POTERE A CHI LAVORA

morti-sul-lavoro-difesa
CHI HA DICHIARATO DI PIÙ RICEVERÀ DI PIÙ !!!

Con la scusa di evitare che siano elargiti soldi a chi ha evaso le tasse, gli aiuti di stato più sostanziosi andranno a chi dichiarava alti fatturati e poteva girare in Porsche o Ferrari mentre i piccoli imprenditori riceveranno pochissimo e chiuderanno: della serie COME FARE GLI INTERESSI DEI GROSSI GRUPPI…(vedi Autogrill dei Benetton).

PIU SOLDI A CHI LAVORA E RISCHIA IL CONTAGIO
Non sta né in cielo né in terra che chi sta a casa debba prendere soldi e chi lavora e rischia il contagio sia considerato un fortunato e sia pagato come prima magari ricevendo insulti per invidia……
BASTA VIZIATI
POTERE A CHI LAVORApotere a chi lavora

Lo Stato e gli imprenditori devono DARE I SOLDI A CHI VA A LAVORARE RISCHIANDO IL CONTAGIO E NON A CHI STA A CASA!!!

In questi giorni TV radio e giornali, parlando solo dei poveri ristoratori che non potranno fare soldi a palate come lo scorso anno (sulle spalle dei lavoratori), sono riusciti ad inculcare l’assurdo nelle menti delle persone. L’assurdo è rappresentato dal dare più soldi a chi dichiarava di più (quindi più ricco) e meno soldi a chi dichiarava di meno (quindi più povero, fino a prova contraria), ed i soldi vengono dati a chi sta a casa mentre chi va a lavorare spesso guadagna meno di coloro che lo stato rimpingua per stare a casa.


proletariato PNGSe esiste una sinistra proletaria questo è il momento di fare sentire la voce dei lavoratori VERI e non solo quella di imprenditori,  architetti, avvocati, dentisti, ingegneri ecc. tutti CAMUFFATI DA PARTITE IVA.

L’opinione pubblica è stata impietosita nei confronti di gente che ricarica una bottiglia di vino del 1000% e gira in Porsche. Queste persone saranno destinatarie di soldi a fondo perduto mentre se ne stanranno comodamente a casa. Nello stesso tempo chi guida un autobus RISCHIA IL CONTAGIO E NON RICEVE LA MINIMA INDENNITÀ DI RISCHIO.

Secondo una logica che viene spacciata per corretta, lo Stato – per evitare di dare i soldi agli evasori – dovrebbe dare fondi in base al guadagno dell’anno scorso; come dire che chi girava in Ferrari perché aveva una catena di ristoranti (o gli autogrill dei Benetton), lo stato gli garantirà di poter continuare a girare in Ferrari senza che il povero imprenditore vada ad intaccare i suoi risparmi!!!!!
Ci rendiamo conto dell’assurdità?

In un paese che si reputa civile e di sinistra, COLORO CHE RISCHIANO IL CONTAGIO per andare a lavorare ed assicurare servizi come luce, gas, acqua, sicurezza, trasporti, sanità ecc. dovrebbero ricevere un aumento di stipendio che compensi il rischio di essere contagiati mortalmente…. In questo bel paese ormai abituato all’assurdo, invece, vengono dati SOLDI A FONDO PERDUTO a ricchi imprenditori, sulla base del profitto da loro ottenuto lo scorso e non, casomai, in base al patrimonio che possiedono.

Lo stato è stato così trasformato in un’assicurazione a garanzia del tenore di vita di chi ha i soldi. Ma l’imprenditore sa che esiste il rischio di impresa che giustifica il ricarico delle merci molto più del 100% che abitualmente applica e che a volte raggiunge anche il 1.000% basti pensare a quanto viene rivenduta in un ristorante una bottiglia di vino da 5 euro o una pizza il cui costo è di pochi centesimi di acqua e farina.

quadroQuello che i media ci stanno ripetendo da giorni e giorni e giorni e giorni è unicamente il mantra: se i ristoranti devono stare chiusi, lo Stato gli deve dare soldi. La discussione verte solo sul quanto dargli, lasciando cosi subdolamente sdoganare il principio che IL COMPITO DELLO STATO SAREBBE QUELLO DI GARANTIRE IL PROFITTO.
Al tempo stesso chi deve uscire di casa per andare a lavorare VIENE TRATTATO DA FORTUNATO perché ha la possibilità di lavorare e spesso offeso dalla massa per avere uno stipendio fisso o lavorare per lo stato.

Nessun TG si preoccupa dell’autista dell’autobus o del pompiere o dell’elettricista o del benzinaio che escono di casa rischiando non solo il contagio ma anche di riportare il virus in famiglia.
TG e media lasciano intendere e presentano come “fortunato” colui che ogni giorno esce per guidare l’autobus e far cosi arrivare i camerieri al ristorante in maniera che rischiando il contagio facciano GUADAGNARE SOLDI AI POVERI PADRONI DI RISTORANTI ma che c**** di discorso è

Lo stato deve garantire PRIORITARIAMENTE la salute dei cittadini e non il profitto.

I ristoratori – e tutti gli altri – vorrebbero che i loro camerieri e personale vario (ma anche chi consegna le merci, le lavanderie, ditte di pulizia…) tutti rischiassero il contagio per PERMETTERE AI PADRONI DI CONTINUARE A GUADAGNARE !!!

UNA SINISTRA CHE NON STESSE AL SERVIZIO DEL CAPITALE MA DEI LAVORATORI avrebbe già organizzato uno SCIOPERO per chiedere una INDENNITÀ DI RISCHIO a favore di chi è chiamato ad uscire di casa (con il rischio di riportare il virus in famiglia) per far funzionare servizi utili alla collettività e dai quali non ricava niente.morti-sul-lavoro-difesa

Per il signor Conte l’importante è garantire il mantenimento delle caste ed è abominevole che le tasse degli italiani sono impiegate in questa direzione.

CHI VOLEVA FARE LA RIVOLUZIONE NON AVRÀ ALTRA OCCASIONE MIGLIORE DI QUESTA PER AVVICINARE I LAVORATORI AL CAPITALE.

I LAVORATORI SONO GENTE CHE RISCHIA E NON FORTUNATI PER AVERE UN LAVORO

La spinta alla crescita e la competizione esasperata nel mercato liberista spinge gli imprenditori ad investire senza tenere conto delle necessarie RISERVE da accantonare per periodi non floridi.
Adesso che la crisi è arrivata (come spesso avviene) le cicale liberiste pretendono aiuto dallo stato, verso il quale, tranne rari casi, hanno sempre tenuto un atteggiamento dove fatto di tutto per non pagare le tasse o pagarne il meno possibile.

E lo stato cosa fa? Senza ricordarsi della storia della cicala e della formica, distribuisce soldi.
Ci sarebbe da dire: Hai voluto il liberismo? Il libero mercato prevede che le crisi servono a ripulire il mercato dalle imprese marginali rafforzando così quelle più sane.
Lo stato non è un’assicurazione contro i mancati guadagni.

POTERE A CHI LAVORAultima modifica: 2020-10-31T12:40:29+01:00da fab_kl
Post Categories: #CONSUMISMO NUOVA RELIGIONE, #Direzionamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.