Scelte minori = piu soddisfazione

Barry Schwartz teorizzò nel 2004, sostenendo che l’abbondanza di opzioni di scelta può influire negativamente sulla nostra felicità.
Lo sviluppo tecnologico, l’evoluzione societaria e la diffusione capillare dei social network – che non solo ci offrono infinite possibilità materiali, ma anche infiniti modelli estetici, morali e politici di riferimento – hanno reso sempre più difficile prendere decisioni consapevoli e gratificanti.
Spesso quando abbiamo una scelta minore, siamo più soddisfatti di ciò che ci viene dato.

https://amzn.to/2WV1rXu

La visione della realtà che emerge dal provvedimento della regione Lazio con il quale ha diramato una serie di linee guida pro gender da applicare nelle scuole, affonda le sue radici nel #consumismo ed in quell’egoismo insito che mira ad eliminare le rinunce conseguenti alle scelte.
Lo ritroviamo pari pari nel nuovo modo di educare i bambini e quindi di mostrar loro la vita. Nel passato un bambino sceglieva ad esempio un solo regalo a Natale, differentemente dall’infinita lista di desideri di oggi (una lista di nozze impallidirebbe al riguardo). Sceglieva sapendo che una volta fatta la scelta, c’era qualcosa a cui rinunciava. Optava quindi per quello che voleva di più e da più da tempo; oggi vuole quello e quell’altro, conscio che probabilmente riceverà entrambi.

Un bambino nella nostra società non fa nemmeno più delle scelte, viene anticipato addirittura nei suoi desideri, non deve nemmeno chiedere, nè sforzarsi di fare più di tanto capricci; ha un esercito di nonne, zii, cugini, vicini, colleghi di lavoro dei genitori, amici-zii, genitori che lo ingozzano di desideri esauditi. E in mezzo a questa grande abbuffata il suo desiderio non solo scema, ma perde di intensità. Si abitua, cosa peggiore, a pretendere di poter avere sempre tutto, ignaro completamente di alcuni concetti basici dell’essere al mondo: rinuncia, sacrificio, attesa. Anzi proprio a causa delle “rinunce ” e dei “sacrifici” dei genitori, che tanto li rinfacciano e che poi per paradosso usano come motivo per ingozzarlo, lui ha perso la facoltà di decidere. Quando si ritrova costretto a farlo si sente perso; non ha costruito punti di riferimento interni, mentre quelli esterni sono effimeri ed eccessivi.
Il travaso dal mondo dei giocattoli a quello della sessualità è la logica continuazione di una pedagogia che giunge ad affrontare i temi dell’adolescenza dopo aver seppellito quelli del bambino.

#terrapiattistisessuali

Scelte minori = piu soddisfazioneultima modifica: 2021-05-19T17:48:24+02:00da fab_kl
Post Categories: #Direzionamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.