Gli psicologi al servizio del consumismo

Photo_1622184096337

Quando si perde il diritto ad essere aiutati anche psicologicamente si diventa prede del mercato farmaceutico che ha una pillola per ogni problema, e se i problemi non li hai te li crea. Ed


Diceva Bauman che laddove la società sempre più liquida perde radici, tradizioni, paradigmi culturali, chi non riesce ad omologarsi cerca disperatamente un’identità sociale riconosciuta, sia essa una setta, una bandiera o un logo colorato, in cui identificarsi pur di sentirsi parte di qualcosa.

I nostri bistrattati giovani, gli adolescenti che sempre in numero maggiore presentano depressione, disturbi della personalità, atti di autolesionismo, dove sono stati rinchiusi in questo lunghissimo periodo di lockdown? Nei social, e lì hanno cercato la propria identità.

Molti psichiatri e neuropsichiatri infantili stanno rilevando che oggi i ragazzi in terapia non sono alla ricerca di un aiuto all’introspezione, non cercano la forza di affrontare nuovi riti di passaggio per emanciparsi dalla famiglia e accedere alla realizzazione del sé.

No, da due anni questi ragazzi concentrano sempre più numerosi il proprio disagio nell’identità ssessuale.

È il non sapere di che sesso sei, il trend del momento. Poiché lo stigma etero allontana dai “gruppi più fighi”, con il pericolo di essere isolati come omofobi, questi giovani frequentano gruppi social in cui si discute esclusivamente di sesso incerto, a-sessualità, in cui lo stesso desiderio erotico viene colpevolizzato, poiché caratterizza un’identità sessuale definita. Il tutto ammantato di scientificità inesistente ma sopratutto di un ultraromanticismo ormai padrone del pensiero dominante che ha totalmente sconfitto – come già avvenuto in passato – quell’illuminismo razionale ben capace di vedere la realtà che si presenta dinnanzi agli occhi senza alcun bisogno di occhiali culturali che ne traducano ogni aspetto.

La proliferazione indefinita delle categorie di appartenenza sessuale non contempla, infatti, il reale, né si organizza in relazioni sociali. E’ la percezione del sé, come immagine da offrire e imporre agli altri, diventa la corazza, il rifugio, che nessuno deve permettersi di mettere in discussione. È un diritto. Un diritto civile e come tale non deve incontrare ostacoli o incertezze, è libertà.

Alla domanda degli psicologi e degli psicoanalisti se hanno mai frequentato gruppi gender fuori dai social, la quasi totalità risponde negativamente. Non sono usciti dai social, perché sono i social, i gruppi virtuali, che hanno permesso loro di potersi nascondere dietro un avatar e ottenere il riconoscimento identitario negato altrove, in una nuova dinamica sociologica di trasgressione dalle norme e dalle regole, sempre ben presente e necessaria alla realizzazione dell’originalità del proprio carattere e della propria personalità.

A guardare bene si trovano molti punti in comune con quei cantanti e rockstar che, negli anni 80/90 e forse anche dopo, per emergere e diventare famosi hanno puntato sull’omosessualità o sull’ambiguità sessuale per passare avanti ad altri che magari erano bravi musicalmente ma con una personalità standardizzata. E molto spesso la scorciatoia ha funzionato benissimo. La conseguenza più scontata è che molti giovani facciano la stessa scelta, consapevolmenti o meno.

Ma la libertà di essere ciò che si vuole in una società neoliberista significa mettere al primo posto le colorate campagne arcobaleno, finanziate da Amazon e Dolce e Gabbana, a dispetto dei diritti socioeconomici, alla salute, alla vita, al lavoro.

Significa cancellare con un pennarello arcobaleno gli operai Sicobas, Whirlpool, Ex-ilva….. Solo chi indossa occhiali culturali ben spesso, non vede il redirezionamento delle masse dalla lotta di classe alla lotta di genere. Cosa sarebbe oggi la “sinistra” senza le battaglie e gli inginocchiamenti Black lives matters o gli arcobaleni? Ma questo è un altro discorso

 

Le nuove dottrine psico-pedagogiche mettono in secondo piano l’aiutare un individuo a vivere la sua personalità in base al sesso biologico, dando priorità quasi esclusiva alla personalità percepita al momento.
Si tratta di un rovesciamento d’approccio che stravolge la motivazione della psicologia e ne rinnega quei principi scientifici (declamati ma mai dimostrati) facendola diventare una vera e propria religione che rinnega il millenario senso della parola “naturale” pretendendo di sostituirsi al creatore dell’universo e della vita perpetua tramandata millenariamente sul nostro pianeta grazie a meccanismi che la scienza riesce a spiegare solo in parte, e che risultano essere cosi efficaci grazie all”essere  impietosamente autocorrettivi (come forse anche il COVID ci sta dimostrando). Gli eventuali errori che potrebbero mettere in discussione il perpetrarsi della vita vengono corretti attraverso l’evoluzione che vede alla base del suo principio l’eliminazione fisica degli animali meno dotati o la loro mancata riproduzione.
Il mantenimento della specie, come Freud insegna, è l’istinto primario di ogni essere animale e vegetale. Ma questo concetto indiscutibile oggi viene messo in discussione da chi ha come unico interesse quello di sentirsi superiore al creato e alla natura e alle sue leggi “barbare” nelle quali il pesce grosso mangia il pesce piccolo e la cui “messa a norma” sbilancerebbe un equilibrio sistemico i cui risultati sono difficilmente immaginabili nella loro piena drammaticità.
Dove potrebbe portare un simile rovesciamento d’approccio?
come sarà la società che adotterà la prevalenza del volere individuale sulla natura e le sue “barbare” leggi? E’ possibile che si ripeta esattamente quanto è accaduto nell’ecologia con l’inquinamento?
In un passato recente abbiamo presuntuosamente ritenuto che la scienza e le tecnologie fossero superiori alle leggi naturali ed abbiamo sottovalutato le reazioni della natura all’aumento indiscriminato di produzione e consumismo. C’è il rischio che si ripeta l’errore? O forse non è un errore inquinare l’inquinabile.
Che ci sia un’analogia tra rapporto col corpo e rapporto con l’ambiente. Abbiamo fallito sul secondo, possiamo mettere in dubbio le pratiche di ‘normalizzazione’ del primo?Le psicopedagogie moderne sembrano proprio intenzionate a ripetere lo stesso errore. Tra gli psicologi ben indottrinati attraverso le masterizzazioni in paesi USA-UK – sono ben pochi quelli che si pongono la domanda :”La psicologia deve aiutare a rimanere in strada o deve aiutare a imboccare strade diverse.”

Lo stravolgimento deontologico da alcuni anni ritiene che non sia doveroso aiutare un bambino a convivere con il proprio corpo e con il proprio sesso bensì sia dovere principale della psicologia quello di proporre a TUTTI i bambini diverse possibilità di essere maschio tutte in direzione femminile con diverse tonalità tra le quali poter scegliere sulla base del volere genitoriale e della volontà contingente del bambino.

A questo punto – vista la parallela evoluzione riguardo la convivialità delle persone con gli animali domestici ormai ritenuti membri della famiglia – se un bambino o un adolescente e dice di sentirsi “cane” (che molti fanno dormire con i figli ed è evidente il fortissimo rapporto emotivo), la psicologia ritiene di avere il compito di aiutare il bambino a farsi cresce la coda e comunicare abbaiando o dovrà fargli capire che lui è nato con due gambe, due mani e sopratutto la capacità di comunicare ai propri simili pensieri profondi e conoscenze acquisite?

Se questo esempio non risulta sufficiente a smontare l’intera architettura psicopedagogica – colpevole anche di aver puntato sempre piu sull’uguaglianza uomo-animale e spingendo verso una regressione sociale a livello animale dei paesi ritenuti più evoluti – sipossono prendere in considerazione gli atteggiamenti da adottare in psicologia nel caso in cui si presentano adolescenti che vogliono cambiare sesso perché “si sentono brutti o si sentono rifiutati mentre come donna sarebbero più ricercati. Come si comporterebbero gli arcobalenati?

E come si comporterebbero gli psicologi nei confronti di chi alcuni giorni vorrebbe essere donna ed altri uomo?IPER
Gli psicologi al servizio del consumismoultima modifica: 2021-06-26T12:37:55+02:00da fab_kl
Post Categories: #Belpensiero, #CONSUMISMO NUOVA RELIGIONE, #Direzionamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.