Pedagogia consumista

Uno dei principi basilari delle nuove pedagogie applicate a partire dagli anni 80, identifica come dannosissimo il fatto di cercare che i figli assomiglino ai propri genitori. Questo bel pensiero, tipico di coloro che vogliono apparire altruisti e disinteressati, è a mio giudizio la causa del principale errore alla base della disgregazione sociale e dell’individualismo consumista. La natura infatti ha fatto in modo che GENETICAMENTE il figlio abbia tratti somatici e carattere dei genitori: CI SARA UN PERCHÉ !! Il perché sta nella possibilità di evoluzione che Darwin ci ha spiegato.

Non è lecito ritenersi presuntuosamentemente superiori alla natura al punto di andare contro quelle leggi che hanno permesso la vita e l’evoluzione umana.
Sforzarsi di non trasmettere il proprio carattere o evitare di indirizzare i figli – come fanno molti genitori – serve solo a disorientare i figli e scaricare su di loro responsabilità genitoriali. >Troppo Comodo!

Ma il problema più importante è il mancato trasferimento dell’esperienza che porterà facilmente i giovani a ripetere gli stessi errori dei genitori, che avrebbero potuto evitare se avessero utilizzando l’esperienza trasmessa dai genitori e sarebbero quindi “partiti avvantaggiati” grazie alle soluzioni tramandate.

Le conseguenze però non sono solo individuali. Dal punto di vista sociale, l’applicazione di massa di questo principio, aumenta la frattura dovuta al salto generazionale aumentando ulteriormente la distanza dovuta al mutare dei tempi. Anche (o sopratutto) dal punto di vista economico l’effetto è veramente dannoso, e tutto a vantaggio delle banche. Sparpagliando le famiglie infatti si eliminano quei presupposti di solidarietà e di mutua assistenza utilissimi a superare momenti di crisi che possono presentarsi per chiunque e obbligando in quei casi a ricorrere ALLE BANCHE o anche a strozzini.

Non dimentichiamo poi che le statistiche riferiscono che circa 80% delle società commerciali fallisce nel momento del passaggio agli eredi.

Ma cosa sta alla base della diffusione di questo modo di crescere i figli esaltando il conflitto e non l’uguaglianza? Come è stato possibile diffondere nel mondo un pensiero dominante di questo tipo? Molto è dovuto agli effetti di una convenzione ONU che essendo adottata mondialmente vede gli cui effetti si sparsi a pioggia in ogni ambito ed obbliga gli stati ad intervenire in un unica direzione: la Convenzione ONU sui Diritti dell’infanzia, approvata daelle Nazioni Unite nel 1989 che individua gli obblighi degli Stati e della comunità internazionale nei confronti dell’infanzia.

Tutti i paesi del mondo, AD ECCEZIONE DEGLI STATI UNITI, hanno ratificato questa Convenzione. Chissà perchè…

Quindi i padroni delle NU fanno ratificare a tutto il mondo una convenzione che loro non ratificano. Qualcosa non quadra. Gli USA spingono il mondo ad ignorare gli insegnamenti della natura, ma loro non lo fanno: perché?

Forse, ascoltando i suggerimenti della natura molti problemi si eviterebbero, il primo di questi è quello del magnetismo: due poli uguali si respingono mentre due poli diversi si attraggono. Sta alla base di tutto, anche dell’elettronica all’interno dei computer e telefonini. Chissà perchè invece dai media e dalle NU ci vengono imposti e propagandati concetti tche tendono ad enfatizzare i rapporti omosessuali arrivando ad attribuire ad essi diritti civili superiori agli altri

Inoltre l’esasperazione del conflitto e del l’egocentrismo ha avuto la conseguenza di far scomparire l’amor di patria. L’amor di patria e’ scomparso sopratutto nelle nuove generazioni che identificano lo stato con la mamma che mi deve fornire tutto quello che voglio senno faccio i capricci. Dubito fortemente che ci sarebbe oggi qualcuno disposto a morire per difendere l’italia. Per questo non si percepisce la presenza straniera come un invasione, perche’ non si ha il concetto di stato, paese, patria……

Da quando l’uomo è sulla terra, questa è la prima generazione dove non sono i figli a dare ascolto ai padri ma i padri a dare ascolto ai figli.

Come bloccare l’evoluzione di una societa’

Pedagogia consumistaultima modifica: 2018-08-12T15:23:52+02:00da fab_kl
Reposta per primo quest’articolo

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.