Ago 14, 2008 - CONSUMISMO, opinioni    2 Comments

Agosto: il nostro Ramadan

Città deserte,  fabbriche ed uffici chiusi, negozi vuoti ricordano il ramadan dei paesi musulmani durante il quale di giorno non avviene niente.

Ed in effetti, pensandoci bene, anche da noi il mese di agosto è dedicato quasi obbligatoriamente alla celebrazione di uno dei principali riti (la vacanza) di quella che è diventata la nuova religione: il consumismo.

Come le altre, anche questa religione ha i suoi riti che vengono celebrati settimanalmente nelle cattedrali dei centri commerciali dove gli adepti eseguono quello che la televisione/predicatore gli ha raccomandato (o consigliato) di fare. Tornano quindi a casa stressati  ma con la soddisfazione interiore di aver concretizzato il motivo per cui lavorano tutta la settimana e con la coscienza a posto per aver soddisfatto una parte dei bisogni indotti la cui non soddisfazione crea sensi di colpa  che vanno poi “confessati”. Esattamente la stessa soddisfazione interiore  della vecchietta che torna a casa dalla messa domenicale.   

Come le altre anche questa religione permea gran parte di ogni nostra considerazione quotidiana e gran parte delle nostre azioni. Qualcuno ha scritto “… in Italia l’occupazione maggiore è consumare e la preoccupazione maggiore è non avere qualcosa da consumare….”

Come le altre ha i  suoi comandamenti ed i suoi riti ed i  suoi periodi di massima celebrazione durante i quali le attività principali della giornata devono essere rivolte alle principali regole della religione stessa. Uno di essi è il mese di agosto dove il “ferragosto” dell’impero romano viene oggi trasformato e diventa il culmine di un periodo nel quale bisogna dedicarsi esclusivamente al divertimento ed ai consumi, facendo il possibile affinchè questi vadano ben oltre le proprie possibilità economiche: tanto ci sono i finanziamenti, validi anche per coloro che non hanno seguito alla virgola le regole e, per il fatto di aver  già consumato senza aspettare il momento prescritto, questa sarà la loro punizione.

In questo mese tutto o gran parte si fermerà, compreso il nostro governo.  Esattamente come succede durante il ramadan musulmano, tanto criticato sotto molti punti di vista. Eppure non è nient’altro che un rito di una religione diversa (molto simile alle nostre cure dimagranti).

In tutto ciò non vi è niente di male. L’unico aspetto comico è che gran parte degli italiani sono convinti di essere laici/atei, mentre grazie al massiccio lavaggio del cervello, professano un’altra religione senza accorgersene minimamente. L’unica differenza con le altre religioni, consiste nel modo di dirigere le vite degli adepti:  mentre le altre dirigono le vite promettendo una gratifica che avverrà dopo la morte, il consumismo promette una gratifica immediata. Questa è la novità della religione/consumismo: NON PENSARE AL DOMANI.

Spero i musulmani mi scuseranno per l’utilizzo del loro termine religioso che credo di aver fatto senza offesa ed a fin di bene.

Agosto: il nostro Ramadanultima modifica: 2008-08-14T06:25:00+00:00da fab_kl

2 Commenti

  • La vita è un viaggio breve – scrisse Freeman -. Come puoi essere sicuro di averla riempita con il maggior divertimento possibile

    non c’è niente di piu consumistico, egoistico ed infantile di una concezione tale della vita. Una frustrazione continua fino all’ultimo respiro

  • L’integralismo LAICO e’ piu’ dannoso dell’integralismo religioso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.

*