Gen 29, 2010 - CONSUMISMO, RELIGIONE    2 Comments

I 13 comandamenti del consumismo

15665816_1360052824036070_331172571137347369_n Questa nuova religione che si intrinseca dentro di noi (e sopratutto negli integralisti laici) e subdolamente dirige ogni nostra azione che compiamo ed ogni nostro stato d’animo giornaliero, ha i suoi comandamenti ben precisi che numericamente sono anche di  piu dei Dieci comandamenti cristiani e che – a guardarsi bene dentro – sono anche ben piu radicati di quelli cristiani.

I 14 COMANDAMENTI DEL CONSUMISMO

I – Non essere tirchio

II – Non risparmiare

III – Non apparire povero

IV – Nuovo e’ sempre migliore di Vecchio

III – Se costa di piu’ significa che e’ migliore

IV – Non riparare, ricompra

V – Non conservare niente. Trova sempre un motivo per buttare

VI – Comprare dà soddisfazione

VI – La moda innanzitutto

IX – Non preoccuparti dei debiti

X – Non pensare al domani

XI – Se lo hanno gli altri devi averlo anche tu

XII – Ogni problema si puo’ risolvere comprando qualcosa di adatto.

XIII I tuoi fallimenti sono dovuti solo al fatto che non hai soldi per comprare gli strumenti necessari.

ma sopratutto:

XIV – I SOLDI SONO FATTI PER ESSERE SPESI

I 13 comandamenti del consumismoultima modifica: 2010-01-29T14:33:00+01:00da fab_kl
Reposta per primo quest’articolo

2 Commenti

  • Il fondamentalismo ateo e’ altrettanto pericoloso, secondo me. Non per questo vado in chiesa ma cerco di evitare preconcetti e di non farmi adepto della nuova religione: il consumismo. Ormai questo concetto economico si applica a tutto inclusi i sentimenti, le istituzioni, la politica… le nuove cattedrali sono i centri commerciali dove si passano le domeniche applicando quello che la pubblicita’ (i nuovi predicatori) ci ha detto di fare.

  • tutti si ostinano a sbandierare il loro ateismo/laicismo – diventando in questo modo niente altro che integralisti laici ed abbracciando la nuova religione: il consumismo. Questa nuova religione, si intrinseca dentro di noi (e sopratutto negli integralisti laici) e subdolamente dirige giornalmente ogni nostra azione che compiamo ed ogni nostro stato d’animo giornaliero, ha i suoi comandamenti ben precisi che numericamente sono anche di piu dei Dieci comandamenti cristiani e che – a guardarsi bene dentro – sono anche ben piu radicati di quelli cristiani. Come le altre, anche questa religione ha i suoi riti che vengono celebrati settimanalmente nelle cattedrali dei centri commerciali dove gli adepti eseguono quello che la televisione/predicatore gli ha raccomandato (o consigliato) di fare. Tornano quindi a casa stressati ma con la soddisfazione interiore di aver concretizzato il motivo per cui lavorano tutta la settimana e con la coscienza a posto per aver soddisfatto una parte dei bisogni indotti la cui non soddisfazione crea sensi di colpa che vanno poi “confessati”. Esattamente la stessa soddisfazione interiore della vecchietta che torna a casa dalla messa domenicale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.