (e angloamericane in generale) e della loro propaganda attuata per divenire sempre più potenti e poter influenzare le decisioni politiche.

Il piano inclinato verso il quale stiamo scivolando non permette di immaginare una società nella quale il valore delle persone sia eccelso bensi dobbiamo aspettarci una società sempre più aderente al comportamento ed al pensiero canino (in realtà istinto). Se tanto mi da tanto…… gli uomini ma anche le donne saranno sempre più abituati a comportamenti da cani come quello di saltare addosso ad una femmina in calore senza chiedere il permesso, dopo aver fatto la con altri simili arrivati prima. Se tanto mi da tanto…… Altre persone troveranno sempre più difficile districarsi tra i sentimenti dopo essere cresciuti in una convivenza bambino animale talmente spinta da non trovare obiezioni ad esercitare attività sessuale con il loro tanto amato cane (ed il fenomeno è già in aumento esponenziale)

Se tanto mi da tanto ……


bonus cultura

Bonus cultura per calendari con cani che caganoultima modifica: 2020-10-22T11:43:28+02:00da fab_kl
Post Categories: #Belpensiero, #Direzionamenti
Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.